Manfredonia
Indagini svolte dagli Agenti del Commissariato

Atti sessuali su minore, misura cautelare per 54enne di Manfredonia

Approfittando della scarsa illuminazione e del fatto che il parcheggio a quell’ora era poco frequentato, l’uomo fermava il mezzo per abusare della ragazza

Di:

Manfredonia. Nella mattinata odierna, gli Agenti del Commissariato del Commissariato di P.S. di Manfredonia, hanno notificato un provvedimento di misura cautelare che dispone il divieto di avvicinamento, ad un 54enne del posto, con l’accusa di aver compiuto atti sessuali su una minore.

Nei primi giorni di giugno, negli uffici del Commissariato, una minore denunciava di essere stata oggetto di atti sessuali, contro la sua volontà, ad opera di una persona a lei conosciuta. La ragazza riferiva di un episodio avvenutoalla fine di maggio quando ad un uomo, amico di famiglia, chiedeva il passaggio per recarsi ad una festa con altri coetanei. L’uomo, che si offriva di darle il passaggio, anziché fermare il mezzo dinanzi al locale dove si svolgeva la festa e far scendere la ragazza, proseguiva la sua marcia verso un parcheggio distante qualche centinaio di metri.

Approfittando della scarsa illuminazione e del fatto che il parcheggio a quell’ora era poco frequentato, l’uomo fermava il mezzo per abusare della ragazza.

La ragazza cercava in tutti i modi di divincolarsi dal suo aggressore che solo dopo qualche minuto, non riuscendo a vincere completamente la resistenza della ragazza, decideva di accompagnarla al locale. La ragazza, sconvolta da quanto le era accaduto, prima raccontava l’accaduto ad una coetanea ed il giorno successivo ai suoi genitori. La ragazza, sostenuta dai suoi genitori, decideva di denunciare in Commissariato l’accaduto.

Le indagini svolte dagli Agenti del Commissariato permettevano di trovare dei riscontri al racconto fatto dalla ragazza. Fondamentale è stata l’acquisizione e la visione delle immagini di alcune telecamere, ubicate nei pressi del luogo dove l’uomo aveva fermato il mezzo per abusare della ragazza. Il Sostituto Procuratore della Repubblica di Foggia, che ha coordinato le indagini, in esito all’attività svolta dagli Agenti del Commissariato, richiedeva ed otteneva, nei confronti della persona denunciata, il provvedimento di misura cautelare del divieto di avvicinamento.

Redazione Stato Quotidiano.it – Riproduzione riservata



Vota questo articolo:
13

Commenti


  • Vittorio

    Munnezza di persona –


  • elettore

    Vogliamo foto e dati anagrafici di questo pervertito, tanti bambini sono a rischio!


  • La scabbia ai tempi del 2016

    Tutti depravati, piu’ vanno avanti con l’eta’ e piu’ avvizziscono.occorrono misure farmacologiche e mentali


  • Rita

    Buona sera, sarebbe utile per la salvaguardia dei nostri figli, poter leggere i nomi e cognomi degli orchi. Grazie


  • Rino

    Se non mettete il nome è pubblicate le foto non ha alcun senso !!!


  • Redazione

    Buongiorno, purtroppo non stati diramati ulteriori dati; Stato Quotidiano.it


  • Redazione

    Buongiorno, al momento non abbiamo ulteriori dati; Stato Quotidiano.it


  • Mario

    Portatemelo a me lo sistemo io quel porco di —


  • Mattia

    Io aspetterei la condanna in primo grado oppure almeno una prima ammissione…


  • Maria Guerra

    Care mamme, non dobbiamo mai abbassare la guardia perchè il nemico si cela sempre nelle vesti di un amico o di un parente “per sbranarti meglio”. Come nella favola di cappuccetto rosso poteva succedere il peggio. Avete fatto bene a denunciare l’accaduto e tutte e mamme sono solidali con questa famiglia.


  • ettore

    che schifo che schifo merda


  • Antonino

    Non credo che si possa definirlo un AMICO di famiglia, al limite un pedofi… della società.
    Il provvedimento di non avvicinamento, sembra un po’ misero, in quanto si e’ trattato sempre di un tentativo di stupro su di una minorenne, con sequestro di persona.
    Non penso che la ragazza abbia inventato il tutto , maggiormente se vi sono dei filmati, pertanto dovrebbe far riflettere un’attimo sui provvedimenti di condanna se veramente si vuole scoraggiare tali VIGLIACCHERIE su delle minorenne.


  • libero

    castrazione carnale per questi tipi di eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati