Cronaca

Morti sul lavoro. Campese: norme di sicurezza ritenute spesso “inutili”


Di:

Incidente sul lavoro (immagine d'archivio, nuovosoldo.it)

Incidente sul lavoro (immagine d'archivio, nuovosoldo.it)

Bari – “PURTROPPO le “morti bianche” non accennano a diminuire. “Solo l’altro ieri,25 agosto 2010, ben due morti nella nostra Regione – ha detto in una nota l’assessore al personale, Maria Campese – “A San Ferdinando di Puglia muore Antonio della Pietra mentre esegue lavori di impermeabilizzazione di una cisterna, e nelle campagne di Ordona muore un lavoratore agricolo, senza nome, probabilmente immigrato, annegato in un vascone irriguo. “Entrambi questi episodi – dice l’assessore- ci parlano della grave inadeguatezza delle misure di sicurezza sui luoghi di lavoro, soprattutto se nero.

“La mancanza di informazioni e formazione da parte dei lavoratori, anche occasionali, è la causa principale di incidenti quali quello di San Ferdinando di Puglia ed Ordona – dice Campese – Le normative di tutela della sicurezza sui luoghi di lavoro sono adeguate, stringenti; eppure ogni anno continuano a verificarsi oltre 1300 morti cosiddette “bianche”, a riprova che manca l’assunzione di responsabilità collettiva rispetto a questa grande tragedia. “Sono “incidenti” che si ripetono uguali a se stessi per tipologia, per casistica, per incidenza.

“Non si può fare appello alla fatalità; ci sono condizioni materiali che determinano questi incidenti. Le condizioni sui luoghi di lavoro, nonostante le continue denunce, anziché migliorare stanno peggiorando, perché il rispetto delle misure di sicurezza sono valutate come un costo “inutile”. “Da sempre vicina alla causa dei lavoratori, colgo l’occasione per esprimere il mio più sincero cordoglio alle famiglie delle vittime.”

FOCUS, TRAGEDIA DI SAN FERDINANDO, GENTILE: “PRESTO UN NUOVO DDL PER SICUREZZA LAVORO” – La tragedia, la proposta per un nuovo ddl lavoro

Morti sul lavoro. Campese: norme di sicurezza ritenute spesso “inutili” ultima modifica: 2010-08-28T05:34:23+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi