GarganoManfredonia
Le Marche, come noto da ieri, sono a elevato rischio così come l’Umbria

Rischio sismico: le zone più pericolose in Italia

Per quanto riguarda la Zona 2, ovvero pericolosità Elevata, la mappa colora un po’ tutta la zona del Centro Italia, ovvero quella colpita dai terremoti più recenti

Di:

Il Terremoto che sta colpendo il Centro Italia nelle ultime ore riporta in voga, purtroppo, il tema rischio sismico. La penisola del Bel Paese, purtroppo, quando si parla di sisma non può dormire sonni tranquilli, come si può notare dalla mappa pubblicata nel 2006 in Gazzetta Ufficiale dall’INGV in seguito alla nuova Classificazione del rischio sismico. Analizziamo, grazie alla cartina geografica, quali sono le zone più pericolose in Italia partendo dall’alto rischio fino alle zone che possono dormire tranquillamente.

CLASSIFICAZIONE INGV

La divisione delle Zone, nella Classificazione fornita dall’INGV a partire dal 2002, è la seguente:

Zona 1 – È la zona più pericolosa. Possono verificarsi fortissimi terremoti
Zona 2 – In questa zona possono verificarsi forti terremoti
Zona 3 – In questa zona possono verificarsi forti terremoti ma rari
Zona 4 – È la zona meno pericolosa. I terremoti sono rari

RISCHIO SISMICO ZONA 2

Per quanto riguarda la Zona 2, ovvero pericolosità Elevata, la mappa colora un po’ tutta la zona del Centro Italia, ovvero quella colpita dai terremoti più recenti. Al Nord a rischio è solo la zona di Vicenza. Poi si scende in Emilia Romagna con poco rischio nella zona di Bologna, Reggio Emilia e Modena, mentre la Toscana si divide in elevato rischio e pericolosità media: la zona a dover tremare maggiormente è quella di Castelfiorentino. Le Marche, come noto da ieri, sono a elevato rischio così come l’Umbria. Il terremoto fa spesso tremare anche le zone del Salento, Manfredonia e Foggia. Elevato rischio, ovvero Zona 2, si registra anche sulla parte orientale della Sicilia, vale a dire la zona tra Messina e Palermo sebbene, sull’Isola meridionale, il maggior rischio lo corre Catania per la presenza dell’Etna.



Vota questo articolo:
15

Commenti


  • Morpheus

    A quanto pare “quelli per il SI” ad Energas non conoscono questa carta.


  • Viale dei Pini Siponto

    Si sono spaccati le condutture dell’acqua e se fossero state quelle del gas?
    Manfredonia e a rischiso sismico e abbiamo anche precedenti storici terribili in materia di terremoti/maremoti!


  • CACCIARE GLI INCUBI DEL MOSTRO DI SAN SPIRITICCHIO DA MANFREDONIA

    DEBBONO MOLLARE L’OSSO DEBBONO SLOGGIARE DA MANFREDONIA!


  • Antonello Scarlatella

    Proprio ieri sera vedevo questo video che vi allego. Verità o follia?
    Certo che per la serie non c’e’ piu di nulla da meravigliarsi il dubbio mi è venuto.
    Vi consiglio vivamente di vederlo fino alla fine specialmente fare attenzione al punto tre dove c’e’ una intervista in occasione del terremoto dell’Aquila al Prof. Gianpaolo Giuliani.

    https://www.youtube.com/watch?v=qz6h5CxE3rY


  • Sipontino ignorante

    stante l’altissimo spessore della nostra classe politica/dirigenziale/funzionale potrebbe essere verità


  • Sipontino ignorante


  • Frangisch tarramot

    Io invece vorrei leggere nomi e cognomi di coloro (compreso i funzionari del Comune di Manfredonia, del bacino territoriale della provincia di Foggia) i vari funzionari dello Stato Italiano che hanno firmato i parevoli favorevoli circa l’idoneità del nostro territorio circa l’installazione del deposito Gpl più grande mondo o uno dei più grandi.


  • Sorridi sei a Manfredonia: la città dei balocchi

    Non mi meraviglio più e non mi meraviglirei più di tanto se tra poco leggessi la notizia di un progetto di una centrale nucleare nella zona dell’Ex Ajinomoto. Siamo, noi sipontini e sipontinie considerati il popolo più idiota e immaturo del pianeta. L’atto propedeutico al megadeposito di gpl ( progettato nel 2006 e attuato del 2010) ossia la distruzione inutile di centinaia di metri scogliera ubicata in pieno centro urbano) ha fornito il via al progetto del grandissimo stupro, vista la mancata reazione e l’indifferenza dal più balocco popolo del pianeta.


  • Ninetta

    Una idea geniale costruire un faraonico deposito di GPL in zona sismica


  • Terry

    Fuori i nomi….


  • Intelligente

  • perchè l’assessore regionale Giannini non ha risposto alla nostra interrogazione in regione sul rischio sismico ed Energas?

    Emilianoooooooooooo ci sei?

  • Ai DETRATTORI PREZZOLATI DELL’ENERGAS FACCIAMO NOTARE CHE BRINDISI E LIVORNO SONO SITUATE IN ZONE SISMICHE MOLTO BASSE. E CHE NON ROMPANO PIU CON QUESTA STORIA


  • Andrea

    Precisamente con scrivete voi di Manfredonia in movimento, Brindisi eLivorno sono a rischio sismico ZERO! Diversamente da Manfredonia! Ma nessuno va a controllare che cosa hanno scritto nei verbali i geologi etc possibilmente con i loro nomi e cognomi?


  • Gianni

    Osservino la cartina signori,
    Manfredonia in zona 2 e osservate il colore della cartina degli appenino/subappenino che è ad altissimo rischio! E notate la distanza tra la nostra zona 2 a quella 1!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati