ManfredoniaMonte S. Angelo
Nota di Iniziativa Democratica

Monte Sant’Angelo, ID “Iniziato il recupero dell’onorabilità della nostra città”

"Sappiamo bene che questa sentenza non ha né può avere una ricaduta diretta sulla prossima sentenza del TAR"

Di:

Monte Sant’Angelo. ”Nel corso del procedimento di scioglimento del Consiglio comunale di Monte S. Angelo per presunte infiltrazioni mafiose il Ministero dell’Interno aveva richiesto al Tribunale civile di Foggia di emettere, ai sensi dell’art. 143 comma 11 del Decreto legislativo 267/2000, il provvedimento di incandidabilità del Sindaco Antonio Di Iasio e dei Consiglieri comunali Damiano Totaro e Vincenzo Totaro. Il Tribunale civile di Foggia, con propria sentenza del 17 maggio 2016, ha rigettato la richiesta di incandidabilità, condannando il Ministero dell’Interno al pagamento delle spese legali. La motivazione del rigetto della suddetta istanza è chiara e identica per tutte e tre amministratori: non sussistono elementi concreti, rilevanti e univoci circa il collegamento/condizionamento tra il Sindaco e i due Consiglieri comunali da una parte e taluni soggetti appartenenti a organizzazioni mafiose, dall’altra.

Sappiamo bene che questa sentenza non ha né può avere una ricaduta diretta sulla prossima sentenza del TAR relativa al ricorso contro il decreto del Presidente della Repubblica di scioglimento del Consiglio comunale: sentenza che dovrebbe aversi nel prossimo mese di luglio. Tuttavia, è indubbio che essa costituisce un primo importante risultato lungo il percorso di recupero della onorabilità della nostra millenaria Città, che vogliamo ribadirlo con serenità e piena consapevolezza che non è affatto mafiosa. Abbiamo avuto e continueremo ad avere piena fiducia nella Magistratura al di là dell’esito che avrà questa triste vicenda. Ci auguriamo, per il bene della nostra Comunità, che in uno Stato di diritto le fondamenta dei castelli di sabbia non sopravvivano alla marea implacabile della Verità e della Giustizia”.

(Monte S. Angelo, 27 maggio 2016 – INIZIATIVA DEMOCRATICA MONTE S. ANGELO)



Vota questo articolo:
14

Commenti


  • Matteo

    È importante per recuperare onorabilità, non so chi siano gli amici di ID ma condivido in pieno questo comunicato. Che torni presto la Democrazia, ora davanti ad una sentenza di un Tribunale della Repubblica sicuramente ci saranno gli imbecilli che giudicheranno senza laurea e senza titoli!


  • W la Giustizia

    Quindi se i colpevoli dello scioglimento ( secondo il prefetto) non sono colpevoli di niente, il Consiglio è stato sciolto per nulla? E’ questa la logica conseguenza, ingiustizia! Un tribunale della Repubblica ha stabilito questo non i giudici e commentatori della DOMENICA! Bene bene spero che a Monte torni la democrazia…


  • Matteo

    Non conosco gli amici di ID ma condivido appieno il loro comunicato. Ora i giudici senza titoli che dicono?


  • Nonnogio

    Al di la dei personaggi coinvolti in questa triste e tragica vicenda, spero che il tutto si risolva in una bolla di sapone, SOPRATTUTTO per il buon nome della nostra amata Monte Sant’Angelo, marchiata a fuoco come un paese di mafiosi. Spero,altresi, che se ci sono stati amministratori o consiglieti comunali o alti dirigenti che hanno infranto il codice penale, vengano individuati e condannati con severita’, ma soprattutto vengano messi al bando da tutti i Montanari onesti.
    E’ doveroso sottolineare che se vengono individuati elementi del genere, non puo’ significare a tutti i costi l’esistenza di una cupola mafiosa.


  • cittadino informato

    Il riscatto della Città deve avvenire! Non c’è, nella millenaria storia, un politico dico uno che sia stato accusato di alcunchè nell’esercizio delle proprie funzioni, nè uno che si sia laureato “senza fare esami”. Chi ha sputato veleno lo ha fatto solo per estrema ignoranza! I tre in questione possono ricandidarsi quindi non hanno nè avuto rapporti con la mafia, nè inquinato la cosa pubblica. Contento per loro per la città. Bel comunicato comunque

  • No, il titolo è sbagliato. Una cosa è la città e un altra alcuni amministratori che sono stati sciolti. In ogni caso ognuno si sarà fatta una opinione leggendo il decreto di scioglimento ( per la parte resa pubblica).


  • TONY PANTERA

    Caro Paolo (…),
    vedo che continui a non capire o a far finta di non capire.
    Il salomonico ed equanime Tribunale di Foggia ha emesso la succitata sentenza basandosi su elementi empirici e non su dicerie e maldicenze. In sintesi, ha asserito che, in modo quasi felpato, nella Relazione prefettizia, di cui tu parli e che consideri una sorta di Vangelo ineluttabile ed irrefutabile, sono scritte una marea di caz…e, che rappresentano in modo icastico le persone come te, ovvero: i “demonizzatori” di professione.


  • Domenico

    Paolo non so quale titolo tu abbia per “leggere” la relazione prefettizia ed emettere sentenze… anch’io l’ho letta e ad oggi ne ho un’opinione diametricalmente opposta alla tua ma si sa voi sapete leggere…io no! Mi chiedo se per la relazione i suddetti erano LA CAUSA dello scioglimento e il Tribunale ha detto che non ci sono i presupposti per asserire questo, tu sei addirittura sopra ad un Tribunale della Repubblica? Condivido cittadino informato…quanta ignoranza!!! A proposito bisogna riformare le sentenze dei Giudici, prima devono chiedere a quelli come Paolo e poi emettere i verdetti, questi giudici arroganti, come si permettono. Bravi ID gli unici che comunicano seriamente!

  • Vogliono confondere il destino di Monte con quello di tre persone. Ma non è così. La relazione dello scioglimento del comune fa un quadro chiaro di come si governava a Monte.

  • Il tribunale di Foggia non si è pronunciato sullo scioglimento ma solo sulla possibilità di tre soggetti di ricandidarsi. Tutto quanto è nella relazione sullo scioglimento (nota solo in piccola parte) non è messo in discussione e non è neppure in possesso al tribunale di Foggia.


  • Contro l'ignoranza

    Ahahahahahah Contro la mafia, ahahahahah rido perchè la mafia si combatte con la cultura e la conoscenza ( Felicia Impastato) e tu non potrai mai essere contro la mafia se non sai che l’incandidabilità è frutto della relazione sullo scioglimento!! Da quella relazione si è partiti e quella relazione ponevano a fondamento dei sospetti, Non è la mafia che bisogna sconfiggere a Monte ma l’ignoranza!!!


  • Impara a leggere

    “Nel corso del procedimento di scioglimento del Consiglio comunale di Monte S. Angelo per presunte infiltrazioni mafiose il Ministero dell’Interno aveva richiesto al Tribunale civile di Foggia di emettere, ai sensi dell’art. 143 comma 11 del Decreto legislativo 267/2000 il provvedimento di incandidabilità del Sindaco Antonio Di Iasio e dei Consiglieri comunali Damiano Totaro e Vincenzo Totaro” Contro la mafia sai leggere? Mi sa che devi tornare a scuola, Il Tribunale di Foggia non conosce la relazione? O mio Dio… non sanno nemmeno leggere e fanno i “saputi”…

  • Ovviamente la relazione sullo scioglimento non è stata presa in considerazione. E altrettanto ovviamente il destino di questi tre signori non ha niente a che vedere con il destino di Monte.


  • tommaso5

    bhe quindi quando si voterà 3 canditati già ci sono… tanto loro avranno la faccia come il culo di ricandidarsi e sicuramente sbandiereranno ai 4 venti la loro innocenza… Noi li rivoteremo.. perchè abboccheremo alle loro ennesime false promesse… non si cambierà mai…. però i primi criminali sono i giudici… questi diranno che a Monte la mafia non esiste.. ma ci rendiamo conto.. a no scusate.. già è stato detto da un sindaco…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati