Economia
Rispetto al 2015, quest’anno il “tax freedom day” arriva 3 giorni prima

Il 3 giugno gli italiani saranno “liberi” dal Fisco

Giorno di liberazione fiscale che, quest’anno, arriva dopo 154 giorni di lavoro

Di:

Roma. Dalla prossima settimana non lavoreremo più per il fisco. Dal 3 giugno, infatti, gli italiani festeggeranno il “tax freedom day”, ovvero il giorno di liberazione fiscale che, quest’anno, arriva dopo 154 giorni di lavoro: pari a poco più di 5 mesi lavorativi su 12. Questo appuntamento giunge in anticipo di 3 giorni rispetto all’anno scorso, quando la tanto agognata scadenza era sopraggiunta il 7 giugno. Come è stato calcolato il cosiddetto “tax freedom day” ? L’Ufficio studi della CGIA, che da più di 15 anni misura questo indice, ha preso in esame il dato di previsione del Pil nazionale e lo ha suddiviso per i 365 giorni dell’anno, ottenendo così un dato medio giornaliero. Successivamente, il gettito di imposte, tasse e contributi che gli italiani versano allo Stato è stato rapportato al Pil giornaliero, ottenendo il cosiddetto “giorno di liberazione fiscale” che, per l’anno in corso, “scoccherà” il prossimo 3 giugno. Sempre da un punto di vista metodologico, l’Ufficio studi precisa che in questa elaborazione la pressione fiscale del 2015 e del 2016 è stata calcolata al netto del cosiddetto “bonus Renzi” che nel nostro bilancio pubblico è conteggiato come un aumento di spesa e non come una diminuzione del carico fiscale a vantaggio di quasi 11 milioni di lavoratori dipendenti con retribuzioni medio-basse.

Per quale motivo il giorno di liberazione fiscale quest’anno arriva prima ? “Rispetto al 2015 – segnala il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo – il gettito complessivo del fisco è destinato a scendere di oltre 5 miliardi di euro. Quest’anno, infatti, le famiglie – ad eccezione di quelle proprietarie di ville, castelli e palazzi di pregio storico – non pagano la Tasi sulla prima casa, risparmiando circa 3,5 miliardi di euro. Le imprese, invece, non sono tenute al versamento dell’Imu sugli impianti imbullonati, da cui deriva una riduzione di gettito di 530 milioni di euro, mentre l’esenzione dell’Imu per i terreni agricoli vale 405 milioni. Le novità in materia di Irap, invece, prevedono l’abolizione dell’imposta per le imprese agricole e le cooperative di piccola pesca, con un risparmio di 167 milioni di euro. Il super ammortamento delle spese per investimenti al 140 per cento e i nuovi crediti di imposta per le attività ubicate nelle aree svantaggiate del paese garantiscono un minor gettito pari a 787 milioni di euro”.

Se rispetto al 2015 la situazione di quest’anno presenta un leggero miglioramento, la stessa cosa non si può dire se la comparazione viene eseguita con il 1996 o il 2006. Rispetto a 20 anni fa, la situazione è peggiorata di 5 giorni, visto che allora ci si era liberati dal pagamento delle tasse il 29 maggio, 2 giorni dopo rispetto al risultato ottenuto nel 1996 (anno bisestile). “In questi ultimi anni – conclude il segretario della CGIA Renato Mason – le politiche di rigore e di austerità hanno incrementato la pressione fiscale nel nostro Paese, penalizzando soprattutto le famiglie monoreddito e i lavoratori autonomi. Speriamo che dopo l’introduzione degli 80 euro a beneficio delle retribuzioni medio-basse, il Governo adotti anche delle misure a vantaggio delle partite Iva, abolendo l’Irap e riducendo le aliquote Irpef”.

Lavorare sino al 3 giugno per lo Stato – concludono dalla CGIA – ci dà l’idea di quanto eccessivo sia il nostro fisco. Ormai sui contribuenti onesti grava una pressione fiscale “reale” che quest’anno tocca il 48,4 per cento; 6,2 punti in più rispetto a quella “ufficiale”.

C’è un modo per far “indietreggiare” il giorno di liberazione fiscale ? Con una spesa pubblica più contenuta potremmo ridurre anche le tasse – concludono gli artigiani mestrini – ma questo risultato sarà possibile solo con una seria riforma di federalismo fiscale. Grazie ai costi e ai fabbisogni standard e ad una maggiore responsabilizzazione dei centri di spesa periferici, i paesi federalisti presenti in Ue ci hanno dimostrato di avere una spesa pubblica più contenuta, un peso fiscale molto inferiore e una qualità e un livello di servizi offerti ai cittadini e alle imprese nettamente migliori dei nostri.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati