EconomiaStato prima
Grave la situazione al Sud (-580.000) e nel Veneto (-113.000)

Da inizio crisi persi 932mila posti di lavoro, 100.000 in Puglia

In termini assoluti le regioni più colpite sono state quelle del Sud: in Sicilia gli occupati sono diminuiti di 168.000 unità, in Campania di 129.000 e in Puglia di 100.000


Di:

Roma – A seguito delle previsioni elaborate dal Fondo Monetario Internazionale in materia di lavoro, l’Ufficio studi della CGIA ha analizzatoil trend occupazionale registrato dal nostro Paese dall’inizio della crisi ad oggi. Ebbene, dal 2007 al primo trimestre del 2015, in Italia si sono persi 932.000 posti di lavoro. In termini assoluti le regioni più colpite sono state quelle del Sud: in Sicilia gli occupati sono diminuiti di 168.000 unità, in Campania di 129.000 e in Puglia di 100.000. In tutte le regioni meridionali il calo occupazionale ha interessato 580.000 lavoratori (pari al 62,2 per cento del totale). Tra le realtà territoriali del Nord, invece, spicca il dato negativo del Veneto: sempre tra il 2007 e i primi 3 mesi di quest’anno, in questa regione gli occupati sono scesi di ben 113.000 unità. Tra tutte le realtà territoriali analizzate, le uniche che hanno incrementato l’occupazione sono state il Trentino Alto Adige (+11.000 occupati) e il Lazio (+88.000).

“I settori che hanno subito i contraccolpi più negativi – segnala Paolo Zabeo della CGIA – sono stati l’edilizia, il manifatturiero e il piccolo commercio che più degli altri hanno subito gli effetti negativi dovuti alcalo della domanda interna e alla contrazione degli impieghi bancari”.

Redazione Stato

Da inizio crisi persi 932mila posti di lavoro, 100.000 in Puglia ultima modifica: 2015-07-27T18:30:31+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Raffaele Vairo

    Questi dati, incontrovertibili, sulla perdita di posti di lavoro (soprattutto al sud) sono la dimostrazione palmare delle menzogne che i Governi degli ultimi anni (compreso quello attuale di Renzi) ci hanno raccontato e continuano spudoratamente a propinarci con l’appoggio, gravemente colpevole, di quasi tutti i media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This