FoggiaManfredonia
"Red è stata la prima nostra legge regionale"

RED, Reddito di Dignità presentato a Bari da Leo. Presto i bandi

"Certamente la legge si può concretizzare ed essere efficace solo azionando tutte quante le leve"

Di:

Roma. “Di mettere Red, il Reddito di Dignità, nel programma, ce lo hanno chiesto i pugliesi”. Ha aperto così la consigliera del Presidente Emiliano per l’attuazione del Programma, Titti De Simone, la presentazione delle ultime novità della legge per il reddito di dignità, oggi presso “Porta Futuro”, la struttura del Comune di Bari nella ex Manifattura Tabacchi. Con Sebastiano Leo e Titti De Simone oggi anche gli assessori del Comune di Bari Paola Romano (Politiche Giovanili) e Francesca Bottalico (Welfare).

“Cerchiamo di portare i primi avvisi pubblici a Giugno – ha detto l’assessore al Lavoro e Formazione, Sebastiano Leo, illustrando quella che è stata definita una “buona pratica” della Regione Puglia – ovviamente non è semplice, dobbiamo condividerli, e questo è il nostro metodo, con tutti gli attori sociali e istituzionali. Infatti finora abbiamo condiviso non solo la legge, ma anche i regolamenti attuativi. Continueremo a condividere questo percorso, ma pensiamo che a Giugno, massimo a Luglio potrà essere tutto pronto”. “Red è stata la prima nostra legge regionale – ha spiegato Leo – abbiamo voluto evidenziare così la grande importanza data a questa misura. Certamente la legge si può concretizzare ed essere efficace solo azionando tutte quante le leve e facendo partecipare tutti gli attori del partenariato, delle associazioni, delle istituzioni locali di tutta la Puglia per essere davvero efficienti”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Angyl81

    Una misura che 4accogliera davvero pochi elementi, poche situazioni, tracuta do una molteplicità di situazioni drammatiche come quella di chi ha perso il lavoro e nn può andare in pensione !! È una vergogna restare indifferenti inermi di fronte alla sofferenza dei cittadini…inserire il requisito dell’isee di 3000 mila euro è stato davvero troppo selettivo troppo!! Nn permetterà a chi ha una casa o una proprietà perché ereditata, ma nn ha lavoro do poter accedere al reddito , anche se nel proprio nucleo nn entRa un euro !! Si considera la casa “di residenza” un reddito, quando reddito nn è è lo sanno benissimo !!


  • michele

    tra i vincitori del concorso ci saranno anche quelli con reddito zero ma che nell’arco dell’anno non hanno perso una giornata di lavoro, in proprio come abusivo o in nero.
    ma,
    c’è ancora chi è convinto che quella di pinocchio sia storia e non favola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati