Attualità
Fermato dopo l'attacco all'azienda di gas di Saint-Quentin-Fallaviern

Il killer di Lione confessa. Selfie con la testa decapitata

L'uomo avrebbe cominciato a collaborare con gli agenti. Ancora non chiarite le cause alla base del gesto


Di:

Parigi – HA confessato l’omicidio del suo datore di lavoro, decapitato, Yassin Salhi, 35enne fermato dopo l’attacco all’azienda di gas di Saint-Quentin-Fallaviern, nell’Isere.

L’uomo avrebbe cominciato a collaborare con gli agenti. Ancora non chiarite le cause alla base del gesto. “Il Canada sta collaborando con gli investigatori francesi, per cercare di rintracciare il destinatario del numero di cellulare a cui Salhi ha inviato via WhatsApp il selfie che si e’ scattato con la testa mozzata della sua vittima”. Lo riporta l’Agi.

Redazione Stato

Il killer di Lione confessa. Selfie con la testa decapitata ultima modifica: 2015-06-28T19:45:48+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi