Foggia

Foggiana strozzata da una banana, 4 indagati

Di:

Giuramento medici a Faeto (St)

Medici (St - archivio)

Foggia – SONO 4 le persone iscritte nel registro degli indagati per omicidio colposo – su decisione del sostituto procuratore di Lecce Roberta Licci – nell’ambito dell’inchiesta per la morte di una 53enne – originaria di Foggia – avvenuta, il 23 agosto 2013, per soffocamento a causa di un pezzo di banana mentre era ricoverata nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Scorrano (Lecce).

Da raccolta dati, si fa riferimento ad un medico di turno, due infermieri e l’anestesista rianimatore intervenuto in un secondo momento. La donna, affetta da problemi psichici, in un momento di disattenzione degli infermieri del reparto, si era impossessata di una banana che un altro paziente aveva lasciato sul comodino, ingoiandola quasi per intero, causando così l’ostruzione del tratto esofageo. In seguito l’uscita nel corridoio e il crollo in terra. Indagini dei carabinieri.

Redazione Stato

Foggiana strozzata da una banana, 4 indagati ultima modifica: 2013-08-28T18:52:09+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Legnasanta

    D quando ho visto alcuni filmati di maltrattamenti ad anziani e portatori di problemi da parte di infermieri ed assistenti vari, non riesco a non pensare a male. Purtroppo non tutti questi centri sono organizzati come “l’Anna Rizzi” o altri che conosco. Si dovrebbero creare sezioni speciali (tipo i NAS oppure la DIGOS) che dovrebbero infiltrarsi in questi ambienti (pubblici e privati). Sono convinto che quello che emerso fino ad oggi sono solo pochi casi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi