ManfredoniaRicordi di storia
A cura di Pascalonia e Carbonia

U bbarone frecone

Di:

Quidde, a lli timbe andiche, ogne scapezzone
ce ll’accredenzeve de fé llu bbarone,
a lli povere a llore de lli segnure
lli faceve ji atturne atturne, sbavetture.
Mazzéte de morte, ogne cose nu pizze,
na fejatéte, nu derrutte, na stizze
subbete, p’u lebbrone a scrive llu nome
Ne nge steve guvèrne, nge steve Rome.

^^^
E pure mo, ji rrevéte stu semplecone:
“De ninde me ne freche, so’ nu Frecone
mm’avita pajé de tutte u tarasséte,
poche?… poche… ma ije vogghje ca pajéte!”
E allore, forze, tasse sop’a tasse,
mang’a lli povere criste jisse ce lasse.
“Ma guarde baron Frecone… so’ scadute….”
“Che me freche, mm’ agghja fé na recugghjute!”

E Frecone fé llu bbarone, nn’abbènge,
tene cuddu schèrze c’angore llu tènge.
E…po’ acchessì ce lasse a bbarunije…?
Tutte sti cose, ijsse uà fè tutte mije,
ce lli chjangèssere ll’ate i scorze i nucèlle
cj’ànna gelé lli dinde pe lli mulèlle.

Ji c’a qqua sime addevendéte tutt’urtulène, u cetrule
avrija ji addret’a Frecone, a quèdda facce de mule

Pascalonia e Carbonia

Il barone Frecone
Quelli, ai tempi antichi, ogni fannullone/ credeva de fare il barone,/ ai poveri a loro (sciocchi), dei “signori”/ li faceva andare torno torno affannosamente,/ Botte da morire, per ogni cosa un “pizzo” (tangente):/ un respiro, un dirotto, una stizza,/ subito con il libro (delle tasse) a scrivere il nome./Non c’era governo, non c’era Roma.// E pure adesso è arrivato un semplicione./ “Di niente me ne frego, sono Frecone/ mi dovete pagare tutti gli arretrati,/ poco?… poco.. ma io voglio che paghiate!”/ Ed allora, forza, tassa su tassa,/ non lascia stare nemmeno i poveri cristi (poveretti)./ “Ma guarda, barone Frecone, sono scaduti….”/ “Che me ne frego, me ne devo fare un (gran) raccolto”// E Frecone fa il barone, non si frena,/ ha quello “scherzo” (voglia di restare) che ancora lo spinge./ E poi così si lascia la baronia (potere)…?/ tutte queste cose lui le vuole fare sue,/ le piangessero gli altri (baroni futuri) le cortecce delle nocelline/ si devono gelare i denti (gli altri) con le mele.// E’ che qui, siamo divenuti tutti ortolani, il cetriolo,/ dovrebbe andare dietro a Frecone, quella faccia da mulo.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi