GarganoManfredonia

AMMI Associazione mogli dei medici italiani – per la medicina di genere VI° concorso di ricerca Ammi


Di:

L’AMMI, Associazione Nazionale Mogli dei Medici Italiani, promuove un Concorso di Ricerca (il VI°) in medicina e farmacologia di genere al fine d’incentivare gli studi in questo ambito e stimolare l’accuratezza della diagnosi e della cura differenziale e di qualità per entrambi i sessi. Con l’intento finale di personalizzare sempre più le cure e l’approccio al paziente.
Possono concorrere i cittadini italiani che abbiano meno di 36 anni alla data di scadenza del bando e che possano dimostrare di avere un’attività sperimentale significativa, di essere in possesso del titolo di dottorato di ricerca o di specializzazione conseguito presso un’Università Italiana nell’ambito delle materie mediche e farmacologiche, di non essere dipendenti presso la Pubblica Amministrazione con contratto di lavoro di tipo subordinato, specificando comunque il tipo di contratto in essere al momento della partecipazione al Concorso. Coloro i quali hanno partecipato alle precedenti edizioni del Concorso possono ripresentarsi, ad eccezione dei vincitori.

BANDO E REGOLAMENTO

http://www.ammi-italia.org/concorsi.php

Come Ammi ricordiamo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità, con la Equity Act del 2000, ha introdotto il criterio dell’equità all’accesso alle cure, valorizzando le differenze e le somiglianze biologiche tra i generi e tenendo conto del significato socio-culturale legato al concetto di “genere”. Il quale incide anche in ambito medico e nella costruzione sociale differenziale del concetto di Salute e Malattia.

Per una medicina sempre più “a misura di persona”, uomo o donna che sia…fa differenza.

Ammi sezione di Manfredonia
Presidente Maria Antonietta Totta

AMMI Associazione mogli dei medici italiani – per la medicina di genere VI° concorso di ricerca Ammi ultima modifica: 2017-02-27T17:07:18+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi