Manfredonia
Nota stampa

Manfredonia, rifiuti nell’Ipogei Capparelli (FOTO)

Di:

Manfredonia. Intervento degli Ispettori Ambientali Volontari della CIVILIS ENGEA di Manfredonia nel parco archeologico dell’ANTICA SIPONTO presso gli IPOGEI CRISTIANI in località CAPPARELLI. “Il sito è incustodito, chiunque può entrare ed uscire, non ci sono guide per gli eventuali turisti o visitatori, l’opera cofinanziata dall’Unione Europea nel programma Operativo Interregionale (F.E.S.R. 2007/2013) in questo modo non è valorizzata. Peccato che al Sud Italia tutto viene realizzato non per giusta causa, le immagini parlano la sole, lanciamo un appello alla Regione Puglia e al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo affinché intervenga per migliorare il tutto”.

FOTOGALLERY

Addetto Stampa Civilis



Vota questo articolo:
15

Commenti


  • svolta

    A fronte di tante persone per bene e civili ci sono, per fortuna sono una piccola parte, persone NON per bene e incivili.
    Ma non vi furono messe le telecamere in quel sito ?
    Se ci sono, come detto in precedenza…. messe le telecamere ci sarà qualcuno che vedrà i fotogrammi…. ?


  • Ristoratore

    Valorizzare l’area con parcheggi, bancarelle e qualche bar e ristorante.Impariamo a fare turismo.


  • Un milanese che parte

    Turismo a tutto l’anno con la Basilica di Siponto e gli Ipogei Capparelli. Più turismo, più lavoro ovviamente creando le dovute strutture. Non possono rimanere luoghi guarda e vai.


  • manfredoniano puro sangue

    Il più bel luogo storico dell’antica Siponto.Un luogo da puntare per il rilancio turistico della Città.


  • Matteo

    E tutto falso quello che è stato pubblicato su quella località.
    Quello che stato trovato era la raccolta differenziata della manifestazione del giorno prima.


  • Matteo

    Io sono il responsabile della location e sfido chiunque a venire e a trovare una carta a terra.
    Purtroppo a questo paese c’è gente che non sa cosa fare e vanno dicendo cose che non esistono.


  • PolliceVerde

    Probabilmente c’è stato un piccolo equivoco. Ciò non toglie che la natura e l’ambiente siano oggi gravemente minacciati dall’ignoranza e la superficialità della gente incivile e miserabile capace di imbrattare qualsiasi luogo in cui passa: spiagge, mari, boschi, strade, campagne, sentieri, città stesse, fiumi, montagne ecc ecc. Credo che ormai ognuno di noi, civile e responsabile, abbia il diritto e il dovere di segnalare qualsiasi atto del genere e magari intervenire in prima persona perché, ricordiamoci, che va a scapito di tutti e soprattutto dei nostri figli dare ancora la libertà a gentaglia del genere di inquinare il mondo in cui viviamo.


  • fans

    Marasco dai commenti quello che tu dici sono menzogne maraschiane. Intervieni per smentire.


  • Manfredonia SCHIAVA di Energas Q8

  • Il degrado della citta’ serve solo pretesto per agevolare l’ ingresso dei mostri.


  • Gerardo

    Marasco quali obbiettivi vuoi raggiungere? L’hanno capito tutti. Finiamola col gioco tra guardie e ladri, generali e ispettori del caciocavallo.Tra l’altro non sei in regola con quello che fai e in più con i tuoi articoli hai messo in cattiva luce Manfredonia e i manfredoniani, qualificandolo popolo di incivili. Il corpo di volontariato rimarrà tale, fino allo scioglimento totale.


  • Dino

    più strutture per accogliere e trattenere i turisti. Aggiungete un parcheggio,bancarelle e ristoranti o bar in zona.


  • nullaosta

    Buffonate .. il generale delle fa credere ai suoi seguaci che così facendo la sovrintendenza archeologica ingaggiera’ le guardie per la loro esperienza serietà.. .. cmq bravo Matteo.


  • Volontariato con fine

    Marasco finiscila con le stronzate e tutti gli scagnozzi che gli stanno dietro. Tanto non vi assume nessuno. Seguite bene questa azione, non distraetevi.


  • Indignato

    I soliti animali che popolano il meridione!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati