GarganoManfredonia
Nota stampa

Cera “Utilizziamo il ReD per apertura dei beni storici pugliesi”

"Avremmo così garantito l'ampliamento degli orari di apertura per i visitatori"

Di:

Bari, 28 lug. – ”Utilizziamo il Reddito di Dignità per garantire l’apertura dei beni architettonici pugliesi. In questi giorni molti turisti hanno trovato i cancelli e le porte di alcuni monumenti storico-artistici chiusi o visitabili in orari non comodi per chi si trova in vacanza in Puglia. Le cronache ci hanno riportato il caso della Basilica di S.Maria di Siponto a Manfredonia, visitabile in orari prestabiliti che non permettono la massima fruibilità di un patrimonio artistico tra i più belli del Gargano. La basilica è di proprietà della diocesi sipontina che può annoverare nel suo territorio altri importanti monumenti, come la Basilica di S.Michele a Monte S.Angelo, la Chiesa di S.Pio a S.Giovanni Rotondo o la Cattedrale di Vieste. Luoghi vocati al turismo e caratterizzati da una forte presenza di pellegrini e visitatori, in particolar modo nel periodo estivo. Sarebbe, quindi, auspicabile garantire la migliore accessibilità ai siti storico-artistici, magari attraverso una apposita convenzione tra Diocesi e Regione per utilizzare, come custodi, le persone che rientreranno nei benefici previsti dal Reddito di Dignità. Avremmo così garantito l’ampliamento degli orari di apertura per i visitatori e realizzato un processo di inclusione sociale per quelle persone escluse dal mondo del lavoro”. (Presidente dei Popolari, Napoleone Cera)

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati