Manfredonia
"Non basta una buona organizzazione per ottenere i risultati sperati"

Manfredonia, Italo Magno: “Raccolta rifiuti, quello che manca alla città”

"L’apertura di Manfredonia alla raccolta differenziata deve rappresentare anche un’apertura ad una nuova visione, più ecologica, più rispettosa dell’ambiente esterno"

Di:

Manfredonia. ”Non basta una buona organizzazione per ottenere i risultati sperati. È un’idea che tuttora non passa per la testa dei nostri governanti ed anche se fanno sforzi immani, per raggiungere le attese, essi possono solo restare lontani da obiettivi capaci di determinare il benessere e il decoro cittadino. Detto questo, ci fermiamo alla raccolta dei rifiuti, per adesso, ma se ci pensate bene il concetto che sto per esprimere può essere esteso a tutte le sfere della vita.

Innanzitutto occorre che nel Palazzo di Città entri aria nuova, aria fresca e salubre, cioè la democrazia a tutto campo. Questo dovrebbe essere interesse innanzitutto di chi ha la guida della nostra comunità, per governare bene il suo processo di crescita. Invece, chi ha avuto dall’elettorato il carico di gestire l’Amministrazione pubblica è, il più delle volte, molto attento a chiudere porte e finestre affinché nessuno possa mettere naso nelle cose amministrative, valutando perciò ininfluente ogni proposta che venga dall’opposizione, pensando che, se oggi si accetta un contributo da chi la pensa diversamente, magari riguardante la cacca dei cani, domani lo stesso chiederà addirittura di mettere naso nella gestione dell’ASE e nella sua organizzazione, quella manifesta e quella sotterranea. In poche parole il gioco della democrazia è una risorsa che la nostra amministrazione non sfrutta, non sa o non vuole utilizzare. Machiavelli si chiedeva se è più utile per un principe essere temuto o amato? La risposta dal nostro “principe” è stata già data: il “principe” deve essere AMATO, da chi ha ottenuto oppure spera di ottenere da lui un beneficio; ma deve essere sicuramente TEMUTO da chi gli si oppone. (E qui già so che si scatenerà la canea di chi è stato posto a guardia del castello del re!)

Ma veniamo alla raccolta dei rifiuti. È una lotta impari, noi ce ne rendiamo perfettamente conto, sia per la difficoltà obiettiva di rendere un servizio appropriato ad una popolazione così estesa sul territorio; sia, soprattutto, perché la città sente il nuovo modo di conferimento e raccolta dei rifiuti lontano ed estraneo al proprio modo di fare e questo perché non c’è stato il giusto approccio con la popolazione. Gli sforzi che sono mancati in questa direzione erano proprio quelli che servivano a rendere partecipi i cittadini di un grande progetto di vita, per fare la nostra città veramente capace di prendersi cura del proprio decoro e del relativo patrimonio di bellezza.

Per questo dicevo, in un precedente intervento, che è stato molto carente l’approccio educativo da parte di chi gestisce il nuovo sistema di raccolta, che non avrebbe dovuto solo insegnare a raccogliere, differenziare e conferire i rifiuti secondo regole stabilite, ma far capire a tutti l’utilità di cambiare, insieme al nuovo sistema di raccolta, il proprio stile di vita. Innanzitutto occorre fare attenzione ad acquistare prodotti con meno involucro (utilizzando, ad esempio, i distributori di detersivi, dove esistono, o legumi sfusi) e preferire la merce con imballi più leggeri e più facilmente riciclabili; portarsi sempre le buste da casa per fare la spesa; acquistare solo gli alimenti necessari, per evitare di buttare cibo nella spazzatura (il 40% finisce così); utilizzare anche il pane del giorno prima, con il riscaldamento o il riutilizzo in cucina (pancotto, pane fritto, pane bagnato, ecc.); controllare sempre la scadenza dei prodotti; evitare di acquistare tre per due, perché spesso il terzo prodotto va a finire tra i rifiuti; riflettere prima di fare acquisti perché, abbagliati dalle offerte, spesso ci si porta a casa anche ciò che non useremo mai; evitare di consumare il tempo libero nei centri commerciali dove, ammaliati dalle musichette, dal frastuono e dai colori, si comprano cose che non avevamo deciso di comprare; soprattutto, quest’ultimo passatempo è costoso per noi e rappresenta una cattiva educazione per i figli, i quali da grandi, invece di diventare cittadini, si troveranno ad essere semplici homines consumentes.

Insomma, l’apertura di Manfredonia alla raccolta differenziata deve rappresentare anche un’apertura ad una nuova visione, più ecologica, più rispettosa dell’ambiente esterno ed interno all’uomo (la salute). Dunque, un adeguato smaltimento dei rifiuti deve innanzitutto includere un adeguato stile di vita che punti alla riduzione dei rifiuti prima ancora del loro smaltimento. Se abbiamo bisogno di affetto, non rivolgiamoci all’acquisto di abiti firmati o di ultimo grido, che si trasformeranno, in poco tempo, in indumenti fuori moda. Se serve calore umano rivolgiamoci ai nostri simili, non ai cellulari dell’ultima generazione né ai social; incontriamo amici veri, fatti di carne, ossa, apertura all’ascolto ed alla solidarietà; dedichiamo più tempo alla famiglia e passiamo le nostre ore libere all’aria aperta; accontentiamoci delle piccole cose che la natura ci regala e coltiviamo i nostri sogni ogni giorno, purché siano sogni per i quali valga la pena di sognare”.

(A cura del prof. Italo Magno, Consigliere Comunale di Manfredonia Nuova)



Vota questo articolo:
46

Commenti


  • Alchimista

    Egregio Sign. Magno, partendo da Machiavelli, se è vero quello che ha scritto lei è pur vero che lo stesso autore del Principe dice ai governanti: “fai quel che devi avvenga quel che può”, questo per dirle che il compito primario del governante non è educare ma “governare ovvero avere gome il nostromo il Governo il comando della nave”, mentre a chi spetta l’educazione e la formazione è prima di tutto la famiglia, poi la scuola e poi altre istituzioni. Oggi troppo spesso chiediamo ad altri di fare quello che noi non siamo più capaci di fare. Che Manfredonia abbia bisogno di una svolta civica è lapalissiano, ma visto che enuncia trattti di politologhi, mi dica lei che popolo vuole che sia. Un popolo che fà le cose per un senso civico di appartenza oppure un popolo che ha bisogno del bastone per essere governato? Nel primo caso il popolo ha la democrazia nel secondo caso è dittatura. Deve tornare baffone per avere senso civico?
    Parlando delle porte o finestre chiuse di chi governa, mi permetta di farle notare che chi governa ha l’onere ed onore di mettere persone di propria fiducia a tutte le controllate, vedesi ASE vedesi ospedali ecc, non credo che se Lei ed il suo partito fosse al governo di questa città lascerebbe spazio a chiunque esso sia di diventare dirigente o di far amministrare ad altri quello che potrebbe fare Lei, altrimenti che senso ha vincere se non si vuole atturare il proprio modo di governare!
    Io non ho votato questa amministrazione, ma mi permmetta una cosa, dove vuole arrivare il suo articolo, sinceramente non l’ho capito.
    Grazie.


  • Lorenzo

    Grazie signor magno per averci illustrato dettagliatamente come si fa la spesa. Menomale che ci sei tu! Sì, hai ragione signor magno, sono questi i problemi di Manfredonia…dobbiamo imparare a fare la spesa. Certo che è triste la situazione….e quando ne usciremo con gente di questo tipo?! La spesa….e la città sprofonda nella merda! Da domani, gente, niente tre per due! E i problemi da tre diventeranno due!

  • Di solito non rispondo, ma la sua idea di democrazia, di chi mette le persone perché fidate e non per merito ha un nome; Si chiama clientelismo. Quello che vogliamo è liberare Manfredonia e l’Italia proprio da questo scempio. Con simpatia.


  • gino

    egregio sig.Magno, nel suo articolo appena scritto lei sotttovaluta come al solito le capacità dei manfredoniani, lei nn ha nessun diritto di giudicare se i manfedoniani sono o nn sono capaci di fare la differenziata, le posso solo dire che nel mio quartiere sono 2 settimane che è iniziata la raccolta differenziata è procede tutto alla grande, alla faccia sua e del suo modo di giudicare le persone, se veramente ci tiene alla città, domani prenda una bella scopa è inizi a pulire il suo quartiere. tanti slauti da un libero cittadino che ama la sua CITTA’.


  • francesco

    Va tutto bene perchè la maggior parte degli abitanti della zona interessata butta l’immondizia nei cassoni delle altre zone…….


  • Gino5st

    Bisogna capire invece quanto costa ai cittadini
    Esempio
    Il costo delLe buste da utilizzare puntualmente è aumentato
    In altri paesi dove la differenziata è partita tanti anni orsono le buste vengo fornite dall’amministrazione perché differenziare non diventi un costo per il cittadino ma un risparmio


  • Ginetta

    Ma lei non dorme la notte per scrivere queste …..e mi fermo
    Non vado oltre ..


  • senza fede

    Quanti amano questa citta’ ma nessuno se la sposa!sveglia gente Che molti la monnezza la gettano lontano nei cassonetti o a terra.la raccolta andava fatta tutti allo stesso giorno.Non vedete o non volete vedere?bisogna incoraggiare a premi la raccolta se no va tutto a ……..


  • antonella

    Per francesco e “gino”, tranquilli che nessuno vuole insegnarvi a fare la spesa, non pretendiamo che riuscite a capire un semplice articolo figurarsi poi insegnarvi anche a fare la spesa a gente intelligente come voi, non oseremmo mai, vero gino? Un genio come te poi? Sarebbe inutile dire che fare la raccolta differenziata porta a porta equivale a
    cambiare stile di vita in meglio, dove si
    scelgono meglio cibi e bevande da
    consumare, dove si impara a ponderare
    quantità e qualità, che ve lo diciamo a
    fare a due dotti come voi, che siamo
    prossimi all’estate che se non si cerca un
    modo di contenere l’acquisto di derrate
    alimentari chiusi in plastica quali acqua
    bevande, latticini, e tanto altro, ci vorrà
    un camion a famiglia non un mastello,
    cosa diciamo a fare che poi
    probabilmente quel quantitativo di
    plastica prodotto in più potrebbe
    comportare un qualcosa in più in
    bolletta? Ma no, geni come voi sanno
    tutto vero? Approposito geni come voi
    due hanno inteso che la raccolta
    differenziata nella vostra zona la fanno
    ancora in pochi, molti buttano vicino casa
    di mamma’, altro che faccia nostra, la
    figura di merda è tutta vostra, almeno
    risparmiateci i commenti.


  • UOMO ARRABBIATO

    Il Signor Magno a fatto un analisi esatta di come si potrebbe gestire una buona raccolta differenziata, e come al solito ci sono lecchini e nullafacenti che criticano anche i buoni consigli, sono sicuro che sono persone che non sanno nemmeno il perche si DEVE E COME fare una buona raccolta differenziata. ALCHIMISTA- LORENZO-GINO- E GINETTA – jete a fatije invece de feje i quaquaraquà e i lecca-lecche


  • Gigi

    Caro professore come al solito assistiamo al gioco dei comunicati senza senso, mirati a discriminare e a sminuire ciò che di costruttivo si fa per questa città. Se ne faccia una ragione ha tanto da imparare da RICCARDI.


  • Pasquale

    Vorrei chiarire due concetti vedo giornalmente che nelle zone dove non è partita la differenziata un aumento di immondizia di qualsiasi genere dalla carta alla plastica all’umido e poi la caccia dei cani che dopo un breve periodo dove i proprietari si chinavano con la bustina ora invece devi fare lo slalon sui marciapiedi cosa è successo sono finite le bustine o la buona educazione.


  • Mister x

    Signo Magno, come al solito è sempre pronto a fare critica distruttiva, non le sta bene neanche una. Offendere i manfredoniani offende lei stesso essendo anchlei di Manfredonia,ogni inizio ha le sue difficoltà, dai tempo al tempo e soprattutto non dica alla gente quello che deve comprare. Lei ha la presunzione di risolvere tutti i problemi di Manfredonia, forse ha la cosiddetta bacchetta magica. Vorre tanto che alle prossime elezioni lei uscisse come sindaco cosi finalmente risolviamo tutti i problemi che ci sono insieme agli uomini che lei metterà al comando.


  • Pessimista

    Sono le 10,30 e ancora nn passa nessuno!!! X fortuna ke è partita in una sola zona!!! Decoro urbano con la differenziata?ma fatemi il piacere,la gente fa lo slalom sui marciapiedi x passare…vedremo quando si partirà anke in zona croce e monticchio…x non parlare ke tre camioncini ricopriranno anke: montagna riviera sud siponto e borgo mezzanone…


  • Giorgio

    Caro ” o professor ” lei pensa che i cittadini manfredoniani siano tutti come quelli della sua cooperativa di piazza d’uomo, come scrive la tua Antonellona, purtroppo mi dispiace per lei non è così. Quindi lei con la sua musa Antonellona piazza d’uomo andate ad evacuare al largo. Gentilmente ci risparmi questi commenti che fanno cacare.


  • svolta

    Ragazzi in sintesi il prof. Magno ha voluto significare che la migliore raccolta differenziata inizia prima di farla…. quante polemiche inutili e prive di proposte alternative ad attente osservazioni e considerazioni.


  • antonella

    Gigi nella vita c’è sempre da imparare, il pregio è quello di farlo con umiltà, come con tanta umiltà si deve anche capire che molte volte si da’ molte volte si deve prendere. dobbiamo imparare da riccardi? In sei anni ho personalmente postato centinaia di foto di bidoni
    stracolmi di immondizia buttata in ogni
    dove, chiesto il raddoppio dei bidoni,
    utilizzo di telecamere per multare quanti
    buttavano a terra i sacchetti, chiesto
    interventi forzati ad ase per il ritiro di
    ingombranti, ottenuti solo dopo
    pubblicazione di articoli su testate on
    line, chiamate da parte dei vigili per
    sollecitare il ritiro, tante telefonate e litigi,
    da anni facciamo la guerra per la pulizia
    della città, siamo rimasti inascoltati, non
    ricordo uno, e uno solo di interventi di
    riccardi, (escluso questo ultimo periodo
    di messa in opera della differenziata), in
    questi anni dove noi altri urlevamo
    inutilmente, perché riccardi non
    prendeva iniziative affinché il fenomeno
    dei sacchi di spazzatura gettati a terra
    fino a formare montagne, cosa che
    accadeva sovente e in tutta la città,
    venisse completamente e drasticamente
    risolto, siamo dovuti arrivare alla
    chiusura delle discariche autorizzate, per
    decidere che bisogna fare la
    differenziata? Ogni anno i cittadini
    devono postare centinaia di foto del
    verde incolto, del degrado nelle piazze pubbliche affinché si decida di intervenire al meglio? Insomma se è vero che
    abbiamo un sindaco, oltre alle solite
    chiacchiere da bar, lo apprendiamo solo
    dal solito comunicato stampa, o proclama, con foto annessa
    emesso dal comune. Si certo, abbiamo
    proprio e tanto da apprendere.
    Giorgio tontolone fratello di tontolo, ti pareva che casomai tu una volta nella vita, con quel cervello bacato e difettato che ti ritrovi, riuscissi a capire la
    sostanza, il messaggio del testo di cui sopra? Già mai vero, in fondo un tontolone resta sempre un tontolone vero? Invece Dire a te di evacuare altrove sarebbe come dire di andare a spargere la melma velenosa di cui sei composto in giro, sarebbe un grave reato contro l’ambiente e l’umanità.


  • Lorenzo

    14 592 disoccupati in un paese di 60mila abitanti e questi pensano alla differenziata…mahhhhhhhhhhhh


  • Giorgio

    Eccezionale l’ID- svolta che ci spiega cosa voleva dire ‘o professor’ nel suo comunicato.


  • Anonimo

    MA QUALCUNO LA MATTINA SI FA UN GIRO DOV È PARTITA LA FIFFERENZIATA? È UNO SCEMPIO A CIELO APERTO!!! Aspettiamo ke parti in tt le zone,sai le bestemmie a questi camioncini ke si fermeranno ogni 3 secondi con la fila di makkine dietro!è puro FALLIMENTO!!


  • Gigi

    Ripeto quello che ha detto Giorgio, Antonellona vai ad evacuare al largo. Se non sai cosa vuol dire evacuare, cara Antonellona , te dico io, ” ….


  • antonella

    X gigi, sappi che i tori ti aspettano.


  • Alchimista

    Lorenzo, in un paese con 14.592 disoccupati reali, non ci sarebbe bisogno di prenotazione per andare da un parrucchiere, non ci sarebbero le cose fuori i bar e le pizzerie, non ci sarebbero tutte quelle persone che girano in macchina inutilmente, detto tra noi sarebbero in piazza a protestare, invece molti di loro (non tutti) lavorano in nero. Quando vedrò un corteo, conterò i disoccupati reali. Antonella le tue parole sono sacrosante, ma la lezione di morale politica ed etica fatta dal Professore, credimi lascia il tempo che trova. Torno a dire a te e chi come te pensa che io non ho votato è mai voterò questo Sindaco, ma se volete cambiare qualcosa non è facendo la morale ma dando il buon esempio. Ritornando al enunciato Machiavelli, è sempre facile fare il secondo, perché è sempre il primo a sbagliare. Fatti non parole!!!!!!


  • VERITA'

    ad ogni iniziativa è chiaro la dura realtà ma il tempo da i suoi frutti..ora do e darò ragione ai FORBICIONI..è facile parlare..ma tra il dire e fare vi è di mezzo il mare..


  • antonella

    Alchimista, a noi non piace fare i secondi,e non viviamo su questa terra per criticare il primo che purtroppo sembra cima bue in tutto e per tutto, meno male che poi ci sono gli esperti a consiglio altrimenti chissà dove saremmo, non voglio neanche immaginarlo, pensiamo più verosimilmente che questa città
    possa dare davvero il meglio, in molti
    settori, purtroppo nessuno lo vuole dare questo meglio,perchè chi vive con i paraocchi
    della partitocrazia, del clientelismo, ha paura di perde la poltrona, chi ha mai
    vissuto senza la politica può fare altro?
    Essere libero di scelte giuste,
    Professionali e competenti? Se mi si
    offrisse il posto del primo, lo accetterei
    solo per il gusto di guardare in faccia tutti
    quelli che vivono di politica con il sangue degli altri, e non di
    lavoro, per insegnargli l’onesta, la
    dignita,la correttezza che in tutta la loro
    miserrima vita non hanno avuto,
    basterebbe questo per cambiare in
    meglio il volto di questa città in mano a
    dei primi che di primo hanno solo il
    piatto dove mangiano. Noi non stiamo a
    guardare il nostro lo facciamo e come.
    Ma non ci pieghiamo alla logica del
    asservimento politico, chi pensa questo è
    stolto, facciamo la nostra parte nel nostro
    quotidiano politicamente e civicamente,
    Concretamente, ma bisogna capire che la logica del primo è sempre quella del tutto e del niente, o con me o nulla.
    Alchimista tu sei una persono dotata di buon senso? Se si, quanto scritto dovrebbe bastare per intendere.


  • Alchimista

    Antonella forse è un limite mio non riuscire a spiegarmi, io non non sono per questa amministrazione, ma non per questo si critica a prescindere. La differenziata deve essere fatta e basta, poi si può migliorare può essere fatta in altri modi, questo è evidente tutto può essere migliorato ma bisogna partire prima o poi o no? O solo perché sono all’opposizione io ho il dono della verità e gli altri rubano? Tornando al tuo modo di vedere la politica, puramente utopistica e tornando per l ennesima volta a Machiavelli padre della politica come scienza, la democrazia è il migliore dei governi peggiori. Questo per dirti, che chiunque in Italia si è avvicinato alla politica italiana, con una morale ed etica superiore, alla prima occasione che si è avvicinato al miele ne è rimasto intrappolato. Sono troppo disilluso per non essere d’accordo con il Gobbo. “”” il potere logora chi non ce l ha “””. Ti auguro di amministrare Manfredonia, ma conserverò queste conversazioni, quando prima o poi qualcuno verrà beccato con le mani nella marmellata!!!


  • antonella

    Caro alchimista dalle mie parti si sole dire, ‘la sai lunga e non la raccondi giusta’, a volte ho la sensazione di scrivere arabo, allora non mi resta che scrivere in parole poverissime, la raccolta deve partire per forza, le discariche sono off limit, si deve differenziare, È un obligo oltre che un dovere, e bisogna farla subito estendendola a tutte le utenze,
    PERCHÉ diversamente è una
    pagliacciata, solo che a differenza di chi
    fino a oggi È rimasto fermo a godere
    dello spettacolo dei cumuli di immondizia vicino i cassonetti, senza fare una piega, pensiamo che molti utenti vanno aiutati
    ad accogliere questo nuovo modo di
    vivere, PERCHÉ tale DIVENTERÀ, anche
    attraverso l’uso di buone pratiche.
    Riguardo alla mia utopia, è realta in
    germania, inghiltarra, olanda, svizzera e
    tanti altri paesi dove governare è
    consuetudine di integrita e dignita, utopia per questa ciofeca di paese grazie a i politici più riusciti che in realtà sono
    ladri, imbroglioni, incompetenti, truffatori, pluri pregiudicati e tanto altro che fa
    curriculum, anzi più giudizi pendenti si ha più si diventa un politico di razza, poi visto che questa è la visione complessiva, fanno tutti di necessità virtu’, giusto alchimista? Si segnateli questi passaggi, perché di tanto in tanto qualche buona lezione di vita, bisogna per noi darla, per voi altri riceverla, ringraziando Dio, non siamo tutti uguali.
    Il potere logora la mente di chi vive di politica e non conosce altra realta che la comoda poltrona, i soldi e lussi facili presi dal sangue della collettività, logora la mente di chi non ha onore ne dignità di sorta, di chi non ha ne faccia ne parola di uomo integro, di chi non ha un domani senon quello della sola politica. Conservale bene queste parole .


  • svolta

    Giorgio oh Giorgio, anche questa volta, hai lasciato il segno della tua imperterrita e purtroppo perenne e costante imb.tà,


  • Alchimista

    Antonella entri a pieno titolo tra i “sofisti”, credimi non è un offesa! Con tutto il rispetto e tanto di capello per i trascorsi del sign. Magno, ma anche lui, il suo leader massimo è un politicante di vecchia data, figlio di politico e sindacalista o forse mi sbaglio? Per quelle che sono le tue idee mi dispiace ma ci sono arrivati prima quelli di M5S! Restando alla monezza, una semplice domanda, ma tu cosa avresti fatto di diverso sulla differenziata?


  • Giorgio

    Caro alchimista .la testa ad Antonellona piazza d’uomo si perde acqua …. Lo stesso vale per l’ID- svolta.

  • Che miseria morale e culturale!!!!!!!!!!!! Di cosa si sta parlando? Lo sanno questi signori che il consigliere Magno ha proposto ciò che eminenti filosofi e il nostro amato Papa Francesco vanno dicendo da tempo e cioè che per evitare cambiamenti climatici disastrosi per la sopravvivenza della vita umana su questo pianeta occorre ridurre drasticamente i consumi? vorrei ricordare a lor signori che il riciclaggio, nelle disposizioni europee in tema di rifiuti, viene dopo la riduzione e il riuso. Peccato il mio pessimismo circa la possibilità di fermare i cambiamenti climatici è aumentato dopo aver letto questi commenti che mostrano chiaramente o la malafede oppure la totale ignoranza entrambe al servizio di una politica che di nobile non ha proprio nulla.


  • antonella

    Alchimista, grazie per avermi dato della sofista si vede che sei una persona davvero illuminata, meno male che non hai votato riccardi, sarà per questo che citi tanto le gesta del consigliere Magno, delle sue origini politiche, vero? Pero lasciami dire, per ultimo, che prima la politica nel bene e nel male,era eretta da statisti, oggi è retta da soli porci, perdona il termine cruento, è l’unico che si adatta meglio a questi politicanti. Per il resto, ora dai tu le soluzioni al caso della raccolta, visto che sei un illuminato.
    Giorgio ti confermi un tontolone, copi e usi frasi che noi ti abbiamo cantato per anni? Dai sforza un po quella poltiglia chiusa nella scatola cranica, cerca di essere un po originale tontolone.
    P.S. finito il referendum chiusa la raccolta firme?


  • svolta

    Giorgio oh Giorgio…. noi come tu dici abbiamo l’acqua nella testa, meglio del niente che hai nella tua che è infarcita di tanta ma tanta imb.tà.


  • svolta

    Ecco il frutto che esce dalla pianta della imbecillità umana, a maggior ragione quando nella testa non si ha niente di importante, neanche la vita umana: Salah Abdeslam: imbecille…… ma prezioso, ha l’intelligenza di un portacenere vuoto….. (STATO TV 27 APR 2016, 19:17)


  • Gigi

    …citi le gesta di Magno…Cara Antonella che parole usi, tuttalpiù il tuo professore può paragonarsi a gesta al famoso Brancaleone da Norcia. Ti chiederai e chi è ? Fatti una ripassatina …..


  • antonella

    Povero gigi, ti rode il fegato vero? Non lo sopporti proprio di prendere lezioni dal consigliere Magno, fattene una ragione gigi, studiati il don milani e il macchiavelli, quando sarai cresciuto, avrai altri aiuti che faranno di te una persona “normale”, ma non pretendiamo troppo visto la materia su cui siamo costretti ad intervenire.


  • Alchimista

    Antonella, Antonella, ti facevo più sgamata. Allora una cosa alla volta. Illuminato non lo è nessuno ma per fortuna che c’è stato l’iiluminismo solo grazie a questo movimento si è riuscita ad avere la secolarizzazione. Comunque, quelli che tu chiami grandi statisti hanno affondato l’Italia. Partiamo dai sindacati, devi sapere che sono i primi artefici della nostra disfatta. Tutelato sempre tutti senza meritocrazia, tesseramento obbligatorio presso le fabbriche e sopratutto, permessi per fare seconde attività e mai un bilancio dove vengono resi chiari i bilanci e non ultimo un trambolino per la politica. I grandi statisti di cui parli hanno permesso il formarsi di attività terroristiche e di attentati di matrice statale, detta la cosa peggiore era un alcova di corruzione e di clientelismo. Unica politca fiscale è stata solamente quella di svalutare la lira creando inflazione e facendo arricchire le banche. Continuando su quelli che chiami grandi statisti, l’accordo tra sindacati e stato ha permesso di rendere abnorme e piena di sovrastrutture inutili la macchina statale. I tuoi statisti e sindacalisti hanno permesso che autisti di circolari diventassero dirigenti comunali, hanno permesso di diventare Generale senza mai aver fatto un concorso, hanno permesso di imbottire ogni struttura statale di nulla facenti. Sai chi sta pagando questo conto? tu, io e le generazioni a venire. E pensa loro sono tra i magiori artefici di quello che tu provi a cambiare.


  • Alchimista

    Antonella questa è la mia idea sulla differenziata, il porta a porta è l’unica strada percorribile, per quanto scomoda possa essere. Ma fatto cosi il porta a porta se siamo fortunati raggiungerà il 50 % della raccolta. Che ci piaccia o no, abbiamo bisogno del bastone e della carota.
    Prima di tutto deve essere creato un punto di raccolta che ha la funzione di raccogliere tutto quello che non può essere smaltito nei cinque secchi, vedesi prodottti chimici o apparecchiature elettroniche etc, ma sopratutto dare la possibilià a chi non puo mettere per strada per un motivo X di poter comunque smaltire rifiuti. Logicamente con un sistema anche dove chi porta alluminio o immondizia che ha un certo valore possa veder diminuire la propria tassa. Secondo passo, controllare il rilascio medio di ogni famiglia in modo da sapere chi non sta facendo la differenziata e multare o chiedere giustificazione in aggiunta a questo massimo un bidone al mese di indifferenziata tutto l’extra lo paghi a parte.
    Un ultima cosa, basta omertà tra di noi!
    Ora Antonella una tua idea di raccolta differenziata, ma per piacere non ripetere le parole del tuo leader Massimo cerca di avere una tua idea.


  • Alchimista

    Per Iolanda, forse non hai capito che qui tutti sono d’accordo sulla differenziata, che non possiamo esimerci da farla per quanto scomoda possa essere. Chi è incivile lo è e lo sarà sempre, lo dimostra la sporcizia presente acccanto ai bidono con i bidoni vuoti, ai muri imprattati di frasi d’amore anche grammaticalmente scorrette il problema è un altro che non dobbiamo devolvere alla politica il compito del educazione, quello spetta ad altre istituzioni. A dimenticavo ma tra tutto quello che abbiamo scritto Magno cosa voleva dire? qual’è la critica mossa a questa amministrazione? sai cosa penso? questo un ennesimo modo per fare campagna elettorale, come la prima Repubblica ogni occasione è buona!!!!!!


  • Pasquino

    E’ strano leggere il lamento di un figlio di questa strana situazione politica.Mio nonno, cavaliere di Vittorio Veneto, mi diceva sempre che se certe persone le annusi in quel posto puzzano tutti.La differenziata poteva essere fatta fornendo a tutti i contribuenti buste trasparenti con stampato i codici fiscali e poi inviare controlli. Questo è stato fatto in altri comuni ed ha funzionato


  • Alchimista

    Pasquino è verissimo quello che dici!


  • antonella

    Alchimista, sgamata?
    Parli dei sindacalisti di ieri o di oggi, di quale condesto poi? La colpa della rovina di questo paese non sarebbe dei politici, del loro operato, della loro ingordigia, del loro egoismo, del loro menefreghismo?del loro scialaccare con i soldi e il sangue dei cittadini che ingenui gli hanno affidato voto e speranza?la colpa è solo dei
    sindacalisti? Ci credi davvero a quello che
    affermi? Io no! Comunq.
    Se leggi il commento di pasqualino ha dato una degna soluzione al problema che noi abbiamo profetizzato da subito, distribuzione di sacchetti debitamente numerati e codificati x utenza, con un ottimo softwere applicativo grazie ai codici, si puo avere contezza di quanta frazione viene differenziata ogni giorno per utenza, se c’è chi fa il furbo che non differenzia, non conferisce xchè butta altrove, grazie ai codici, x eslusione lo sgami subito. Ovvio che serve un ottimo softwere e un po di intelligenza, per il resto le isole di raccolta controllata, per smaltire determinate cose, dovrebbe essere una realtà.
    Pasqualino grazie per aver condiviso con noi la perla di saggezza di tuo nonno, ne
    faremo tesoro custodendola gelosamente.


  • Alchimista

    Antonella tu vivi dissociata dalla realtà ha ragione Gigi! Ma sei capace di leggere l’italiano? Ho capito il tuo leader massimo ti ha promesso un posto di lavoro. Comunque nel tuo tanto scrivere di tuo non hai messo nulla, nessuna idea tua, ti sei limitata a dire come su Facebook questo mi piace questo non mi piace. Antonella con me la frittata non la giri e per la cronaca anche io concordo con Pasquino anche senza conoscere il nonno. Se uno fa o dice cose giuste, o che per me lo siamo, io metto mi piace anche se è all’opposizione. Ti lascio con una massima di Nietzsche “attenzione al nemico che combatti, diventerai peggio di lui”.


  • antonella

    Alchimista rispondo alle tue inutili provocazioni con educazione, chiudendo questa farsa, sappì che ti ho dato corda per vedere fin dove arrivavi, ed ecco lupus in fabula, ora sgamato sei tu, almeno dovresti avere gli attributi di postarti con il tuo nome, ma pensi davvero di prendere in giro qualcuno
    dicendo”io non ho votato loro” fai la
    cortesia, la gente che crede di essere
    furba è sempre quella più stupida, senza offese, di tutte le cavolate che hai scritto
    voglio e posso assicurarti, che tu il
    consigliere Magno non lo conosci e
    neanche se lo conoscessi davvero
    potresti permetterti di stargli vicino, la
    sua retta persona annullerebbe la tua
    stoltezza in ogni suo tentativo di trovargli ambiguità, quando non si arriva all’uva si dice che è acerba vero? Vai a
    filosofeggiare le tue cavolate altrove, mi
    dispiace ma non sei all’altezza, studia
    ancora e ritenta, magari la prossima volta, mettici il tuo nome, almeno capiremo che hai trovato il coraggio, almeno quello!


  • antonella

    P.s. Alchimista, divertiti a guardare il mio profilo, io mi diverto tanto.


  • Alchimista

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/02/16/previdenza-doro-chiesta-alla-camera-commissione-dinchiesta-sulle-pensioni-maggiorate-dei-sindacalisti/2469118/
    Antonella giusto per correttezza, non so chi sei e non posso spiare nessun profilo, il giorno delle elezioni ero al Expo e fossi stato a Manfredonia avrei votato 5stelle. Se hai tempo leggi articolo che ho postato!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi