Cronaca
"Non si può sapere quando, né dove di preciso, ma di sicuro avverranno"

L’allarme dell’Ingv: “Attesi in Italia terremoti 30 volte più forti”

I sismi che sono attesi "saranno, per intensità simili a quello dell'Irpinia nel 1980, al sisma di Messina e Reggio Calabria nel 1908"

Di:

(ADNKRONOS) In Italia i geologi si aspettano terremoti con energia 30 volte più forte di quello di Amatrice. Non si può sapere quando, né dove di preciso, ma di sicuro avverranno. L’allarme arriva dal sismologo Antonio Piersanti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. “I terremoti degli ultimi anni hanno portato in sé delle grandi tragedie, con un elevato numero di vittime, ma purtroppo la Terra ci sta dando degli avvertimenti – rimarca Piersanti all’Adnkronos – perché in Italia avverranno dei terremoti più forti di questo. Abbiamo la certezza che arriveranno a magnitudo 7, che equivale a un fattore + 30 di energia liberata rispetto a una magnitudo 6.0 come quello di Amatrice”.

I sismi che sono attesi “saranno, per intensità simili a quello dell’Irpinia nel 1980, al sisma di Messina e Reggio Calabria nel 1908” spiega ancora Piersanti che, a fronte di queste evenienze, lancia un monito “bisogna essere preparati adeguatamente in termini di qualità dell’edificato”.

FONTE, LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SU WWW.ADNKRONOS



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Maralberto Ronchi

    Vorrei sapere perchè come è successo per l’ Aquila e l’ Emilia continuate a parlare di sisma di magnitudo 6.0 quando facendo zapping su tutte le TV straniere danno come sisma da magnitudo 6.2 a 6.3. Vorrei sapere chi ha ragione perchè sto dubitando che anche voi siete a libro paga della Stato Italiano quindi per non pagare la ricostruzione ( dopo aver preso commissioni per non vigilare ) continuate a dire che i terremoti in Italia hanno un magnitudo di 6.0, vorreste dare spiegazioni?


  • MANFREDONIA A RISCHIO SISMICO 2

    parrebbe che nessuna autorità istituzionale giuridica e politica conosca la tremenda storia sismica di Manfredonia e che nessuno sappia leggere le cartine a rischio sismiche del territorio italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati