Manfredonia
27 gennaio: Giorno della Memoria o amnesia del passato?

Giorno della Memoria, Riccardi “Vorrei che iniziassimo a far cadere i muri anziché erigerli..”

Di:

Manfredonia. ”Si celebra oggi, 27 gennaio, il Giorno della Memoria di un popolo, quello mondiale, che invece ormai non ha più memoria. Sarei ipocrita a sciorinare semplicemente frasi tipo ‘mai più’ o ‘per non dimenticare’, quando intorno a noi si continua ad erigere muri, nel senso letterale del termine, per allontanare lo straniero. La paura dell’altro oggi, come settant’anni fa, si fa largo tra la gente in maniera sempre più esasperata e più che il Giorno della Memoria verrebbe da celebrare l’amnesia del passato.

È d’attualità in questi giorni la notizia del muro che il neopresidente americano Donald Trump vuole far erigere tra Messico e USA. Non c’è niente di peggio di leader, in qualsiasi parte del mondo essi siano, che per legittimare il proprio potere e guadagnare consensi giocano stupidamente ad esasperare il nazionalismo, causa dei conflitti bellici più cruenti.

Sì, sarei ipocrita se oggi mi limitassi a ‘ricordarvi di ricordare’, consigliandovi come fanno in tv, ormai credo per mera abitudine, quel film piuttosto che quel libro sulla shoah, senza riflettere su quanto sta accadendo intorno a noi.

Oggi, nel giorno in cui le Forze Alleate liberarono Auschwitz dai tedeschi, il mondo conobbe lo sterminio in tutta la sua realtà, prodotto dal sonno della ragione che trasformò lo straniero nel mostro. E mentre pare ancora udirsi in lontananza il boato delle bombe e nei talk show si dichiara con la faccia simil-contrita che tragedie simili non si ripeteranno mai più, il capro espiatorio di tutti i nostri problemi, come settant’anni fa, è l’altro.

Da nord a sud, da oriente a occidente, ci raccontano la favola che cacciato l’immigrato tutti i nostri problemi saranno risolti, in una paradossale equazione in cui più rifugiati riusciamo a respingere e meglio staremo. Che senso ha dunque oggi il Giorno della Memoria se invece non ci ricorda un’equazione molto più semplice, ovvero che al di là del colore della pelle, dell’etnia, della religione, della latitudine, siamo tutti uguali sotto questo lembo di cielo e gli uomini anziché erigere muri dovrebbero imparare a cooperare e ad aiutarsi l’un l’altro.

Oggi, dunque, nel Giorno della Memoria, vorrei che iniziassimo a far cadere i muri anziché erigerli, perché in fondo gli altri siamo noi”.

Angelo Riccardi, Sindaco di Manfredonia

Giorno della Memoria, Riccardi “Vorrei che iniziassimo a far cadere i muri anziché erigerli..” ultima modifica: 2017-01-27T10:34:11+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • Manfredonia senza ospedale senza treni e con tanti porti inutili e paludi

    Inizia ad abbattere il muro della stazione campagna morta cercando di adibire quell’ incredibile spazio da adibire a verde pubblico! Grazie


  • Zuzzurellone Sipontino

    Dovremmo ricordare tutti i genocidi, nativi americani del nord e sud America, quello del popolo Armeno, epurazioni di Stalin, delle nostre foibe, di chi era contrario ai Viet Cong, in Ruanda i Tutzi e di recente vicinissimo a noi la ex Jugoslavia. Nello specifico dei campi di concentramento nazzisti oltre a 6 milioni di ebrei, anche 1,5 milioni di zingari, circa un milione di persone diverse, gay, lesbiche, dissidenti politici, criminali recidivi, deformi ed andicappati, malati di mente, testimoni di geova, ecc.. Troppo spesso ci dimentichiamo di tutti loro. E che nazismo, fascismo e comunismo fra i tanti tratti in comune ebbero anche questo.


  • schifato dai politici italiani

    Bisogna abbattare il muro di cinismo, cialtroneria, egoismo, della nostra classe politica che ha portato l’Italia nella paluda della massima corruzione a livello mondiale, inefficienza a tutti i livelli e perdita totale della dignità. Una nazione senza una classe politica senza dignità è costretta a morire, infatti l’I’Italia è in agonia!


  • ZI TOTO'

    IO INVECE VORREI CHE INIZIASSI SERIAMENTE A PENSARE ALLA TUA CITA’ E NON AI MURI DEGLI ALTRI !!!!!!!.


  • Fabrizio

    I soliti ID-TI, purtroppo questa è anche la democrazia.


  • Geny

    Abattiamo anche i muri di casa, tutto senza regole perché deve esistere la proprietà privata.


  • Soliti id-ti

    Quanti id-ti in questi commenti , anche su un argomento cosi serio si scende nel puerile,parlate come libri strappati,reclamate solo quando non avete rispetto del vostro paese nelle norme basilari.


  • il giusto

    LA POLITICA E LA CANCRENA IN METASTASI DELL’EX BEL PAESE.


  • Zuzzurellone Sipontino

    La libertà di espressione è sancita dall’ articolo 21 della nostra costituzione, che abbiamo da poco difeso…………


  • pinco

    tu, hai distrutto una città.
    sei sceso a patti sotto banco per puri
    interessi personali.
    la città, i suoi abitanti ti votano e continuano
    a votarti non perché hai creato lavoro, sei sceso in piazza
    al fianco dei disoccupati, delle fabbriche chiuse, dei loro ex dipendenti,
    tu sei sindaco perché ti senti un re e i cittadini i tuoi sudditi indigenti ai quali
    paghi affitto di casa e panettoni a natale.
    ti devi vergognare, parli degli USA quando non sei in grado di farti una passeggiata per il corso Manfredi, sei sempre nella macchina appoggiato
    al finestrino a spiare un paese che non ti appartiene ma che ti sta regalando
    da 8 anni uno stipendio che dovresti devolvere alla chiesa.
    Tu, misero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi