Cronaca

Negro: crollo abitazione a Lecce, rammarico per due vite perdute


Di:

Salvatore Negro, UdC (fonte image: iltaccod'italia.it)

Bari – IL presidente del Gruppo regionale Udc, Salvatore Negro, ha espresso rammarico e cordoglio per la morte di due persone a seguito del crollo del pavimento di un’abitazione in Via Taranto a Lecce. “Una morte che ferisce una città intera e che deve aprire una riflessione profonda nella politica e nelle Istituzioni sulla possibilità di assicurare una abitazione dignitosa anche alle fasce della popolazione più deboli, che aumentano a causa del perdurare della crisi economica”, ha sottolineato il capogruppo Udc. “Le nuove norme sull’edilizia popolare che la Regione Puglia sta per emanare, non saranno sufficienti se non verranno supportate da idonei finanziamenti per sostenere la realizzazione dell’edilizia sociale, rendendo con ciò accessibili le abitazioni anche agli indigenti. Gli IACP di Puglia, commissariati da oltre 10 anni, sono ancora regolati da una legge datata di quasi 30 anni che non dota gli Istituti degli strumenti che l’attualità richiede.

Sull’argomento poi, da tempo, abbiamo invitato il governo regionale e nazionale a tenere come riferimento i risultati raggiunti con il piano decennale per la casa, approvato dal legislatore nazionale nel 1978, legge n. 457/78, che all’epoca ha dato risultati soddisfacenti e che andrebbe riproposto. Per tali ragioni – ha concluso il presidente Negro – auspichiamo che si voglia aprire presto, a tutti i livelli, un nuovo e più proficuo dibattito sull’edilizia sociale per assicurare in tempi brevi programmi finanziari che consentano alle nascenti agenzie regionali per la casa, in sinergia con il privato, di poter realizzare alloggi anche alle persone meno abbienti, ed evitare così il perpetrarsi di tragedie come quella accaduta a Lecce”.

Redazione Stato

Negro: crollo abitazione a Lecce, rammarico per due vite perdute ultima modifica: 2014-01-27T22:21:04+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi