ManfredoniaRicordi di storia
A cura di Franco Rinaldi, cultore di storia e tradizioni popolari di Manfredonia

I canti popolari della Quaresima e della settimana santa a Manfredonia

In questo articolo, ho voluto pubblicare i canti e le preghiere in vernacolo più rilevanti della Quaresima e in particolare della Settimana Santa

Di:



Manfredonia. Dagli anni ’70, tra le mie ricerche sui riti della Pasqua a Manfredonia, ho intervistato numerose pie donne, delle quali vale la pena ricordare: Mattia Guerra, Gaetana Vitulano al secolo “Ciucchetille”, Rosa Granatiero (103 anni), Maria Ognissanti, Carmela Grasso ed altre. Ho sentito altresì, esperti dei riti della Quaresima e della Settimana Santa che si svolgevano un tempo in cattedrale e nelle altre chiese nelle persone di Ercolino Telera ex Priore dell’arciconfraternita della Morte di S.Matteo; Gaetano Lauriola detto “Tanine u Sagrestene”, organista e cantore della chiesa di S.Matteo e della Chiesa cimiteriale; i sacerdoti canonaci Don Andrea Papagno e Don Antonio Di Lauro; e infine, Michele Nenna (ultimo allestitore del sepolcro in casa) e appassionato di canti religiosi e preghiere n vernacolo. In questo articolo, ho voluto pubblicare i canti e le preghiere in vernacolo più rilevanti della Quaresima e in particolare della Settimana Santa.

AMOROSE CROCEFISSE
(Preghiera al Crocifisso durante le funzioni religiose in Chiesa e anche nel corso del rito del Trentatrè e della Settimana Santa)

Amororose Crocefisse famme grazzje poche e spisse,
famme grazzje, Redèntore, famme grazzje Salvatore.
Famme grazzje, Mamma suve, Madònne Sande.
Famme grazzje Spirete Sande,
famme grazzje Sandisseme Crucefisse mije.
Sacro fònde di pjet à ijo vi adoro pèr carità.
Il tuo costato è ssembre aperto per le nostre nècessità.
Questa grazzje ca ve cèrche cungedamille pe ccarètà.

Crocifisso amoroso concedimi spesso le grazie,
fammi grazie oh Redentore, fammi grazie oh Salvatore.
Fammi grazia Mamma sua, Madonna santa.
Fammi grazia oh Spirito Santo,
fammi grazia, oh mio Santissimo Crocifisso.
Sacra fonte di pietà, io vi adoro per carità.
Il tuo costato è sempre aperto per le nostre necessità.
Questa grazia che io vi chiedo, concedetemela, per carità.

PADRE NOSTRE GRANNE GRANNE
(Una delle preghiere popolari della Settimana Santa)

Padre nòstre granne granne,
Crist’i mmurte a trèndatrè jjanne.
Trèndatrè janne fu ccundannéte
è a la croce i stete ‘nghiuete.
E’ llu sangh’a tturtamènde
corre Marije chieme la ggende.
E’ la ggende chieme a Mmarije
ca tuo Figlio sta per morire.
E’ Mmarije piccoline,
deceve la Mèsse ognè mmatine.
Chi la dice è chi la sènde
Mbaradise stanne i belle cose,
chiònghe vé è ce repose.
All’inferne stanne l i mala ggende,
chiònghe vé è cce repènde.
E’ rrepende è rrependute,
si ttrasute è nne bbu cchiò assì.
Signore pjetà, pjetà Signore di noi.

Padre nostro grande grande
Cristo è morto a trentatré anni,
a trentatré anni fu condannato
e alla Croce fu inchiodato.
E il sangue versato ingiustamente.
Corri Maria, chiama la gente
e la gente chiama Maria,
perché tuo figlio sta per morire.
E Maria piccolina,
diceva la Messa ogni mattina.
Chi la dice e chi la sente
in paradiso la presenta.
In Paradiso stanno cose belle,
chiunque va si riposa.
All’inferno stanno le persone cattive,
chiunque va è un rinnegato
e chi rinnega continua a rinnegare,
sei entrato e non puoi più uscire.
Signore pietà, pietà Signore di noi.

PREGHIERA IN VERNACOLO RECITATA UN TEMPO DA PIE DONNE NEL CORSO DELLE VISITE AI SEPOLCRI ALLESTITI NELLE CHIESE E NELLE CASE
Bbuona sor’a ssande sèpocle (se la preghiera avviene di sera)
Pjene de lagrem’è dde valore,
ndèrre si stete quarandòtt’ore
ope salvè lu peccatore.
Lu peccatore l’a salvete
è tutte u monne a lebberéte.
A ttè, sepolcre sande
t’hanne misse nzepolture.
Asscinne Mari è mitte lu mande
ca tuo Figlie fa grande lamènde.
Ggiude Te l’ò fatt’u trademende.

Ji t’adòre sande sepòlcre (se la preghiera viene detta di giorno)
Il recitato continua come sopra.
**Pie donne intervistate negli anni ’80: Mattia Guerra e Maria Ognissanti.

U BBUN ZERRETE
(Canto in vernacolo alla Madonna della Settimana Santa)
Marije steve ngàmer’è bbun zerréte
ci ‘affaccie è vvete na cavallèrije,
ci ‘affaccie è vvete nu meljone d’aggende,
ci ‘affaccie è vvete nu mejone d’aggende.
–Quell’uomo sarà mio Figlio cèrtamende
me l’hanne arrubbete è ijo non saccio njende
me l’hanne arrubbete è je non saccio niende–.
–Quell’uomo sarà mijo Figlio certamente
Me l’hanne arrubbete è je non saccio niende
Me l’hanne arrubbete è je non saccio niende–.
Marje mmèzza nu gròppe si menò:
-Chi è quell’uomo che passo le martelle?
Più forte e più llègato lo tenéte-.
June d’i ggiudeje ce volte che nu sgherrotte
Che nnu sgherrotte è ll’affligge a Mmarije:
-Vuje site la madre di quell’uomo sscéllerato ?
Vu site la madre di quell’uomo sccéllerato ?-.
–Ji nelli so mamme è manghe sore,
lassatamille nu poche arriposè
chè lu mio figlie nen bote cchiò ccammené
ché lu mio figlie nen bote cchiò cammenè–.
-O Mamma mija amorose, oh Mamma mija amorose
ogge mi aspetteranno in sèpolture,
mi aspetterai un altro guarti d’ore
persino che mi pàssano allè martélle
persino che mi pàssano alle martélle-.
–Figlio ti bbenèdico e tti Benèdiche,
Te bbenèdiche u latte che ti ho ddato
Te bbenèdiche li fassce è ppoi li panne,
per quando ti lasciai in casa di Pilato
per quando ti lasciai in casa di Pilato.
**Persone intervistate nel tempo per questo canto: Gaetano Lauriola e Michele Nenna.
Tra le altre preghiere e canti popolari della Quaresima (rito del Trentatrè) e della Settimana Santa in vernacolo che si cantavano e recitavano vanno inserite: Mistero del Rosario a Gesù Cristo:”… Spine de Gesù…..Delòre de Marje….; “A Spartenze”; “I Lamende de Marje”; “Ammizza mere stove na cappelle” ed altri canti che pubblicherò in un prossimo articolo
.

VENARDIJA SANDE (VENERDI’ SANTO)
(antico canto popolare del Venerdì Santo)

E’ mmò c’iaccòste lu Venardija Sande,
e lu mande Marije ce mètte nsande.
E’ mmò ce parte Marije sole sòléte
sènza nessciuna dònne pe ccumbagnije
Pe nnanze lu cunfòrte nu ggjudoje bbijanghe:
pecché, Madre Marije ca vè chiangènne?
– veche chiangènne ca tènghe na raggione,
agghie perdute lu chere Figliole.
– Vuje l’avite pèrse è nnuje l’hamme truéte
e mbacce na chelònne sté flaggelléte.
– A cherona d’ore me l’hanne pegghiéte
e quélle de spine me l’hanne nghiovète.
Marije ca la sendètte quèlla nòvelle
steve all’èrte e lli scoprì lu core.
– Marije ca sendètte quella novèlle
steve all’ert’è lli cascò mèzza morte ndèrre.
– Corre Ggiòvanne , pe quand’ amore ca te porte,
dimme se lu mjio Figlie ji vvive o mòrte.
– O vive o morte lo troverémo
è in casa de Peléte lo porteremo.
– E’ mmò ce parte Mari Ggèrusalemme
da fore li sindeve li bastunéte.
– Apreme, oh Figghje ca sò l’Annunzijéte.
– Oh mamme è nnò ndi pòsse aprì
ca li ggiudeje m’hamme miss’a lli pongènde,
– è mmò te fann’a ttè matre dòlènde.
To dimme, Figghje, pe qquala vije me ne vòggje ji.
– Médre, vattinn’a lla vije de li fucine,
va truv’a qquidde mastre, per ccòrtesije.
– E’ qquidi chiuve c’ana fè pe mmè
me li facèssere chiù lunghe e cchiù sùttile,
me li facèssere chiù lunghe e chhiù sùttile
pe ttrapassé la carna mija ggendile.
– Respònne la zengarèlla malidetta:
chiu ccorte e cchiù fattizze ce l’amma fèje
chiu ccorte e chiù fattizze ce l’amma feje
n’ònze de chiomm’è dde firre ce l’amma mètte.
– Zinghere, ca vu jesse malidette,
nen mbuzz’avì n’ore di arriggètte,
cume la calandrèlle de lu sole.
– E’ mmò ce parte l’angele è lla cavallèrije,
li chiuv’è lli martelle so ppreparète,
li chiuv’è lli martelle so preparète,
– È Ggese Criste addrot addrote jeve.
– Oh Figghie ca vu iesse abbenedètte,
pe qquanda latt’a stizze t’aggghie déte,
pe quanda latt’a stizze t’agghie dète.
– Asscinne Marije è mmitte lo tuo mande
ca lu tuo Figghie fè nu gran lamènde.
– E’ mmò ce lu pòrtene a llu sipòlcre sande
lu curpe sagratissime sagramènde.
E’ mmò ce lu pòrten’a llu sipolcre sande
lu curpe sagratisseme sagramènde
– Signòre pjètà, pjètà Signor di noi .

L’ALLORGIA SANDE (L’OROLOGIO SANTO)
(Antico canto popolare che racconta ora per ora le 24 ore che precedono la morte di Cristo fino alla sua sepoltura)

Ggesò a nn’ore de notte ce presendè,
facjove a cjone a Giude lu teranne.
Mentre ca Djie a cione faciove
Giude u tradiminde lu tramève,
e Ggese Criste ogni ccose sapove
a morta sove ce jove avvecenete.
A lli do’jore li lavè li pite
a lli trè jjore ce li predechètte.
Alli quarte ore ce li comunichè,
verse li cinghe all’urte ce ne jì;
alli sej iore l’angele dau cile calé
pe cunzelè lu gjoste vore Djie;
A lli sette ore la troppe arrevétte
Ggesò con li sue mene ci’arrendeve;
A lli iott’ ore avì nu sckaffe inaspettate,
a lli nov’ore fu flaggelléte
a lli dici’ore da pacce fu ppiggliéte
Gesò tutte de bbjancghe fu vestute.
A lli undeci’ ore lu posere carcerete
se manghe pecchéte n’avésse cummettite.
A lli dòdeci’ore fu purtete in chese da Janne e da Peléte.
A lli trideci’ore alla chelònne fu bbattute.

Spine pungende cume nu malfattore,
Ggesò fu ccurenète a lle quattòrdeci’ore.
A lli quindici’ore de rosse fu vestute,
fu schiaffeggéte da Scribbe e Ffaresoje.
A lli sideci’ore ce sendì nu gran rumore
decèrene: sije crocefisse che li ggiudeje.
E’ ffu sendenziéte a lli diciassètt’ore
e ssazzeje n’jevene angore quidde bbreje.
A lli diciòtt’ore lu posere lu lègne de la croce
gudère e ppo gudère la Sanda Croce.
A lli diciannov’ore lu nghiuuàrene alla croce
Lass’a Mmarija Vèrgine nu gran delòre.
Figghje pecchè me lasce chessi sole?
Madre te lasse che Ggiuanne sande,
Madre te lasce che Ggiuanne sande,
jisse, sarà u cunzulatore de lu tuo piande;
figghje ca to suje bbeneditte
pe qquanda latte e zizze ca t’agghje déte.
A lli vind’ore nvucaste u Padrèterne Dije
è pperdunaste totte la tiranne.
A lli vendun’ore da bbère li cerchève
Fféle e acète avèvene trapassate.
A vvindido’ jore lu schiudarene dalla croce
e ggià mmurte recevètte na langéte.
A lli vinditrè ore la Vergine Marije
disse: je mmurte lu figghje mije.
A lli vindiquattr’ore lu deposere nda lu sipòlcre sande,
lu curpe sagratisseme, Madre de Ddije
ascennute tutte quande da ngile
i sande che na cambèna d’ore de strumènde.
A l’adurè quanne ci javeze Sandisseme Sagraménde
a l’adurè quanne ci javeze Sandisseme Sagramènde.
E’ vvuje dònne, che ccòlpe n’avite
Ggèsò pè nnuje la morte l’ò pegliete,
l’ò repegghiéte pe nnuje peccature : chessì sije;
L’ò repegghiéte pè nnuje, o peccature, ammèn
ngile glorje,nderre a sanda péce.
l’ ò repegghiéte pè nnuje, o peccature ammèn ,
ngile glorje, ndèrre a Sanda péce,
Segnòre piatà, piatà Segnòre de nuje.

**Pie donne intervistate negli anni ’80: Rosa Granatiero (quando la intervistai anni fa aveva 103 anni); Mattia Guerra, Maria Ognissanti, Carmela Grasso.
Negli anni ’90 intervistato l’organista e cantore della chiesa di S.Matteo, Gaetano Lauriola detto “Tanine u sagrestene”.

FOTOGALLERY FRANCO RINALDI

PUBBLICITA’

PUBBLICITA'

PUBBLICITA’

(A cura di Franco Rinaldi, cultore di storia e tradizioni popolari di Manfredonia)

I canti popolari della Quaresima e della settimana santa a Manfredonia ultima modifica: 2016-03-27T15:05:29+00:00 da Franco Rinaldi



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi