Economia

Bortolussi: tartassati Imu, primato agli albergatori

Di:

G.Bortolussi (lamiapartitaiv@)

Roma – IN attesa di conoscere le decisioni che prenderà domani il Governo in materia di Imu, la CGIA di Mestre fornisce gli importi medi dei versamenti effettuati dalle varie categorie economiche e dalle famiglie italiane nel 2012. Ecco la graduatoria:
· Albergatori 11.429 euro;
· Grande distribuzione 7.325 euro
· Industriale 5.786 euro
· Piccolo imprenditore 3.352 euro
· Libero professionista 1.835 euro
· Commerciante 894 euro
· Artigiano 700 euro
· Famiglia per seconda casa 663 euro
· Famiglia per prima casa (+ pertinenza) 330 euro

“A seguito di questo risultato – commenta Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA di Mestre – emerge chiaramente come la stangata dell’IMU abbia colpito soprattutto le categorie economiche. L’eventuale abolizione dell’Imu sulla prima casa è, a nostro avviso, condivisibile; tuttavia, appare doveroso segnalare che l’approvazione di questa misura potrebbe provocare dei nuovi rincari in capo alle attività produttive. Infatti, dato che il gettito della prima casa finisce interamente nelle casse dei Comuni, c’è il pericolo che il mancato gettito venga compensato con misure che finiscono nelle casse comunali con notevole ritardo. Pertanto, c’è il pericolo che molti Sindaci si affrettino ad aumentare le aliquote sui beni strumentali per ovviare, almeno in parte, a questa mancanza di liquidità . Uno scenario che dobbiamo assolutamente scongiurare visto che, rispetto a quando si pagava l’Ici, le imprese hanno subito con l’Imu un aggravio medio fino al 154%.”

Redazione Stato

Bortolussi: tartassati Imu, primato agli albergatori ultima modifica: 2013-08-27T22:36:36+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi