ManfredoniaStato news
Una grande energia, da parte dei partecipanti è stata sprigionata, inondando di gioia, serenità e di speranza il cuore di tutti

Mani di pace, iniziativa scuola primaria di Manfredonia

Ogni gruppo ha portato la propria esperienza condividendo idee, emozioni, gesti, canzoni, cartelli, voci, progetti che tutti hanno realizzato nel corso dell'anno scolastico

Di:

Manfredonia. Le insegnanti di scuola primaria, dell’istituto comprensivo “CROCE-MOZZILLO”, Palladino Antonella, Prencipe Pasquina, Damiano Gerardina, insieme agli alunni e genitori delle loro classi 4C/4D, hanno partecipato nei giorni 15/16 di Aprile al Meeting nazionale di Scuole di Pace, a conclusione di un progetto dal titolo “SULLE ALI DEL VENTO IN UN GRANGIRAMONDO”. I temi trattati durante il corso dell’anno scolastico sono stati: Pace a km 0, L’uomo e i suoi diritti, L’interculturalità, SOS pianeta Terra.

Nominati “SOLDATINI DI PACE”, gli alunni hanno vissuto un anno pieno di emozioni e riflessioni sui temi indicati, dove il contrasto tra Guerra e Pace, Il Diritto chiama il Dovere, La bellezza della Natura contro l’Inquinamento, Italiani e Stranieri , è stato un vero incontro – scontro ma anche motivo di discussione e confronto; attraverso la lettura di tanti libri che hanno incuriosito e stimolato gli alunni a produrre testi di ogni genere dal narrativo, a quello scientifico-informativo, per concludersi con quello poetico. La lettura dell’enciclica di Papa Francesco “LAUDATO SI’” è stata, inoltre, il libro che maggiormente ha contributo a creare negli alunni una vera coscienza e consapevolezza di tutti i mali che affliggono il nostro pianeta Terra, ma soprattutto li ha resi più attenti e maturi verso se stessi e verso l’ambiente.

La conclusione, ma soprattutto il punto di arrivo è stata la partecipazione alla Marcia della Pace avvenuta in Assisi, da Santa Maria degli Angeli fin alla Basilica di San Francesco, dove alunni, genitori ed insegnanti hanno respirato un’aria diversa e ricca di spiritualità, il mistero del silenzio ormai sconosciuto alle nuove generazioni, hanno potuto relazionarsi con ragazzi coetanei ma anche molto più grandi, tutti però uniti per la stessa causa la PACE. Il loro scetticismo iniziale, li poneva di fronte ad un unico interrogativo: “Perchè andare ad Assisi?”. Non capivano il senso, l’importanza dell’evento, ma una volta lì ecco la rivelazione, le nostre mani dalle più piccole alle più grandi si sono incontrate con quelle degli altri bambini e ragazzi lontani come paese ma vicini nei pensieri e nei sentimenti. Ogni gruppo ha portato la propria esperienza condividendo idee, emozioni, gesti, canzoni, cartelli, voci, progetti che tutti hanno realizzato nel corso dell’anno scolastico.

Una grande energia, da parte dei partecipanti è stata sprigionata, inondando di gioia, serenità e di speranza il cuore di tutti.

(Ins. Antonella Palladino – Manfredonia)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This