FoggiaManfredonia
Per la prima volta inoltre è stata lanciata una partnership con un’altra Borsa, il Casablanca Stock Exchange

Pmi, in Borsa 30 nuove società Elite

Le 30 società italiane che entrano oggi in ELITE provengono da diverse regioni dal Piemonte al Veneto

Di:

(BORSAITALIANA). Oggi con due eventi in contemporanea a Milano e Londra vengono presentate le nuove 46 società (30 italiane e 16 inglesi) che entrano in ELITE, l’innovativo programma per accelerare la crescita delle imprese eccellenti che raggiunge così quota 389 aziende. Il mese di aprile 2016 ha rappresentato un importante traguardo per ELITE: oltre alle aziende presentate oggi, sono entrate nel programma anche società da tutta Europa, Israele, Russia, Turchia e Marocco per un totale di 73 nuove ELITE. Per la prima volta inoltre è stata lanciata una partnership con un’altra Borsa, il Casablanca Stock Exchange, per sviluppare ELITE fuori dall’Europa.

Le 30 società italiane che entrano oggi in ELITE provengono da diverse regioni dal Piemonte al Veneto, dalla Lombardia alla Puglia e sono rappresentative di diversi settori, in particolare food&beverage, media, software e lifestyle a ulteriore conferma della capacità di ELITE di rappresentare l’economia reale. Oggi i nuovi ingressi in Italia e UK portano nella community ELITE un totale di 389 aziende con ricavi aggregati che superano i 32 miliardi di euro per oltre 130.000 posti di lavoro in tutta Europa. L’evento in Borsa Italiana vede anche l’intervento di Ivan Scalfarotto, Sottosegretario allo Sviluppo Economico e Alberto Baban, Presidente Piccola Industria di Confindustria per sottolineare le sinergie con i programmi governativi in corso a sostegno delle migliori PMI del Paese.



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • ilproletario

    Invece di nominare i politici presenti, non era meglio segnalare i nomi delle aziende pugliesi????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This