Isole TremitiManfredonia
Dopo anni di attesa sembra finalmente essere giunta ad un epilogo la vicenda

Dissalatore Isole Tremiti, Barone “Quando sarà realizzato?”

"Dal 2003 ad oggi infatti - prosegue Barone - sono stati spesi circa 22 milioni di euro per questo servizio"

Di:

Bari. Dopo anni di attesa sembra finalmente essere giunta ad un epilogo la vicenda del dissalatore per l’acqua alla Isole Tremiti, nel corso della conferenza dei servizi si è deciso per una partenza dei lavori in tempi che dovrebbero essere piuttosto rapidi. E pare che a breve partiranno i lavori per un’opera che potrebbe cambiare le abitudini degli isolani e gravare meno sulle tasche dei Pugliesi. “Si tratta di un’opera che cambierebbe le abitudini degli isolani e gravare meno sulle tasche dei pugliesi – commenta la consigliera regionale M5S, Rosa Barone – Tuttavia è necessario oggi comprendere sia in che tempi si potrà completare l’opera e a chi verrà data la gestione del dissalatore e al tempo stesso comprendere cosa ne abbia impedito la realizzazione fino ad oggi. Ecco perché in data odierna abbiamo presentato un’interrogazione che proverà a fare chiarezza sui diversi passaggi che hanno rallentato l’iter a spese della Regione”.
“Era addirittura il 1984 quando si avviò un progetto di un dissalatore, per la prima volta, una struttura costata 5 miliardi di Lire che venne costruita ed abbandonata. Nel 2010 sembrava che fosse tutto pronto, sotto il governo Vendola e con l’Assessore alle Opere pubbliche Fabiano Amati, invece tutto si risolse in un nulla di fatto”.

“Dal 2003 ad oggi infatti – prosegue Barone – sono stati spesi circa 22 milioni di euro per questo servizio, pagando l’acqua a metro cubo, fino a 10 volte rispetto al costo normale. Per diversi anni, inoltre, la quantità di acqua trasportata è stata veramente eccessiva rispetto alle esigenze della popolazione, anche nel periodo turistico. Ci chiediamo chi ha deciso la quantità da trasportare e a quali fini dovesse essere destinata l’acqua non utilizzata ma comunque pagata dai contribuenti. Tante domande a cui speriamo che possano giungere altrettante risposte, per una vicenda decennale e molto costosa per le tasche dei Pugliesi – conclude – ma che era ed è un’opera necessaria dovuta per le bellissime Isole Tremiti”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • gennaro

    Le isole Maldive ne sono quasi 2000 di cui 1800 abitate piccole o grandi che siano, tundfushi sperando che si scriva così conta di ben 33 casette tutte distribuite intorno all’isola e chiaro al centro ristorante hall e quant’altro compreso un desalinatore come tutte le altre1800 isole . meditate gente meditate.


  • lo dicono da anni

    da anni qualche ingegnere di Manfredonia lo dice ma non viene mai ascoltato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati