Foggia

Debiti, “Asl Foggia riduce del 75% massa debitoria”

Di:

Manfrini (Ph: inesmacchiarola@)

Foggia – IN riferimento all’articolo apparso sulla Gazzetta del Mezzogiorno del 27/08/2013 (dal titolo “Debiti ASL, la Puglia a due velocità”) in cui la ASL FG è menzionata “tra i 30 peggiori pagatori d’Italia”, la Direzione strategica dell’Azienda Sanitaria Locale della provincia di Foggia, nel considerare tale descrizione inesatta e assolutamente non veritiera, chiarisce quanto segue.

La ASL FG, in breve tempo, ha ridotto la propria massa debitoria complessiva di circa il 75%. A fronte di oltre 390 milioni di euro di debiti, ne sono stati pagati circa 240. Dei restanti 151 milioni, 52 non sono pagabili perché inerenti a interessi transatti e sistemazioni contabili. Il totale dei debiti verso i fornitori a cui l’Azienda deve ancora far fronte ammonta, dunque, ad oggi, a 100 milioni di euro, pari a circa il 25% della debitoria iniziale”.

“Chiari dunque sono gli sforzi che l’Azienda ha posto in essere per rientrare nell’alveo naturale dei pagamenti in esecuzione della Direttiva europea, risultato raggiunto anche attraverso l’utilizzo di anticipazioni di cassa per 50 milioni di euro che si sono sommati ai 60 milioni di finanziamento aggiuntivo e a 128 milioni di quote mensili”.

“L’Azienda, inoltre, resta in attesa di una ulteriore somma aggiuntiva per far fronte ai debiti residuali”.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Debiti, “Asl Foggia riduce del 75% massa debitoria” ultima modifica: 2013-08-27T20:13:09+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi