Manfredonia

U chéne e llu cjucce


Di:

Ll’ànne puste llu cullére a llu chéne,

llu patrune suve llu vole bbene,

ne nvole ca sparisce p’i crestjéne,

e a timbe d’ogge jé pure raggjone.

^^^

Ma stu chéne, u canosce, ji tipe stréne,

uà fé lli smorfie p’i robbe ca tene.

Vede u cjucce e dice: “Sì séne séne,

cjucce sènza ninde e sènza catene!

^^^

À viste a mmè, che mm’ànne puste nganne?

De stu prèmje tu ne mbute jèsse dègne,

ije so’ ffedele, i crestjéne u sanne,

^^^

ne nzo’ ccum’ e ttè, nu pizze de lègne!”

Responne u cjucce: “U rejéle te fanne?

Nn’oggètte d’amore ca lasse u sègne?!”

Pascalonia

Il cane e l’asino. Gli han posto il collare al cane/ il padrone lo vuole bene/ non vuole che scompaia tra la gente,/ ed ai tempi di oggi ha pure ragione.// Ma questo cane, lo conosco, è tipo strano,/ deve fare le smorfie per la roba che tiene (indossa)./ Vede l’asino e dice: “ Sei sano sano, ciuco senza niente e senza catene!// Hai visto me, che cosa mi han posto alla gola?/ Di questo premio tu non puoi essere degno/io son fedele, le persone (umani) lo sanno,// non sono come te, un pezzo di legno!”/ Risponde l’asino: “Il regalo ti fanno?/ Un oggetto di amore che ti lascia il segno?!”

(A cura di Pascalonia, Manfredonia)

U chéne e llu cjucce ultima modifica: 2017-01-28T12:57:27+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This