Economia
I taxisti di casa nostra pagano 0,207 euro in più un litro di gasolio rispetto ai colleghi tedeschi

Taxi: in Italia i costi più alti dell’intera UE

I risultati sono impietosi, soprattutto quando la comparazione avviene con la Germania

Di:

Roma. I costi di gestione dei taxi italiani sono più elevati rispetto alla media dei Paesi dell’Area euro. Il gasolio per autotrazione, ad esempio, costa in Italia il 13,4 per cento in più; il peso della nostra pressione tributaria (ovvero le imposte, le tasse ed i tributi sul Pil) è superiore di oltre 4 punti percentuali; la Rc auto da noi è più alta del 57 per cento; mentre l’aumento medio del listino prezzi delle autovetture nuove registrato nel nostro Paese tra il 2007 (anno pre-crisi) e il 2016 è stato del 14,4 per cento. Un incremento decisamente superiore a quelli avvenuti nei principali paesi che utilizzano l’euro.

A denunciarlo è l’Ufficio studi della CGIA che ha preso in esame le 4 principali voci di spesa che gravano sull’attività di un taxista.

I risultati sono impietosi, soprattutto quando la comparazione avviene con la Germania: i taxisti di casa nostra pagano 0,207 euro in più un litro di gasolio rispetto ai colleghi tedeschi; 6,8 punti percentuali in più di tasse; 136 euro in più all’anno per assicurare l’automezzo.

Secondo la CGIA è importante aver messo a confronto questi dati per chiarire alcune elaborazioni apparse nelle settimane scorse che comparavano le tariffe medie delle corse nelle principali città europee che, in assenza di un’analisi anche dei costi, hanno poco senso.

In merito alle motivazioni che, invece, hanno portato la categoria dei taxisti a protestare duramente contro il cosiddetto “emendamento Lanzillotta”, il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA, Paolo Zabeo, dichiara: “Riteniamo che tutti i processi di liberalizzazione dovrebbero avere come obbiettivo quello di ridurre i costi a carico dei consumatori e migliorare le condizioni generali di mercato. In queste ultime settimane, invece, ci è parso di capire che la deregolamentazione che alcuni parlamentari della maggioranza volevano introdurre per decreto nel settore del trasporto pubblico non di linea avesse come obbiettivo quello di colpire una categoria che non gode dei favori dell’opinione pubblica. Premesso che le auto bianche non temono alcuna forma di apertura del mercato, purché avvenga con il coinvolgimento di tutti gli operatori del settore, è possibile che i problemi dell’economia italiana siano i taxisti, i proprietari dei chioschi lungo le spiagge o gli ambulanti ? E’ vero che da qualche parte bisogna pur cominciare, ma perché iniziare dalla coda se è palese a tutti che per rendere questo Paese più moderno bisognerebbe intervenire con maggior determinazione sulle assicurazioni, sulle banche, sulle autostrade e sul settore energetico ?”

I principali costi sostenuti dai tassisti: un confronto europeo
PAESI GASOLIO AUTO
(in € al litro al 20/02/2017) PRESSIONE TRIBUTARIA
(% sul PIL) PREMIO ANNUO MEDIO ASSICURAZIONE AUTO
(€) PREZZI ACQUISTO AUTO
(Var.% prezzo 2016 / 2007)
Francia 1,267 29,1% 168 +12,1%
Germania 1,196 23,3% 238 +12,2%
Spagna 1,131 22,6% 173 +12,3%
ITALIA 1,403 30,1% 375 +14,4%
Area Euro 1,237 26,0% 239 +13,2%
Maggiori costi Italia rispetto media Area euro (in %) +13,4% +4,1% +57,2% +1,2%
Elaborazione: Ufficio Studi CGIA su dati Ministero dello Sviluppo Economico,
Commissione Europea, Eurostat, ISTAT, IVASS

Nota: la pressione tributaria si riferisce al 2015 (ultimo dato disponibile per effettuare confronti internazionali). In Italia, la pressione tributaria al netto del “Bonus Renzi” scende al 29,5%. La voce “Premio annuo medio assicurazione auto” si riferisce al 2014; la media è stata effettuata sui quattro Paesi presi in esame.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi