Foggia
"Ogni risorsa liberata va restituita e reinvestita nel sistema"

Sanità: Fp Cgil, tagli sono agonia Ssn per favorire privato

Per la dirigente sindacale "si prosegue sulla strada sbagliata, quella che da anni vede una progressiva riduzione delle risorse, accompagnata da una inevitabile crisi del servizio pubblico"


Di:

Roma, 27 luglio 2015 – “Il progetto è chiaro. Si sta scientemente decidendo l’agonia, la fine del servizio sanitario nazionale pubblico per favorire quello privato”. Ad affermarlo è la segreteria nazionale della Fp Cgil, Cecilia Taranto, in merito al piano di spending review allo studio del governo sul tema sanità. Per la dirigente sindacale “si prosegue sulla strada sbagliata, quella che da anni vede una progressiva riduzione delle risorse, accompagnata da una inevitabile crisi del servizio pubblico, con l’esplosione delle liste d’attesa e milioni di cittadini che semplicemente smettono di curarsi. Anni di sacrifici anche per i lavoratori della sanità pubblica: da sei anni senza contratto, con il blocco del turn over e con il costante peggioramento delle condizioni di lavoro. Solo il loro sacrificio ha evitato il collasso del sistema sanitario”.

“È in atto – continua – un vero e proprio tentativo di uccidere il servizio sanitario nazionale, di fare ancora una volta cassa sulla pelle dei lavoratori e dei cittadini, e bisogna assolutamente interromperlo: non è più possibile immaginare nuovi tagli, il ché non vuol dire non pensare e praticare una riorganizzazione volta al miglioramento dei servizi offerti. Con un elemento inderogabile: ogni risorsa liberata va restituita e reinvestita nel sistema”, conclude Taranto.

Redazione Stato

Sanità: Fp Cgil, tagli sono agonia Ssn per favorire privato ultima modifica: 2015-07-28T10:22:38+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This