Manfredonia
"vorrei anche sollecitare un Consiglio monotematico sui comparti"

Manfredonia, A.Gelsomino “Urbanizzazioni secondarie CA5, a che punto siamo?”

"Questo è possibile prendendo atto di ciò che dice il presidente, ma la difficoltà dell’ufficio è soltanto quella di mettere a collaudo"

Di:

Manfredonia. ”(…) chiedo all’Amministrazione, innanzitutto a che punto è questo calcolo, questa quantificazione che l’ufficio tecnico doveva fare in riferimento alle opere realizzate dal consorzio CA5 da scomputare sulle secondarie, e soprattutto chiedo all’Amministrazione un impegno affinché questa quantificazione avvenga in tempi ragionevoli, anche perché non possiamo penalizzare quei cittadini che materialmente hanno già pagato una casa, la stanno pagando ma non ne possono diventare lettimi proprietari”. E’ quanto emerge dalla parte conclusiva di un’interrogazione presentata lo scorso 20 maggio 2016 in Consiglio dal consigliere comunale Arturo Gelsomino.

TESTO. ”La mia interrogazione nasce su sollecitazione di numerosi cittadini che risiedono nel Comparto CA5 ed attiene alle urbanizzazioni secondarie di quel comparto. Prima di arrivare in concreto alla domanda oggetto di interrogazione è opportuno fare un minimo di cronistoria, cercando di sintetizzare il più possibile. Nel 2006 è stata stipulata una convenzione tra il Comune di Manfredonia e il Consorzio CA5 per la realizzazione delle urbanizzazioni primarie e secondarie nel comparto. In questa convenzione si dava la possibilità al comparto CA 5 di realizzare delle opere di allacci generali, il cui costo sostenuto per la realizzazione sarebbe stato poi scomputato dalle urbanizzazioni secondarie. Questi lavori sono stati fatti dal consorzio, io sono a conoscenza del fatto che il consorzio non ha seguito letteralmente tutti gli iter burocratici necessari, di questo ne sono a conoscenza, quindi vorrei più che altro badare all’aspetto sostanziale, ossia quello di non penalizzare i cittadini, adesso arrivo alla questione. Nel 2013 la Giunta ha dato mandato con la delibera n. 226 all’ufficio tecnico di provvedere a quantificare e collaudare le opere realizzate al fine di quantificare il valore da portare a scomputo delle secondarie. Dal 2013 ad oggi questa quantificazione materialmente non è avvenuta, e che cosa significa questo? Significa che chi materialmente richiede il rilascio dell’autorizzazione per fine lavori deve obbligatoriamente versare le urbanizzazioni secondarie in maniera integrale, quindi senza poter scomputare quella parte che ha già versato al consorzio per la realizzazione degli allacci”.

PH MATTEO NUZZIELLO

PH MATTEO NUZZIELLO

REPLICA ASSESSORE ZINGARIELLO: “Il comparto CA5 è l’unico comparto che non rientra nella delibera numero 55, cioè quella che dà la possibilità al comparto CA5, a scomputo degli oneri di urbanizzazione secondari, di realizzare gli allacci generali. Questo perché il comparto CA5 si è convenzionato dopo l’approvazione del progetto di allacci generali. Quindi mentre il
comparto CA1, CA2, CA4 e CA9 hanno partecipato alla gara per la realizzazione degli allacci generali, questo non è stato possibile per il comparto CA5. Però effettivamente il tema che pone il consigliere Gelsomino credo che sia un tema sacrosanto e legittimo, tant’è che noi abbiamo avuto più incontri dove il presidente del consorzio CA5 dovrà formularci, ma lo ha già fatto, adesso spetta all’ufficio stabilire la congruità, praticamente tutti i costi che possono essere, diciamo, incanalati come allacci generali, in modo da non chiedere il 100% ai vari cittadini o imprenditori, soci di cooperativa o imprenditori, perché giustamente se hanno speso il 20%, lo hanno già anticipato come allacci generali, oggi non possiamo andargli a chiedere il 100%. La difficoltà dell’ufficio è soltanto una, quella di riconoscere oggi delle somme senza che vi sia stato il collaudo, perché nel momento in cui uno dice: ho sostenuto l’importo di un milione di euro, può essere decurtato, e quindi la ripartizione invece di farla su il totale, scomputate il milione di euro e ogni lotto in quota parte deve poi pagare la propria quota, e quindi non più il 100%.

Questo è possibile prendendo atto di ciò che dice il presidente, ma la difficoltà dell’ufficio è soltanto quella di mettere a collaudo. Quindi nel momento in cui ci arriva la proposta, gli uffici prendono atto che effettivamente queste somme sono state pagate e versate già da parte del consorzio CA5, dopodiché ci sarà un versamento, definiamolo forfettario, in modo da stabilire a completamento delle urbanizzazioni se effettivamente quell’importo riconosciuto dalla Commissione di collaudo debba essere defalcato completamente oppure ci dovrà essere un dare o avere da parte del singolo socio o delle ditte che stanno oggi realizzando nel comparto CA5. Spero di essere stato chiaro”.

GELSOMINO: “(..) Al Presidente del Consiglio Comunale vorrei anche sollecitare un Consiglio monotematico sui comparti, perché a mio modo di vedere ci sono numerosi cittadini che
meritano comunque di vedersi dimostrata la nostra attenzione. Grazie”.

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • svolta

    Ma perchè a Manfredonia le urbanizzazioni vengono collaudate….
    è già una fortuna se ne fanno parzialmente.
    Gli ingegneri collaudatori vedendo le carte, i progetti e quanto realizzato…. sistematicamente rinunciano al collaudo….. e dopo, col tempo viene comunque acquisito tutto quel poco che è stato realizzato e come realizzato a patrimonio comunale…. con buona pace di tutti…. in particolare di chi gestisce la cosa…. “pubblica”….. che essendo pubblica è di tutti e quindi di nessuno……non è vero !!!! ????


  • Matt

    Ma da dijca si assut??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati