Cronaca

Disattivazione posti letto strutture private, costituito tavolo tecnico


Di:

Immagine d'archivio, relativa ad una clinica privata

Bari – COSTITUITO dalla Giunta regionale il Tavolo tecnico necessario nella definizione dei percorsi per la disattivazione dei posti letto della ospedalità privata. Il Piano di Rientro del novembre 2010, infatti, dopo la disattivazione di 1413 posti letto nelle strutture pubbliche, prevedeva: entro il 31 dicembre 2011 la disattivazione di altri 500 posti-letto, di cui 130 negli Enti Ecclesiastici e 370 nelle Aziende ed Enti del Servizio Sanitario Regionale; entro il 31 dicembre 2012 la disattivazione di ulteriori 300 posti-letto delle Case di cura private accreditate, previa revisione delle pre-intese del giugno 2006. Il Tavolo costituito avrà dunque l’obiettivo di provvedere alla ricognizione ed analisi dell’attuale situazione per procedere disattivazione dei posti letto nella spedalità privata accreditata, compresi quelli degli Enti Ecclesiastici e degli IIRCCS privati.

Del tavolo tecnico fanno parte, per la parte pubblica: il Direttore dell’Area Politiche della Salute, in qualità di coordinatore; il dirigente del servizio di Programmazione Ospedaliera e Specialistica; il Dirigente dell’Ufficio Organizzazione Assistenza Ospedaliera;il Dirigente dell’Ufficio Rapporti Istituzionali del Servizio PAOS; Il Direttore dell’Area Programmazione dell’ARES Bari; il Dirigente del Servizio Analisi della domanda e dell’Offerta Sanitaria dell’Ares. La partecipazione al tavolo è gratuita.


Redazione Stato

Disattivazione posti letto strutture private, costituito tavolo tecnico ultima modifica: 2011-10-27T20:37:31+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • soldatindipiombo

    CREDO SIA GIUSTO AUMENTARE I POSTI LETTO ALLA CASA DI CURA SAN MICHELE;SE POSSIBILE DARE 10 POSTI DI CARDIOCHIRURGIA,logicamente togliendo altri posti al san camillo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This