Foggia
Nota stampa

Bus navetta per la zona industriale: incontro Fismic – Ataf

Si terrà la prossima settimana l'incontro tra Zenga e il Presidente Ferrantino per dare un seguito concreto alla richieste dei lavoratori

Di:

Foggia. “Se davvero viviamo in un Paese libero e civile, nessuno può arrogarsi il merito di speculare sui problemi reali dei lavoratori, specialmente quando gli stessi sono vittime di di atti di inciviltà e vandalismo”: esordisce così il Segretario Fismic di Foggia Antonio Zenga, in merito alle ultime notizie, secondo cui il consigliere comunale Luigi Bonarota sarebbe stato fautore di una mozione in Consiglio Comunale, che finalmente garantirà il servizio di bus navetta per i lavoratori pendolari dell’area industriale di Foggia, atteso da anni. “Il percorso per risolvere questa problematica che garantisca la sicurezza dei lavoratori – dichiara il Presidente dell’Ataf Raffaele Ferrantino – è stato già iniziato qualche tempo fa, proprio grazie a un incontro con la Fismic in azienda, che rendemmo pubblico con un comunicato stampa, per cui non credo proprio sia il caso che qualcuno conti di impostare la propria campagna elettorale su questo”.

Infatti, dopo aver verificato la disponibilità dell’Azienda Ataf a trovare una soluzione, con un incontro tra il Segretario Zenga, il Presidente Ferrantino, il Responsabile dell’Area Tecnica Ingegner Leo Ciuffreda e il Coordinatore dell’esercizio di rete Matteo Gramazio, lo scorso ottobre, ad oggi è già stato concordato un nuovo incontro per verificare le condizioni di avvio del servizio di un bus navetta tra la Stazione Incoronata e le aziende dell’area industriale foggiana: Leonardo/Finmeccanica, Fpt ex Sofim, Tozzi, Barilla e altre. “Poco importa – conclude Zenga – se la politica o il sindacato abbiano il merito di aver risolto il problema. Ciò che conta è che i lavoratori pendolari possano avere il diritto di recarsi nelle aziende della zona industriale di Borgo Incoronata con i mezzi pubblici, utilizzando il treno e poi il bus navetta messo a disposizione dall’Ataf. Quando ciò accadrà potremo dirci tutti soddisfatti”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati