Manfredonia
Fotogallery a cura di Antonio Troiano

Manfredonia, “Le periferie sono il punto da cui ripartire”: Cemento Vivo (ph A.Troiano)

A cura del Collettivo InApnea

Di:

Manfredonia. Il 25 e 26 si è svolta la tanto attesa due giorni di cemento vivo, avevamo scommesso sulla possibilità di restituire alla città un luogo che era stato inghiottito dalla cementificazione e dall’abbandono, avevamo promesso alla città di provare a farlo partendo dal fare comunità. In due giorni oltre mille cittadini e cittadine hanno attraversato il nostro festival, i suoi laboratori e i suoi momenti di discussione, un indiscutibile momento di aggregazione che ci ha fatto incontrare residenti, famiglie, disoccupati e lavoratori in difficoltà, cittadini che vivono in situazioni di disagio abitativo ed altre difficoltà che non sono venuti a chiedere a qualcuno di “risolvere i loro problemi”, ma a offrirci la possibilità di condividere le loro istanze e provare costruire risposte dal basso.

Cemento vivo è stato una jam di street art a cui hanno partecipato oltre dieci writer, è stato un torneo di street basket con moltissime squadre appassionate, è stato un laboratorio didattico e ricreativo per bambini e famiglie partecipato ed apprezzato, è stato un momento musicale di successo: queste ed altre cose ci hanno permesso di costruire un formidabile momento di incontro che ha saputo sorprendere anche noi. Con soltanto poche centinaia di euro raccolte da piccole e piccolissime donazioni, senza sponsor e senza patrocini, con appena una cinquantina di volontari e volontarie abbiamo restituito ad una città la voglia di riappropriarsi degli spazi, di sconfiggere l’esclusione urbana, sociale, economica, culturale delle periferie. La scommessa più grande sarà provare a tenere in vita, tutti assieme, lo spazio che abbiamo creato e riaprire il dibattito su cosa può diventare: un giardino pubblico, una zona sportiva, una arena concerti e tante altre cose che abbiamo il dovere di progettare e rivendicare, senza dimenticare che la nostra città aspetta ancora un luogo pubblico intitolato alla memoria di Nicola Lovecchio.

Molti sono stati coloro che ci hanno indicato altre zone degradate ed in stato di abbandono che potrebbero ospitare i prossimi passi di cemento vivo, cemento vivo proseguirà e cercherà di costruire con questi cittadini e cittadine nuove proposte e nuovi momenti di aggregazione: ci è stato segnalato in particolare il contesto dei comparti, in cui manca ogni spazi di aggregazione. Con i residenti di queste zone cominceremo a ragionare su un percorso che, ormai, non appartiene più solo a noi. Non abbiamo promesse in politichese da fare: l’unica cosa che abbiamo da offrire è la lotta, perché è l’unica porzione di questo mondo che davvero ci appartiene. Una periferia che vive, una città che discute e si aggrega, una lotta da costruire assieme.

Foto e materiali all’evento: https://www.facebook.com/events/1034652609904022/
Video assemblea su cementificazione e periferie con i residenti dei comparti e conclusone evento:
parte 1 https://www.facebook.com/collettivoinapnea/videos/1188999571153046/
parte 2 https://www.facebook.com/collettivoinapnea/videos/1188999571153046/

——-
Collettivo InApnea – Info: collettivoinapnea@gmail.com

FOTOGALLERY ANTONIO TROIANO

Redazione Stato Quotidiano.it – Riproduzione riservata



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • I pezzenti traditori del campo sportivo di Manfredonia

    Poi si parla male dei ragazzi, questi ragazzi meritano rispetto.


  • ManfredoniAttiva


  • Matteo

    salvo poi portare astio e rancore conto chi la pensa politicamete in maniera diversa da loro , vedi al sindaco da elementi del Collettivo inApnea , e atteggimenti tipici da branco quando stanno in piazzetta …. bevute fino all’alba ecc. ecc in barba alle piu’ elementari norne del quieto vivere, partire dalle periferie e rispettare tutti …… aggiungerei se sono loro l’esempi stem appost!


  • Svolta

    Siamo spazio a questi giovani e lasciamoli dipingere e dare colore al grigio cemento ed a tutti quegli spazi che non dicono niente. Si sia una direttiva circa un soggetto specifico a cui ispirarsi e colorino gli spazi …. ciò e già praticato in molte citta italiane e straniere…. Dopo tutto meglio che vedere segni fallici e scritte vergognose.


  • Salvatore Clemente

    Coscienza critica cresci e moltiplicati!
    Grande lezione di civiltà e di impegno da questi ragazzi


  • pablo

    Per il tipo Matteo…
    Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. La realtà è che i ragazzi di Inapnea raccolgono più consensi dell’amministrazione comunale e tirano su situazioni che i vecchi bigotti della politica nostrana, ai quali sembri molto legato, potranno vedere solamentr col binocolo. siete vecchi dentro.


  • Childerico

    disegni veramente penosi erano meglio le macchie di umido


  • Burattino senza fili

    Sono giovani che non si fanno condizionare dal primo politico di turno e sono pieni di iniziative. Non si fanno “allineare mentalmente” dai burattinai.


  • Lo schiaffeggiatore della gradinata Est

    Dove è andato a finire il sogno delle teste Matte?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati