Nonostante le novità positive dei mesi scorsi

Battiti Live 2017, San Severo non c’è: comunicate le tappe ufficiali

Bari, Nardò, Andria, Melfi e Taranto: queste le cinque prescelte


Di:

San Severo, 27 giugno 2017. Battiti Live 2017, nessuna tappa a San Severo.

Nonostante le novità positive dei mesi scorsi, con una delibera comunale che aveva aperto alla possibilità di ospitare ancora l’evento nella Città dei Campanili, l’atteso concerto organizzato da Radionorba non approderà in terra dauna. Questa mattina, infatti, sono state comunicate le cinque tappe ufficiali del tour, tra cui non figura, appunto, San Severo.

Bari, Nardò, Andria, Melfi e Taranto: queste le cinque prescelte (non ci sono dunque città della Provincia di Foggia,ndr). Si parte il 16 luglio dal lungomare di Bari, poi, il 23 luglio, il tour si sposterà a Nardò, in piazza Diaz. Il 30 luglio tappa ad Andria, in piazza Vittorio Emanuele II. Penultima tappa il 6 agosto a Melfi, in piazza Craxi e grande chiusura il 13 agosto sul lungomare di Taranto.

(A cura di Salvatore Fratello, San Severo 27.06.2017)

Battiti Live 2017, San Severo non c’è: comunicate le tappe ufficiali ultima modifica: 2017-06-27T11:11:44+00:00 da Salvatore Fratello



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • ilproletario

    Quando si sceglie una location per un concerto, per un incontro di calcio nazionale o roba simile, i tecnici del mestiere mettono la punta del compasso sulla probabile scelta e fanno un cerchio intorno per un raggio di circa venti o venticinque chilometri, poi calcolano il totale della popolazione esistente nel cerchio. Provate voi a farlo per Manfredonia: fra il nostro, Mattinata, Monte S.Angelo e S,Giovanni Rotondo non si raggiungono i 100 mila abitanti. Un grande ambientalista, parlandomi dello smaltimento dei rifiuti, mi chiese: “Prova a leggere la carta geografica dell’Italia e dimmi quante zone ci sono per cui, tra due comuni importanti, ci sia una distanza come tra Manfredonia e Foggia, di 40 chilometri, senza attraversamenti di altri insediamenti abitati. Vedrete che, prima o poi, sarete costretti ad assorbire tutti i rifiuti urbani della Provincia di Napoli!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi