Cronaca

Tatarella teme per la sanità: “Fermare la mattanza ospedaliera”


Di:

Fabrizio Tatarella, confermatro segretario provinciale Fli (al centro)

Foggia – “Malgrado il tempo stia ormai per scadere, confidiamo che quella che è stata giustamente definita la mattanza della sanità foggiana venga evitata”. Nella questione sanità dauna entra anche il coordinatore provinciale di Futuro e Libertà, Fabrizio Tatarella. Tatarella si mostra allarmato dal dibattito che, in questi giorni, sta mettendo in fibrillazione tutto un mondo la cui destabilizzazione comporterebbe ricadute non da poco sulla popolazione ospedaliera dauna.

In particolare, il nipote di Pinuccio sbianca all’idea dello smatellamento di reparti ed intere strutture: “L’idea che gli ospedali di Manfredonia e Lucera vengano sostanzialmente chiusi e che quello di Cerignola e quello di San Severo siano gravemente ridotti nella loro funzionalità è intollerabile. Soprattutto perché non crediamo affatto che c’entrino né la sentenza della Corte Costituzionale (che si è limitata a rimarcare un metodo illegittimo nelle assunzioni) né le pur draconiane previsioni del piano di rientro, che bastona in modo irragionevole una spesa, quella del personale, che contribuisce ben poco alla dissipazione in campo sanitario (per la quale Vendola dovrebbe dare un’occhiata al meccanismo di certi appalti, magari chiedendo informazioni a persone a lui vicine)”.

Quali allora le soluzioni possibili? “Noi – chiosa Tatarella – riteniamo che si tratti in realtà di un supplemento surrettizio del piano di riordino ospedaliero. Che con la scusa della Corte e di Tremonti si voglia procedere a ridurre al lumicino l’assistenza ospedaliera senza alcuna compensazione in termini di medicina di territorio. Una scelta intollerabile.

Redazione Stato

Tatarella teme per la sanità: “Fermare la mattanza ospedaliera” ultima modifica: 2011-10-27T16:33:41+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    Si parla di curare la sanità locale quando questa è già morta!
    Stasera un consiglio comunale inutile. Tardivo. Solo di passerella per qualcuno. Fa ridere il fatto che stiamo già celebrando la messa funebre della sanità locale quando si sente solo ora parlare di prevenzione. Mi sembra una commedia di De Filippo. Come sempre arriviamo tardi. Questo consiglio comunale si doveva tenere sei mesi prima. Anche questa volta nessuna protesta. Nessuna rivolta da parte della debole politica locale. A Cerignola continua a chiudersi tutto. Dopo gli uffici dell’AQP, quelli dell’ENEL e della asl, dell’eliminazione di altre linee ferroviarie, ora è la volta di interi reparti dell’Ospedale Tatarella. Non ci scandalizziamo più di niente. Renzo Arbore direbbe:” Indietro Tutta”!

    Il Coordinamento cittadino di Cerignola
    Enzo Pece

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This