GarganoManfredonia
Fonte ANSA

Lite al “Gran ghetto”, morto 34enne

La vittima, secondo quanto ricostruito dai militari del Comando provinciale di Foggia che indagano sull'episodio, avrebbe avuto un acceso diverbio con un ivoriano

Di:

(ANSA) – SAN SEVERO (FOGGIA), 28 LUG – Un cittadino di nazionalità malese di 34 anni è stato ucciso nel corso di un litigio avvenuto ieri sera all’interno del ‘Gran Ghetto’, il campo di baracche che si trova nelle campagne tra San Severo e Rignano Garganico e che ospita attualmente circa 2000 braccianti stagionali. La vittima, secondo quanto ricostruito dai militari del Comando provinciale di Foggia che indagano sull’episodio, avrebbe avuto un acceso diverbio con un ivoriano, anche lui ospite della baraccopoli.



Vota questo articolo:
4

Commenti

  • E una situazione insostenibile le istituzioni farebbero meglio a mandarli a casa. E una cosa che vorrebbero gran parte dei cittadini italiani ma visto che noi italiani non abbiamo voce im capitolo……….. siamo solo buoni a pagare le tasse . Poveri figli nostr!!!!


  • Raffaele Vairo

    Caro Sign. DIMA è una situazione insostenibile per questi nuovi “schiavi” che vivono in condizioni disumane, assiepati in un “ghetto” costituito da un campo di baracche. Ciò che impressiona, inoltre, è il silenzio assordante e l’indifferenza colpevole delle Istituzioni. Si sta perdendo il senso della dignità della persona umana…


  • cccill

    io dico che dobiamo mandare anghe qualchuno di manfredonia inzieme a quelli cosi imbara a faticare imbece di andare solo girando con la audi dalla mattina alla sera per il paese fumando ai bar e chisa che combina pure per tenere quei soldi invece di dire sembre le fesserie sui estracomunitari. che io mi sto morendo di fame accome loro e non dico niende perche penzo hai fatti miei e mi dispiace di come sta qualcuno anche se pure li stanno i delinguendi ma non tutti.


  • Matt Matto

    cccill,dicono a Roma “cè sei o cè fai”?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati