Manfredonia
"Ha fatto un errore strategico, voleva isolarci, ha ottenuto l’effetto opposto, ci si rivede in Comune a breve con una nuova richiesta di manifestazione"

Carlucci: “No manifestazione a B.Mezzanone? Riccardi ha sbagliato, ci si rivede in Comune”

"A Borgo Mezzanone, sabato 26 marzo 2016, si è consumato il tentativo da parte del sindaco di Manfredonia di mettere il bavaglio a una legittima manifestazione"

Di:

Manfredonia. ”A Borgo Mezzanone, sabato 26 marzo 2016, si è consumato il tentativo da parte del sindaco di Manfredonia di mettere il bavaglio a una legittima manifestazione, per non far emergere ciò che il primo cittadino non riesce a fare: ovvero amministrare. In primo luogo a Borgo Mezzanone, se è vero che ci ha negato l’occupazione di suolo pubblico, adducendo a manifestazioni di ordine religioso che non ci sono state, dopo che avevamo chiesto anche di poter spostarci dove riteneva più opportuno. Tutto inutile; il furore ideologico di chi si ammanta di democrazia senza concedere spazi ha prevalso, eppure una figura istituzionale non deve guardare al colore politico da chi dissente su argomenti e non la pensa come il PD. Infatti, in caso contrario si è ritenuti dei sovversivi, xenofobi, razzisti, sessisti. In Italia oggi è così: o sei politicamente corretto ed allineato o sei contro la democrazia. E se a Borgo Mezzanone sugli autobus gli ospiti del CARA non fanno salire studenti e lavoratori nessuno fiata, evidentemente il razzismo contro gli italiani che si è consumato non va divulgato, non fa notizia o al limite va data la notizia artefatta, mistificata e sui media regionali della carta stampata esce la notizia al contrario, cioè che degli studenti massimo quattordicenni avrebbero impedito l’accesso a dei robusti ventenni in salute.

L’effetto quindi della non concessione di manifestazione a Borgo Mezzanone ha prodotto da parte della Questura il divieto di pubblica manifestazione, ma noi a Borgo Mezzanone ci siamo andati lo stesso, abbiamo incontrato le decine di cittadini che ci aspettavano, gli abbiamo parlato e abbiamo preso contatti. Gli stessi ci hanno chiesto di ritornare per non lasciarli soli. Lo faremo sicuramente. I residenti ci hanno raccontato che quando non ci sono le tre camionette di forze dell’ordine che ci hanno accolto ieri, a Borgo Mezzanone le cose non vanno bene, ci sono ospiti che urinano per strada, ubriachi che minacciano con bottiglie, inseguimenti a ragazzine, prepotenza sui mezzi pubblici. Il divieto ha generato una solidarietà anche di altri movimenti politici, con cui non abbiamo nessuna forma di collaborazione, ma ci ha fatto piacere la solidarietà di Noi con Salvini, Destre Unite e Nuovo Ordine Nazionale che erano con noi a Borgo Mezzanone, anche a loro è stato impedito di parlare, aspetto ancora più grave della vicenda. Il Sindaco Riccardi ha fatto un errore strategico, voleva isolarci, ha ottenuto l’effetto opposto, ci si rivede in Comune a breve con una nuova richiesta di manifestazione”.

(A cura di Domenico Carlucci – Coordinatore regionale Forza Nuova Puglia)



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • quante chiacchiere

    Si puo’ dire che lo schifo parte dal governo Renzi e dal PD in genere.credete che se lo stato era presente accadeva tutto questo schifo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This