FoggiaManfredonia
Nota stampa

Frattarolo: “Mobilitiamoci per il sì al referendum”

"Si tratta di volere un’Italia che sa decidere, sa ridurre i costi della politica ed aumentare l’efficienza della politica"

Di:

Foggia. “Penso che il Partito Democratico pugliese, e quello dauno in particolare, debbano mobilitarsi convintamente per sostenere la causa del Sì al referendum costituzionale di ottobre” lo dichiara il dirigente provinciale del Pd Lorenzo Frattarolo, che aggiunge “Va compiuta una scelta di campo fra innovazione e conservazione, tra riforme e paralisi.” “Non si tratta affatto” prosegue Frattarolo “di schierarsi pro o contro Matteo Renzi, pro o contro la leadership di Matteo Renzi, pro o contro il governo di Matteo Renzi. Si tratta di volere un’Italia che sa decidere, sa ridurre i costi della politica ed aumentare l’efficienza della politica, sa stare a testa alta e con credibilità nei consessi internazionali.” “Dobbiamo sostenere una riforma”dice ancora l’esponente Pd “che è stata largamente condivisa, e poi avversata per ragioni di mera e strumentale tattica politica. Una riforma che conserva per intero la centralità parlamentare della nostra Carta fondamentale, ne preserva e difende i valori, fa funzionare meglio la nostra democrazia.” “Sono convinto” conclude Frattarolo “che la stragrande maggioranza degli iscritti, dei simpatizzanti e degli elettori del Partito Democratico condivida questa riforma. Nel pieno rispetto delle diverse opinioni e della pluralità che è ricchezza del nostro partito, ritengo che gli organismi dirigenti non debbano rinunciare ad esprimere con chiarezza l’orientamento dei Democratici in un appuntamento vitale per il futuro del nostro Paese. Saremo come sempre al fianco dei cittadini di buona volontà e a tutti coloro che amano l’Italia e fanno il tifo per lei.”

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • banana in c....o

    Davvero credi a queste str…… e, il “Porcellum” è oro rispetto “All’Italicus”, peraltro già dichiarata, da grandi costituzionalisti come Rodota’, incostituzionale. Renzi è un bluff al soldo di Berlusconi e dei poteri forti. In quanto ai costi della politica mi devi dire cosa è cambiato,. La riforma delle provincie non ha sortito gran che, la riforma del senato altrettanto; per quanto riguarda lo snellimento della procedura per approvare le leggi, ti consiglio di studiarti bene le nuove procedure, mentre alcuni art. della Costituzione sono stati letteralmente “violentati” e di incomprensibile difficoltà razionale. Per non parlare della legge elettorale che sottoforma, di pseudo democrazia, relega il cittadino a soggetto andincappato incapace d’intendere di volere e lasciando ai “partiti” o propriamente ai segretari di partito di scegliere chi mandare in parlamento e di governare incontrastati attraverso un premio di maggioranza che esclude le minoranze rendendo di fatto lo Stato fascista e dittatoriale. Allora io dico, ben vengano le riforme ma che siano costruttive e non di parte e che siano fatte nell’interesse collettivo e non solo per alcuni. Al caro pinocchio ( alias Renzi) , che nessuno a votato ma che ha scalato il potere con l’aiuto di un altro “balordo” che merita tutto il mio disprezzo e che tanto male a fatto alla nostra Nazione, vanno riconosciute doti macchiavelliche non comuni ma che non porteranno da nessuna parte. Allora io grido, con tutta la rabbia che ho in corpo nei confronti di questa classe politica corrotta e becera da primissima Repubblica, NO….. NO…… ed ancora NO… a queste riforme scellerate, e se siete onesti con voi stessi, dopo aver letto perbenino e senza partito preso, convergere con me che è meglio nessuna riforma che riforme di cui un domani ci dovremmo “VERGOGNARE”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi