GarganoManfredonia
7° raduno tra ricordi ed emozioni

I reduci della Nave Margottini approdano nel Gargano

Ischitella si rivela un “porto sicuro” per i reduci della Fregata “Carlo Margottini” F595 ed ex marinai arrivati da diverse parti d’Italia

Di:

Foggia. “Per undas ad hostem” (“per i mari in cerca del nemico”) recitava il motto della Fregata “Carlo Margottini” F595 ed è così che, nello spirito di queste parole, sabato 21 e domenica 22 maggio si è svolto a Ischitella, nel Gargano, il 7° raduno dei reduci della nave della Marina Militare in servizio dal 1962 al 1988.

Ex marinai che in quegli anni si sono succeduti a bordo della storica fregata, hanno raggiunto il Gargano da diverse parti d’Italia, quasi tutti accompagnati dalle proprie famiglie, e si sono ritrovati a Ischitella per rivivere quegli anni. Ad unirli in questi due giorni sono stati i loro stessi ricordi e il loro intramontabile legame alla Marina e a quella mitica nave che li ha tenuti in mare. A fare da contorno al raduno le meraviglie di un territorio sospeso tra mare e lago, tra tradizioni, musiche, sapori locali e tutto il calore della comunità ischitellana.
La giornata di sabato 21 maggio ha visto i primi abbracci dei “ragazzi” di un tempo, che si sono finalmente incontrati a Foce Varano, la località balneare di Ischitella. Qui i reduci sono saliti a bordo dei caratteristici “sandali”, imbarcazioni locali tipiche, grazie al supporto della Lega Navale Italiana sezione di Ischitella e al Consorzio Lagunare Pescatori di Ischitella. E’ stato l’intenso momento dedicato alla posa della Corona nel Lago di Varano in commemorazione di tutte le vittime del lago e del mare con il “Saluto alla Voce” eseguito da tutti i partecipanti al raduno sulle note del “Silenzio”.

La serata invece è trascorsa tra musiche e balli tipici del Gargano con il concerto in piazza de Vera D’Aragona a Ischitella, del gruppo “I nuovi Suoni de Folk” e con le danze eseguite dalla scuola “Dance Up” di Maria Comparelli. Tante le emozioni vissute nella giornata di domenica 22 maggio, secondo giorno del raduno, quando tutti i reduci della Nave “Carlo Margottini” F595 si sono ritrovati al mattino nella piazza principale della cittadina. Ad accoglierli c’era tutto l’entusiasmo della Banda “P. Giannone”, il corpo musicale cittadino sempre presente nelle occasioni importanti del territorio, che ha sfilato per le vie del paese.

A seguire l’incontro con il Sindaco di Ischitella, Pietro Colecchia, il vice sindaco Giuseppe D’Errico e il Presidente del Consiglio comunale Giuseppe Merolla, nella sala consiliare del Comune, che hanno dato il benvenuto della comunità ischitellana a tutti i reduci. Accanto alle istituzioni cittadine anche il Comandante della Capitaneria di Porto di Rodi Garganico, Domenico Stefania, e Pasquale Cappiello, sottufficiale in rappresentanza della Caserma dei Carabinieri di Ischitella. Dalla sede municipale è partito poi il corteo aperto dalla bandiera della Marina Militare, con il drappo dei Marò per ricordare i due fucilieri Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, portata dal reduce Filippo Zanetta, dalla corona di alloro e dal gonfalone della cittadina di Ischitella.

Altro momento toccante davanti al Monumento ai Caduti di Ischitella con l’alzabandiera, la posa della Corona al Milite Ignoto e il “Saluto alla Voce” per i Caduti di tutte le guerre. A deporre la Corona sono stati i due marinai della Capitaneria di Porto di Rodi Garganico mentre la Banda ha eseguito il Silenzio e l’Inno Nazionale prima di riaccompagnare tutti alla sede Municipale sulle note dell’Inno della Marina Militare Italiana. I riti civili e militari hanno lasciato poi lo spazio alla cerimonia religiosa che si è tenuta presso la suggestiva chiesa del SS. Crocifisso situata sulla riva del Lago di Varano. La Santa Messa, celebrata dal Parroco Don Dino Iacovone della Parrocchia Santa Maria Maggiore di Ischitella in suffragio di tutti i marinai defunti, è culminata con la “Preghiera del marinaio”. Sono seguiti i ringraziamenti da parte di Pietro Comparelli, reduce della Nave Margottini e organizzatore locale del raduno. E qui non sono mancati momenti di viva e profonda commozione alternati a momenti di felice convivialità. Dopo la celebrazione Eucaristica, tutti sulla panoramica terrazza affacciata sul lago di Varano per la foto ricordo ufficiale del Raduno.

Il pranzo finale è stato un’ulteriore occasione per commemorare e festeggiare tutti insieme l’ennesima esperienza vissuta da marinaio. Dai tavoli si sono sollevati i tradizionali brindisi dedicati alla nave, ai reparti e agli amici. Alla fine l’omaggio dei reduci a tutti coloro che hanno cooperato per la realizzazione dell’evento: capellini, fotografie di raduni e crest in legno di ulivo e bronzo a ricordo di queste meravigliose giornate. Tra abbracci e saluti finali, l’evento si è concluso con l’appuntamento al prossimo raduno, che molto probabilmente si svolgerà nella città di Framura (SP), nelle Cinque Terre. E a giudicare dai fatti, queste non sono le classiche promesse da marinaio.

All’indomani del settimo Raduno dei Reduci della nave “Carlo Margottini” a tirare le somme dell’intera manifestazione è stato Pietro Comparelli ringraziando ancora una volta tutti coloro che non solo hanno contribuito alla riuscita della manifestazione, ma che hanno anche reso onore all’intero territorio di Ischitella: “Un doveroso grazie – ha precisato Pietro Comparelli – va al sindaco di Ischitella, Piero Colecchia, che da subito si è messo a disposizione per collaborare alla nostra iniziativa. Un particolare ringraziamento va anche al Consorzio Lagunare Pescatori e alla Lega Navale Italiana sezione di Ischitella grazie ai quali è stato possibile deporre la corona nel Lago di Varano. Grazie anche al gruppo “I nuovi suoni del Folk” e alla scuola “Dance Up” di Maria Comparelli che con musiche e balli hanno allietato la serata del 21 maggio. Ancora un grazie va a Don Dino Iacovone e alla dirigenza della Pia Unione del SS. Crocifisso di Varano che ci ha permesso di celebrare la S. Messa in suffragio di tutti i marinai defunti. Grazie anche alla Protezione Civile Comunale di Ischitella per il suo prezioso lavoro di squadra e grazie anche il panificio pizzeria pasticceria di Russo Anna Rita a Foce Varano per le ricette tipiche proposte. Infine – ha concluso Comparelli – a nome di tutti i reduci desidero ringraziare Bruno Zangardi, titolare del Residence Arianna Club, per l’impeccabile soggiorno e il delizioso pranzo, ma soprattutto perché grazie all’accoglienza ricevuta i partecipanti si sono sentiti veramente a casa”.

FOTOGALLERY

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati