Manfredonia
Una già nota alle FF.OO. per pregresse vicende penali

Manfredonia, due donne arrestate per rapina

Una delle due donne è stata inoltre trovata in possesso di una collana in acciaio e di un crocefisso in metallo con pietre incastonate

Di:

Manfredonia, 27 giugno 2017. Nella mattina di ieri i Carabinieri della Compagnia Carabinieri di Manfredonia hanno tratto in arresto Dorot Otilia Ramona e Baiaram Dunia, rispettivamente di 28 e 34 anni, entrambe di nazionalità romena e domiciliate presso il campo nomadi di Foggia via San Severo, per una rapina commessa a Manfredonia a danno di un 69enne del posto.

Più in particolare le due donne, una delle quali già nota alle FF.OO. per pregresse vicende penali, erano state notate nel centro cittadino da un Carabiniere fuori servizio della locale Stazione, mentre avvicinavano diversi anziani, tentando di adescarli, motivo per cui il militare aveva allertato la Centrale Operativa della Compagnia, che aveva quindi inviato sul posto una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile.

CARABINIERI - RICERCHE

CARABINIERI – IMMAGINE D’ARCHIVIO

Nel frattempo le due romene avevano adocchiato un altro anziano, avvicinandolo poi in via Enrico Toti con la proposta di fare sesso in cambio di danaro, ottenendo però il rifiuto dell’uomo. Le due donne, allora, l’avevano abbracciato e, nonostante i suoi tentativi di divincolarsi, l’avevano immobilizzato stringendogli con forza il torace, per poi lasciarlo solo dopo avergli sfilato da una tasca dei pantaloni la somma di 40 euro. le due però, notando il sopraggiungere della pattuglia dei Carabinieri, avevano gettato a terra il danaro ed erano scappate, nascondendosi dietro un’auto in sosta nella vana speranza di poterla fare franca. I Carabinieri, infatti, le hanno subito raggiunte e condotte in Caserma, traendole entrambe in arresto nella flagranza del reato di rapina, mentre la vittima, dopo aver sporto denuncia, è potuta tornare in possesso del maltolto.

Una delle due donne è stata inoltre trovata in possesso di una collana in acciaio e di un crocefisso in metallo con pietre incastonate, occultati dentro un fazzoletto avvolto, provento con ogni probabilità di qualche furto perpetrato nella stessa giornata, e per i quali sono in corso gli accertamenti per stabilirne l’effettiva provenienza e poter restituire gli oggetti ai proprietari.
Su disposizione del P.M. di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, le due donne, entrambe senza fissa dimora, sono state associate al Carcere di Foggia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Redazione Stato Quotidiano.it – Riproduzione riservata



Vota questo articolo:
17

Commenti


  • Valerio

    Una,due,tre, quattro ore e sono già fuori per ritornare a lavorare.


  • deluso

    Rispedite al mittente, in Romania in galera ci restano, non ritornano in libertà come da noi.
    Governo complice


  • francesco

    Ma possibile che dobbiamo subire la presenza di tutti i delinquenti del mondo che agiscono indisturbati anche di giorno ,io credo che dopo avergli fatto scontare la dovuta pena le dovrebbero espellerle dall’Italia.


  • Ciccillo

    La romania ha aperto i cancelli per le uscite e noi per gli ingressi…gli effetti quali sono: la Romania è un paese senza delinquenza…


  • Il falso buonismo del Pd e della sinistra

    Italia el dorado della feccia mondiale della delinquenza, degli stupratori di donne immigrate, di magnaccia, dei trafficanti di carne umana, dei kapoo dei caporali, dei pedofili, dei trafficanti di droga e organi umani..delle prostitute minorenni e maggiorenni, dei musulmani, degli scansafatiche..


  • Indignato

    Nessuno controlla i documenti, nessuno controlla l’accattonaggio sono mesi che Manfredonia pullala di donne straniere truffatrici che propongono sesso alla gente matura!! Intervengono solo dopo i reati mai prima!


  • Il generale senza benzina

    Stiamo messi male i generali non hanno manco una bottiglietta di benzina per rifornire l’auto e giungere nei pressi del mercato settimanale ed esplorare i bordi della stradina interna che porta a monticchio! Una vergogna infinita!


  • La grande discarica della Scaloria!


  • Manfredolandia

    Tempo fa c’era una più carina e giovane di queste che offriva sesso orale quasi gratis.


  • Sipontini maturi insoddisfatti

    Vengono a Manfredonia perché conoscono l’indole passionale dei maschi del golfo e anche la scarsa carica ormonale delle femminucce locali specialmente quelle menopausa spente del tutto a differenza di donne di altre etnie sempre attente e focose verso i compagni. Comunque evitate queste ladre in giro c’è di meglio.


  • Pensionato disperato

    non è giusto dele donne fanno una belle proposta e dica di no. a me non sucede mai…io darei meza pensiona


  • Uditore discreto

    Povero vecchietto eppure dicono che ne sono tante che fanno il piacere. Ho udito da sconosciuti che in corso Roma c’è qualcosa di interessante a prezzi buoni, oppure vai sulla circonvallazione o sulla statale x foggia.


  • The King

    Erdogan ha molte celle vuote per ospitare queste donzelle oneste lavoratrici e anche celle per gli onesti politici.

  • Ogni popolo ha il governo che si merita:i ns.politici sono troppo imoegnati a proteggere i propri interessi.Non hanno tempo di legiferare per cautekare i cittadini comuni.


  • angelica

    Due -cone tante altre…niente di nuovo


  • Angelo

    E’ finito tutto il bello che c’era grazie a ste stro…. Che invece di stare nel letamaio delle loro nazioni ci deliziano col benestare di chi ci governa!!!!


  • L'Italia del Pd

    Le manderei a fare le badanti a casa dei politici dopo aver fatto provare loro la frusta la fame e la sete!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi