GarganoManfredonia
Visita ai militari feriti di guerra ucraini del conflitto non ancora terminato con l'Unione Sovietica

‘Angeli di Padre Pio’, ambasciatore ucraino in visita ai militari feriti di guerra

Frate Colacelli: "ritengo sia un evento di notevole importanza per la nostra Provincia e per la nostra Regione che può vantare eccellenze in campo sanitario e specificatamente riabilitativo"

Di:

San Giovanni Rotondo – IL prossimo 1° settembre 2015, alle 12.00 presso il presidio territoriale riabilitativo extraospedaliero “Gli Angeli di Padre Pio” di viale Padre Pio a San Giovanni Rotondo, prevista una visita ai militari feriti di guerra del conflitto non ancora terminato alla presenza dell’Ambasciatore Ucraino S.E. Signor Yevhen Perelygin (Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario d’Ucraina nella Repubblica Italiana), del Colonnello Oleksandr Vereschak (Addetto per la Difesa, la Marina e l’Aeronautica presso l’Ambasciata d’Ucraina in Italia), del Proto presbitero Anatoliy Gryuskiv, Responsabile Chiesa Ortodossa e del Presidente della Camera Italia per i Balcani Dott. Paolo Di Lullo.

“Il Governo ucraino ha scelto ufficialmente due tra le migliori eccellenze italiane nel campo della protesica e della riabilitazione per i propri militari vittime di gravissimi traumi bellici (amputazioni, lesioni midollari ecc)”. “Per la riabilitazione – scrive Francesco Colacelli, presidente O.F.M. Cap – siamo onorati che la scelta sia ricaduta sulla nostra struttura che già si era distinta lo scorso anno durante un progetto di riabilitazione per i feriti di guerra libici. Ritengo sia un evento di notevole importanza per la nostra Provincia e per la nostra Regione che può vantare eccellenze in campo sanitario e specificatamente riabilitativo”.

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • lettore attento

    Gentile redazione di stato quotidiano vorrei precisare che l’unione sovietica si è ormai dissoluta alla fine del 1991. Il conflitto in questione è fra ucraina e russia.
    Buon lavoro.


  • lettore attento

    Rett.: “dissolta”.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi