CronacaStato news
''Le regioni: Lombardia e Veneto, domenica scorsa 22 0ttobre, hanno affrontato la prova referendaria

Amodeo “A chi fa paura l’AUTONOMIA della Capitanata?”

"Come mai l’autonomia tanto cara ai nostri connazionali del Nord è snobbata e contrastata dai nostri rappresentanti politici locali?"


Di:

A chi fa paura l’AUTONOMIA della Capitanata?

”Le regioni: Lombardia e Veneto, domenica scorsa 22 0ttobre, hanno affrontato la prova referendaria, con parziale affluenza alle urne in Lombardia (circa il 39% degli aventi diritto al voto)
e superamento del quorum in Veneto (oltre il 59% degli aventi diritto al voto), ma in entrambi i casi con un’affermazione plebiscitaria dei Si, che in Lombardia hanno superato il 95% e nel Veneto hanno addirittura superato il 98%.

Il costi dei suddetti referendum sarebbero ammontati a 14 milioni di euri per il Veneto e 50 milioni di euri per la Lombardia, per via della sperimentazione del voto elettronico a mezzo tablet, considerati non come spesa inutile e/o vuoto a perdere (come sarebbero stati erroneamente considerati al Sud), bensì come un utile investimento per avere un mandato popolare forte, da
utilizzare come mezzo di pressione per il raggiungimento di un’autonomia sempre più spinta dallo Stato centrale di Roma, con competenze regionali sempre più estese, tra quelle previste dalla riforma costituzionale della Legge n. 3/2001.

Allora mi chiedo e Vi chiedo:

Amodeo “A chi fa paura l’AUTONOMIA della Capitanata?” ultima modifica: 2017-10-27T20:50:33+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • matteo rinaldi

    ma questo la vuole smettere con queste putt..


  • Alan Ford

    L’autonomia che la lega ci vorrebbe regalare, far ambire e bramare, fa parte di una intelligente e subdola strategia inversa basata su seguente ragionamento inverso :
    -non riuscendo, loro, ad attuare la secessione, hanno ben pensato di fare in modo che sia il mezzogiorno a cavalcare tale ideologia….. Una sorta di inversione dei ruoli che permetta loro di figurare, non più come gli “sfascia Italia”, ma bensì come i paladini di un malcontento populista, che, guarda caso, vissuto a sud.
    È un voler spostare l’attenzione dal nord al sud.
    Tutto, per poi poter affermare che è più il nord a volere la secessione, ma il SUD.
    Un tranello talmente ben congegnato e dilatato nel tempo tale da rendere difficile la lettera della strategia in atto.
    Non è questione di avere paura dell’autonomia… è questione di non essere fregati ed intrappolati da questo subdolo piano leghista….. e, non da ultimo, fregati da quei politicanti che in questa operazione non vedono altro che la possibilità di assumere il controllo politico ed economico del mezzogiorno (o almeno di quel poco che c’è) a danno della popolazione….. Che ciecamente e come una sorta di gregge, nell’illusione di ottenere il solito favore personale li appoggia come un’orda di zombie fuori controllo.
    In conclusione, la lega sta facendo leva sul nostro disagio, mettendoci sotto il loro braccio (come si farebbe con i propri nemici per tenerceli stretti a noi) al solo scopo di farci diventare gli artifici della secessione economica in primis e politica subito dopo.


  • Antonello Scarlatella

    Amodeo ma lei è una bravissima persona. Perché si mette nelle cose più grandi di lei e dove non ha alcuna competenza.
    Perché vuole esporre a rischi la capitanata?
    Lei è un Ingegnere cosa pretende di capire di Economia di politica.
    Le cose sono due o lei non conosce lo stato economico del molise oppure mi consenta con tanto rispetto è un folle.
    Se non erro è di Venafro. Terra che conosco non bene ma di più. Dovrebbe sapere cosa sta accadendo da quelle parti.
    Invece di voler dividere la capitanata dalla puglia perché non uniamo invece il Molise alla Puglia? Sai come sarebbero felici i molisani….e noi recupereremmo una parte di territorio importante dalle zone montuose che servono a completare l offerta turistica Pugliese…oltre a creare una ulteriore sinergia culturale ed enogastronomica alla Puglie.
    Il veneto è una regione ricca. Lei vuole unire due territori devastati dalla povertà.
    Mi scriva o mi mandi la sua mail vorrei veramente scambiare quattro chiacchiere con lei…se le fa piacere.
    antonello.scarlatella@hotmail.com


  • Cittadino

    Voterei per la Moldauna ad una sola condizione:
    Presidente della Moldania Angelo Riccardi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi