Capitanata

Foggia, mazzata rette asili comunali: 368 euro, record nazionale aumenti


Di:

Asilo nido

Foggia – Caro rette: dura la vita per le giovani coppie, fra difficoltà nel far accedere i propri figli ad asili comunali, alti costi e disparità economiche anche all’interno della stessa regione: si registra una differenza di ben 179€ tra il capoluogo di provincia con le rette più alte, Foggia (368€), e quello con le rette più basse, Bari (189€). Rispetto al 2009/10, nel 2010/11 le tariffe sono rimaste invariate a Lecce e Brindisi, diminuite nettamente a Taranto (-51,6%) e aumentate a Bari (+8%) e soprattutto a Foggia (+54,6%), record nazionale. L’analisi, svolta dall’Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva ha considerato una famiglia tipo di tre persone (genitori e figlio 0-3 anni) con reddito lordo annuo di 44.200€ e relativo Isee di 19.900€.

I dati sulle rette sono elaborati a partire da fonti ufficiali (anni scolastici 2009/10 e 2010/11) delle Amministrazioni comunali interessate all’indagine (tutti i capoluoghi di provincia). Oggetto della ricerca sono state le rette applicate al servizio di asilo nido comunale per la frequenza a tempo pieno (in media, 9 ore al giorno) e, dove non presente, a tempo ridotto (in media, 6 ore al giorno), per cinque giorni a settimana. A Bari, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto, il servizio è unicamente a tempo ridotto.

Liste di attesa. In Puglia, secondo la banca dati del Ministero dell’Interno sulla fiscalità locale aggiornata al 2009, ci sono 46 asili nido comunali per 2.322 posti disponibili. Il maggior numero di asili è presente in provincia di Lecce (13, con 606 posti), mentre la provincia di Taranto ne registra il numero minore (3, con 165 posti). A fronte di una media nazionale del 25%, in Puglia ben il 33% dei richiedenti rimane in lista di attesa, dato inferiore solo a quello della Sicilia (42%).

Redazione Stato, n.m.

Foggia, mazzata rette asili comunali: 368 euro, record nazionale aumenti ultima modifica: 2011-10-27T14:32:43+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This