Manfredonia
In risposta ad una recente lettera aperta

Sangalli a istituzioni, sindacati e lavoratori: no ostruzionismo

"(..) la proprietà si auspica di poter intavolare un attivo e proficuo tavolo di concertazione con le Rappresentanze al fine di poter tentare di preservare, nel brevissimo periodo, il Piano e con esso le garanzie per dipendenti e creditori tutti in esso contenute, anche tramite l'accesso a tutti gli ammortizzatori sociali permessi dalla norma di legge"

Di:

Manfredonia – “(..) la proprietà si auspica di poter intavolare un attivo e proficuo tavolo di concertazione con le Rappresentanze al fine di poter tentare di preservare, nel brevissimo periodo, il Piano e con esso le garanzie per dipendenti e creditori tutti in esso contenute, anche tramite l’accesso a tutti gli ammortizzatori sociali permessi dalla norma di legge”.

Questa la conclusione di una lettera inviata dal Presidente del Consiglio di Amministrazione della Sangalli Vetro Manfredonia Spa al Prefetto di Foggia, al Presidente della Provincia di Foggia, al Presidente dell’Associazione Industriali di Foggia, al Sindaco di Manfredonia, al Sindaco di Monte Sant’Angelo, al Sindaco di Mattinata, e p.c. alle organizzazioni Sindacali di Foggia, in seguito alla pubblicazione di una recente lettera aperta.

IL TESTO. ”Egregi Signori estendo la presente costretto dagli ultimi eventi. Come noto, la vetreria di Manfredonia (Sangalli Vetro Manfredonia s.p.a.) nella quale la Famiglia Sangalli ha investito, negli anni, mezzi propri per un valore corrispondente a poco meno di 40 milioni di Euro, nonché 15 anni di lavoro intenso e appassionato e nella quale, da ultimo, alcuni partner russi hanno recentemente immesso ulteriore liquidità – per evidenti contingenze che sono sotto gli occhi di tutti (inter alia l’ipertrofia dei costi energetici, il crollo del mercato dell’edilizia e del vetro, le difficoltà del sistema Italia) – si trova oggi in difficoltà e con un forno non più utilizzabile.

Come altresì noto la difficoltà della società Sangalli Vetro Manfredonia s.p.a. non è purtroppo isolata e si innesta in un sistema impresa già in piena crisi. In tale contesto gli amministratori, in aderenza a quanto imposto dal Codice Civile, dal Codice Penale e dalla Legge Fallimentare, hanno l’obbligo di intervenire.

Detto intervento, in un contesto nel quale (i) le somme per il rifacimento del forno non sono risultate disponibili e, in ogni caso, (ii) il mercato di riferimento non risulta più in grado di assorbire l’offerta a due forni, ha forzato il management ad una scelta dolorosa ma inevitabile. Il fermo del forno di Manfredonia. Detto intervento – atto dovuto per la tutela del patrimonio sociale (e quindi, per l’effetto, del patrimonio a disposizione per il ceto dei creditori) — ha imposto la redazione di una complessa manovra volta a perfezionare un concordato preventivo della società Sangalli Vetro Manfredonia s.p.a., al preciso fine di preservare quanto più valore possibile per il territorio e, quindi, al fine di offrire il massimo grado di tutela dei diritti ai crediti sociali e, in particolare, le maestranze.

Detta soluzione negoziata della crisi d’impresa da perfezionarsi tramite la continuità del sito di Porto Nogaro – e per la tutela della quale il management e la proprietà stanno intraprendendo i migliori sforzi – persegue un’importantissima finalità: salvaguardare il maggior numero di attività a Manfredonia, ovvero uffici, linee di seconde lavorazioni (Satinato e Magnetronico), magazzino e manutenzione che risultino economicamente sostenibili.

Il redigendo concordato conta infatti di preservare un livello occupazionale di non meno di 70/80 persone presso i siti di Manfredonia. Tuttavia dispiace constatare come detto piano pare non trovare il favore del sindacato, il quale sembra avere imboccato una strada differente.

Si apprende con apprensione da alcune dichiarazioni delle RSU come le medesime parrebbero non voler ulteriormente proseguire su di un tavolo negoziale con il Gruppo Sangalli, avendo unicamente l’intento di stimolare l’ingresso di un diverso (ed al momento del tutto assente nel mercato) imprenditore nel territorio, anche – se necessario – attraverso il ricorso ad una procedura fallimentare per l’intero Gruppo. Per questo fine non sono stati lesinati mezzi estremi, quali uno sciopero ad oltranza, il blocco dell’attività nella palazzina uffici che – per contratto – dovrebbe dare servizi a tutte le società del Gruppo, (compresa Porto Nogaro, società deputa all’acquisto di taluni asset di Manfredonia al fine di sostenere le esigenze del Concordato di Manfredonia), il sequestro del vetro contenuto nel magazzino, il pesante ricorso ai media con un discredito generalizzato del Gruppo che, inevitabilmente, sta compromettendo (in modo grave) le relazioni imprenditoriali con clienti e fornitori.

Considerata la forte complementarietà tra il sito di Porto Nogaro e quello di Manfredonia, il Piano Industriale del Gruppo prevedrebbe di poter mantenere in piena operatività una parte consistente del comparto operante a Manfredonia, con la sola esclusione della produzione di vetro piano legato al forno il quale, giova ribadirlo, è stato spento anche al fine di preservare la consistenza del patrimonio della società e del Gruppo per i creditori (compresi i dipendenti) che, diversamente, sarebbe stato rapidamente eroso dalle gravi perdite generate dall’attività caratteristica.

L’attuale condizione di ostruzionismo all’attività di impresa rischia di impedire non solo il perfezionamento del Piano Industriale (e Concordatario), il quale prevede importanti benefici nel breve periodo per tutti i creditori della società Sangalli Vetro Manfredonia s.p.a., ma anche – e soprattutto – quel diritto al lavoro per tutti i dipendenti salvaguardati dal Piano stesso (oltre 140 Porto Nogaro ed oltre 70 a Manfredonia). Diritto costituzionalmente garantito”.

Dunque la conclusione: “(..) la proprietà si auspica di poter intavolare un attivo e proficuo tavolo di concertazione con le Rappresentanze al fine di poter tentare di preservare, nel brevissimo periodo, il Piano e con esso le garanzie per dipendenti e creditori tutti in esso contenute, anche tramite l’accesso a tutti gli ammortizzatori sociali permessi dalla norma di legge”.

ALLEGATI

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Sangalli a istituzioni, sindacati e lavoratori: no ostruzionismo ultima modifica: 2014-12-27T12:28:52+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • Lettore

    I cialtrini locali parlano di un grande successo dei patti d’area, questa gente non ha percepito niente a dicembre, almeno cosi ho udito ascoltando la radio
    povera gente bene ora i burattinai che eventualmente avessere deciso di installare la grandissima centrale del gas mettete questa gente a lavorare!!

  • certo che ci vuole una faccia,
    questo imprenditore continua a prendere in giro la popolazione con l’aiuto dei politici , perchè i politici invece di piegarsi ,non dovevano permettere che questo signore ipotecasse la fabbrica .è qui la complicità politica.ora tutto questa pagliacciata a chi serve? sono solo chiacchiere, che servono a chi che sia ,politici imprenditori sindacati ……ordine pubblico insomma .
    Manfredonia non vive nel benessere , e qui si prende in giro la gente …dove si è visto mai ,poi di questi tempi strani ,un imprenditore o banche investire su una azienda deficitaria di 150.000 milioni di euro.
    a domanda precisa fatta in occasione del consiglio comunale congiunto il dottore sangalli nervoso ,alterato,da vari giustificazioni ,che la famiglia ci rimette soldi sull’azienda Manfredoniana ,infrastrutture inesistenti,fondi nazionali restituiti allo stato ,la non convenienza logistica ,e in fine i trasporti che costano .
    risposta integrale A tratti polemico e critico, invece, l’intervento del consigliere manfredoniano Candido:-“ Sicuro che i soldi ce li ha messi davvero la sua famiglia? Non conosco imprenditori che ci rimettono di tasca propria! Quanti furbetti abbiamo visto all’interno del Contratto d’area in tutti questi anni? E perché, nonostante tutti questi fattori sfavorevoli lei afferma di voler continuare ad investire qui?”.
    “Infatti se potessi tornare indietro ci penserei due tre volte ed i contributi avuti, come mostratovi, in dodici anni li ho restituiti in tasse allo Stato!”, replica Sangalli.
    allora di cosa parliamo ancora.
    poi ragazzi avete visto dopo le primarie nessuno parla più di voi .


  • Cittadino bancomat del Comune di Manfredonia

    Come farebbero i comuni specialmente Manfredonia che è indebitato sino al collo a versare soldi nostri ad un ditta privata indebitata di quella cifra mostruosa?
    Ma che hanno in mente questi sperperoni dissenati???
    Ma come vi permettete!!!!


  • gigi

    bravo sangalli…. con i soldi delcontratto s’area……. ed ora non ha un soldo…


  • Vasco

    Nessuno dice che il suo piano industriale dura solo il tempo x svuotare magazzini e portare i macchinari al nord . N.b. forse servendosi di qualche prestanome(é un suggerimento da attenzionare).


  • Analisi di un Cittadino.

    Premetto che non sono un dipendente della M.Vetro,ma sono solamente uno dei tanti cittadini di Manfredonia che vivono questa spiacevole e incresciosa situazione in comunione con le tante famiglie alle prese con questa brutta situazione !
    Ho letto il comunicato emesso dalla proprietà Sangalli e non sapendo ne leggere e ne tanto meno scrivere,mi permetto di dire che :
    – Se si è giunti a questo punto o stato di cose,non credo che la cosa sia nata oggi o ieri l’altro,ma sicuramente la situazione economica aziendale e debitoria,sia frutto di anni precedenti. A tal motivo mi chiedo ancora…perchè si e taciuto sulla realtà debitoria e situazionale della Manfredonia Vetro e ancor più,sulla CAPACITA’ ECONOMICA DELLA FAMIGLIA SANGALLI…che oggi lamenta DEBITI SCONSIDERATI ?????
    Perchè non ne ha fatto cosa di dominio pubblico al momento del primo segnale di difficoltà economica e di mercato ??????????????
    Forse per non perdere la faccia e dimostrare al mondo intero e industriale che NON VI ERANO PROBLEMI NELLA SUA AZIENDA E CHE I SOLDI DATOGLI DAL CONTRATTO D’ARIA E DALLA COMUNITA’ EUROPEA ERANO BEN RIPOSTI NELLA SUA FAMIGLIA E AZIENDA….?????????
    SE COSI’ FOSSE,ECCOLI I FRUTTI DI UNA POLITICA INDUSTRIALE A DIR POCO A CONDUZIONE ELEMENTARE E POCO PROFESSIONALE….E I FRUTTI SONO QUELLI CHE OGGI IN MANIERA COSI’ DRAMMATICA SI SVELANO AI NOSTRI OCCHI…E AGLI OCCHI DEL MONDO INTERO…..L’ARROGANZA NON PAGA MAI ……OCCORREVA DENUNCIARE MOLTO PRIMA UNA CERTA INCAPACITA’ NELLA GESTIONE ECONOMICA E DI MERCATO DI UN PRODOTTO SUPERLATIVO NELLA SUA QUALITA’ E NELLA SUA DUTTILITA’ IN QUALSIASI CAMPO SI VOGLIA COLLOCARLO E IL MERITO DI TALE MANIFATTURA E’ MERITO DI TUTTI I LAVORATORI E ADDETTI AI VARI LIVELLI DELLA MANFREDONIA VETRO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    – Una ragione occorre attribuire alla Proprietà Sangalli,la sua lamentela in tanti anni di un certo esubero del personale e dell’inefficienza delle strutture portuali e territoriali esistenti in loco con scarso utilizzo da parte aziendale di tali strutture obsolete e poco confacenti all’utilizzo della Manfredonia Vetro …specie in materia di trasporti che è risultato oneroso oltre ogni immaginazione e calcolo di ragioneria !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    -In questo caso le responsabilità di quanto NON FATTO PER TEMPO è da attribuire sicuramente ad una cattiva gestione della cosa pubblica e del territorio e non dobbiamo sottovalutare anche un’altro aspetto della situazione : VI E’ STATO IL CONTROLLO E LA VIGILANZA IN TEMPI NON SOSPETTI ….DELLA GESTIONE ECONOMICA -IMPRENDITORIALE- NEGLI INVESTIMENTI – NELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE DELLA MANFREDONIA VETRO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ,DELLA PROVINCIA,DELLA REGIONE ,DELLO STATO,DELLE ISTITUZIONI IN GENERE E DELLE BANCHE ??????????????????????????
    QUESTE SONO LE DOMANDE E LE RISPOSTE A CUI QUALCUNO DOVREBBE DARE DELLE RISPOSTE E PURE SUBITO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    – Attualmente le cose sono in SOSPESO e nessuno riesce a trovare una via di uscita a questo enigma dove da una parte LA MANFREDONIA VETRO-SANGALLI,CHE VORREBBE CHIUDERE TUTTO E ANDARE VIA A CASA SUA AL NORD NELLO STABILIMENTO DI NOGANO ( INDEBITATO SINO AL COLLO ) SULLE SPALLE DI MANFREDONIA E ANCHE PRESO DAL CANTO DELLE SIRENE DEGLI AIUTI CHE GLI AVRANNO PROMESSO ALCUNE NAZIONI EUROPEE DOVE NON PAGHEREBBE NESSUNA TASSA E AVREBBE AGEVOLAZIONI COME QUELLE AVUTE A MANFREDONIA E POI……….CASO MAI…..CHIUDERE ANCHE LI’ TRA QUALCHE ANNO E VIA COSI’ ALL’INFINITO !!!!????? SAREBBE TROPPO BELLO SE LE COSE IN ITALIA ANDASSERO REALMENTE COSI’ !!!!!!!!!????????????
    QUESTO POTREBBE ESSERE IL SUO DISEGNO IMPRENDITORIALE ED ECONOMICO….LOGICAMENTE VISTO DALLA SUA PARTE ….LA PARTE DEL PADRONE !!!!!!!!!!!!!
    -DALL’ALTRA PARTE VI SONO LE 200 FAMIGLIE DI LAVORATORI DELLA MANFREDONIA VETRO + 200 FAMIGLIE DELL’INDOTTO CHE …IN UN SOLO BOCCONE SI TROVEREBBERO LETTERALMENTE IN MEZZO AD UNA STRADA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    LA PROPRIETA’ SANGALLI,DA QUANTO LETTO,VORREBBE MANTENERE IN LOCO A MANFREDONIA SOLO 80 O FORSE 100 UNITA’ LAVORATIVE E METTERE IL RESTANTE PERSONALE IN LIQUIDITA’ CON LA CASSA INTEGRAZIONE-DISOCCUPAZIONE-MOBILITA’ E ALTRI ISTITUTI A SOSTEGNO DEI LAVORATORI IN ESUBERO…E ANCHE LIBERARSI DI ALCUNE PECORE NERE !!!!!!!!!!!!!!!
    LA COSA POTREBBE OTTENERE UN RISULTATO POSITIVO SE LE PARTI INTERESSATE SI ACCORDASSERO E CON UN COMPENSO CONGRUO,ALCUNI LAVORATORI POTREBBERO ANCHE ACCETTARE L’OFFERTA AZIENDALE E STATALE E MANTENERE IN VITA L’AZIENDA DI MANFREDONIA VETRO PER ALTRI ANNI IN ATTESA DI DECIDERSI A MANFREDONIA DI COME VIVERE E DI COME MORIRE …SE DI FABBRICHE O DI TURISMO O DI ARIA FRITTA…….??????????????!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    SPETTA ADESSO ALLE PARTI IN CAUSA…. ( LAVORATORI E SINDACATI DA UNA PARTE E AZIENDA SANGALLI +GOVERNO+BANCHE ,DALL’ALTRA ) …ATROVARE UNA BUONA SOLUZIONE A QUESTA DIFFICILE SITUAZIONE DOVE NON DVE PRIMEGGIARE L’ODIO E LA VIOLENZA,MA LA DISPONIBILITA’ AL CONFRONTO E ALLA RICERCA DISPERATA E RAGIONEVOLE DI UNA SOLUZIONE CHE ACCONTENTI TUTTI E CHE DIA SERENITA’ E FUTURO LAVORATIVO A TANTI LAVORATORI CHE SE STANNO SCIOPERANDO ,LO FANNO ESCLUSIVAMENTE NELL’INTERESSE DELLE LORO FAMIGLIE E DEL MANTENIMENTO DEL POSTO DI LAVORO E DELL’ATTACCAMENTO ALLA ….MANFREDONIA VETRO…FATTORE QUEST’ULTIMO DIMENTICATO CON TROPPA FACILITA’ E UMANITA’ DAL DOTTOR GIORGIO SANGALLI E DALLA SUA FAMIGLIA !!!!!!!!!!!!!!!!!!
    BUONA FORTUNA A TUTTI E SPERO CHE SI TROVI UNA SOLUZIONE CHE VADA BENE PER TUTTI E PORTI NELLE VOSTRE CASE LA TANTO SPERATA SERENITA’ E SICUREZZA LAVORATIVA !!!!!!!!!!!!!!!!


  • santo che non fa miracoli

    “I L B E L L O V I E N E O R A”. Chi vivrà vedrà!


  • Occhio x occhio

    Sangalli andate via per sempre. Avete lo chalet in Austria state lì. Pagate gli operai della Manfredonia vetro, 13ma e premi di produzione. Il 10 gennaio pagate lo stipendio regolarmente, per una volta fate gli uomini. Evitate ennesime figure di ….., salvate il salvabile come uomini almeno. Dio esiste.


  • Operaio senza livello

    Vogliamo solo (i nostri diritti). Ti aspettiamo ……..


  • Diritti ,Doveri e Giustizia per Tutti !!!

    Non diventate dei poveri e onesti polli allo spiedo per la politica e per gli imprenditori e lo stato.Vedete quello che stà accadendo ai lavoratori della SOLANGE !!! Nessuno si sta occupando più di loro,che miseria e solo chi ci è passato può credervi ! Non ammainate la bandiera della ragione e del diritto al lavoro e fatelo in maniera decisa e senza violenza e fate intervenire la stampa e i media a livello nazionale.La gente ,l’Italia intera deve sapere di voi e di noi e di un territorio sempre tradito e sempre deturpato e violentato nel nome del dio denaro e del dio potere sia politico e sia economico,ma solo di pochi e chi si crede innocente,scagli la prima pietra !!!
    Ammirevole quelle persone che stanno cercando di porre dei rimedi a tanti errori fatti in tanti anni e con diversi soggetti della politica e dell’ imprenditoria .L’Augurio di tutti e che l’impegno del Sindaco di Manfredonia e delle altre città interessate alla Manfredonia Vetro,continuino a sostenere i lavoratori sino alla conclusione di questa spiacevole situazione e che non si spengano i riflettori dell’attenzione e del diritto al lavoro per tanti lavoratori e del diritto alla serenità e allo stipendio di tante famiglie !!! Con stima per tutti.Cittadino Sipontino


  • Analisi Ignorante.. !?

    NON VOGLIO IN NESSUN MODO INFIERIRE SULLA QUESTIONE GIA’ DI PER SE’ DIFFICILE E DELICATA. PERO’ UNA CONSIDERAZIONE BISOGNA IN QUALCHE MANIERA FARLA E PORLA ALL’ATTENZIONE DI TUTTI : VI SIETE MAI FATTO UN GIRO ” TURISTICO E PANORAMICO ” NELLA ZONA ARTIGIANALE INDUSTRIALE SOPRA ALL’EX MONTESCELL …SULLA STRADA PER FOGGIA ??
    DOVE CI SONO SOLAMENTE ALCUNE PICCOLE ATTIVITA’ LAVORATIVE CHE SEMBRANO COME UN’OASI NEL DESERTO !?
    EBBENE, GIRATE E VISITATE QUEI LUOGHI CHE METTONO UNA PROFONDA TRISTEZZA NEL VEDERE TANTISSIMI CAPANNONI E INFRASTRUTTURE E AZIENDE …CHIUSE E CON TANTO DI CATENE E LUCCHETTI AI CANCELLI,UNA SCENA DA FINIMONDO E DA BRIVIDO !!!
    MI CHIEDO DA PROFANO :
    – PERCHE’ TUTTA QUESTA SITUAZIONE DI DEGRADO ?
    – PERCHE ‘ TANTE AZIENDE CHIUSE ?
    – PERCHE’ TANTE AZIENDE HANNO CHIUSO E PORTATO VIA I MACCHINARI E I CONTRIBUTI DELLO STATO E DELL’EUROPA ?
    – PERCHE’ LO STATO ITALIANO NON E’ MAI INTERVENUTO NEL NOSTRO TERRITORIO VIGILANDO E STUDIANDO UN PIANO DI RIVALUTAZIONE DEL TERRITORIO E DI QUESTE AZIENDE ?
    – PERCHE’ NON AFFIDATE PER DECRETO QUEI CAPANNONI E AZIENDE DISMESSE AI STESSI LAVORATORI E AVVIARLI VERSO UNA AUTOGESTIONE PRODUTIIVA,TANTO LE TASSE NON LE PAGHEREBBERO PER ALCUNI ANNI E GIUSTO IL TEMPO PER PENETRARE NEL MERCATO COMMERCIALE !!??
    – POSSIBILE CHE NESSUNO SI PREOCCUPA DI QUESTE INIZIATIVE CHE,DOVREBBERO INTERESSARE PER PRIMO IL NOSTRO COMUNE DI MANFREDONIA CON INIZIATIVE ATTE A TROVARE UN SEGMENTO PRODUTTIVO PER COLLOCARE LE VARIE AZIENDE E STRUTTURE ESISTENTI GIA’ SUL NOSTRO TERRITORIO ?????

    – TANTI ANNI ADDIETRO,VI ERANO A MANFREDONIA DUE AZIENDE LOCALI CHE TRASFORMAVANO IL NOSTRO PESCATO O PESCE ,IN SCATOLETTE SOTTO OLIO O SOTTO SALE COME LA ,DE CRISTOFARO E LA SILPI DEL CAV.PIETRANGELI ( BRASCELL ) …TUTTI RICORDERANNO E VI ASSICURO CHE GARANTIVANO ALMENO UN CENTINAIO DI POSTI DI LAVORO E TANTI ERANO DESTINATI ALLE DONNE…LE NOSTRE DONNE E QUELLE DEL TERRITORIO GARGANICO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    POSSIBILE CHE UN POPOLO DI MARINAI E PESCATORI COME IL POPOLO SIPONTINO,NON ABBIA PIU’ QUESTA VOCAZIONE E PORTI IL SUO ORO ..IL SUO PESCATO MARINO AGLI ALTRI…E FARLI ARRICCHIRE CON IL NOSTRO SANGUE …DOVE SONO I NOSTRI PESCATORI VERI QUELLI CHE DANNO IL LORO SANGUE PER IL MARE E PER LA NOSTRA UNICA RICCHEZZA PRODUTTIVA….IL MARE ??????????????????

    FATE UNA ENORME COOPERATIVA DI TRASFORMAZIONE E CONSERVAZIONE DEL NOSTRO PESCE E PESCATO VARIO E FATELO CONOSCERE IN TUTTE LE PARTI DEL MONDO…COME LE NOSTRE TRIGLIE E SEPPIE E ALICI E SARDINE E POLIPI E TANTE ALTRE SPECIALITA’ DI PESCATO,E VEDREMO SE NON RIUSCIREMO FINALMENTE A FAR PARLARE DI NOI IN SENSO POSITIVO E PRODUTTIVO E VEDREMO SE LA DISOCCUPAZIONE STRUMENTALIZZATA DA UN CERTA POLITICA …AVRA’ ANCORA LA MEGLIO SULLE NOSTRE CAPACITA’ DI PRODURRE E DI RIVALUTARE LA NOSTRA ECONOMIA E LA NOSTRA CITTA’ E SI SUOI GIOVANI…RICORDATEVI CHE LA QUALITA’ DEL PRODOTTO E LA SUA BONTA’,SONO IL MIGLIOR BIGLIETTINO DA VISTA PER CHIUNQUE E PERCHE’ NON LO DOVREBBE ESSERE PER NOI MANFREDONIANI ????!!!!
    L’IDEA PER LA REALIZZAZIONE DI UN’AZIENDA DI TRASFORMAZIONE DI PRODOTTI ITTICI,E’ SOLO UNA SEMPLICE E CASO MAI PER ALCUNI” STUPIDA IDEA ” ., MA SAREBBE UN MODO PER INIZIARE AD ALLARGARE I NOSTRI ORIZZONTI FUTURI PER NUOVE ATTIVITA’ LAVORATIVE E PRODUTTIVE LEGATE AL NOSTRO TERRITORIO E ALLA SUA INCALCOLABILE RICCHEZZA POTENZIALMENTE …NASCOSTA E SOLO COSI’,POTREMO OCCUPARE TUTTI QUEI CAPANNONI E AZIENDE CHIUSI NELLA ZONA INDUSTRIALE DELLA EX …MONTESCHELL SULLA STRADA PER FOGGIA …COME SI DICEVA UN TEMPO A MANFREDONIA !!!!!! SALUTI E RIFLETTIAMO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi