Manfredonia
"Ritorno al passato. E’ quello che fa pensare la recente installazione"

Una cassarmonica in Piazza del Popolo

"Anche Manfredonia non ha voluto rinunciare a tale caratterizzazione e fin dai tempi più lontani, una cassarmonica veniva montata in Piazza Duomo poi Giovanni XXIII"

Di:

Manfredonia. Ritorno al passato. E’ quello che fa pensare l’installazione di una cassarmonica in Piazza del Popolo in occasione della festa patronale. Una visione nostalgica per un passato drasticamente cancellato. Una sorta di fantasma che riappare. Quanto meno relativamente alla cassarmonica. In quella piazza ce n’era una che faceva bella mostra di sé nel bel mezzo della piazza quando si chiamava Piazza del Municipio. Era in cemento ultima elaborazione di un manufatto inizialmente in legno, contornata dalle palme cresciute nel tempo. Era il 1924. Undici anni dopo, in omaggio agli eventi politici intervenuti, quello spazio dinanzi al Municipio fu rinominato Piazza della Rivoluzione. Altri eventi storici e al posto della Rivoluzione compare il popolo, quindi Piazza del Popolo. Immutata è rimasta la cassarmonica che ha funto da scena ai vari eventi che si sono susseguiti.

Almeno fino al 2011 quando la piazza è stata ridisegnata e ristrutturata così come la vediamo oggi. Naturalmente è stata eliminata la “famosa” cassarmonica e il filare di alberi ornamentali che delimitavano la piazza. Sono rimaste le sei palme. L’eliminazione di quella struttura punto di riferimento per tutte le manifestazioni di qualsiasi genere, fu variamente commentata. Ma poi, come il tempo insegna, è stata assorbita e usata per quello che è. Le manifestazioni si continuano a tenere lì utilizzando palchi di fortuna montati per l’occasione. Ora compare la cassarmonica, di quelle che caratterizzano le feste di paese e che hanno la funzione primaria di sopperire alla mancanza di una struttura dove le bande potessero esibirsi. Oltre che arricchire, con la loro imponenza architettonica, gli addobbi e le luminarie per la festa patronale, uno dei patrimoni culturali dei centri del sud.

Anche Manfredonia non ha voluto rinunciare a tale caratterizzazione e fin dai tempi più lontani, una cassarmonica veniva montata in Piazza Duomo poi Giovanni XXIII. Spesso ne venivano sistemate due sotto la facciata della cattedrale per consentire alle bande di alternarsi. Non solo “Grandi concerti bandistici”, ma anche orchestre lirico sinfoniche con cantanti lirici. Gli uni e le altre seguitissimi da folle di appassionati. La festa patronale era e lo è ancora oggi, l’unica occasione in cui poter ascoltare le musiche delle grandi opere liriche. Come noto Manfredonia non ha un teatro. Ce l’aveva. Il bel “Cine-teatro Pesante” finito alcuni anni orsono sotto i colpi delle ruspe per far posto a “civili abitazioni”. Stessa sorte è toccata all’attigua splendida “Arena Giardino” e agli altri cinematografi vanto della città. E’ rimasto il S. Michele ma solo perché si trova sotto una chiesa. E’ la cifra culturale della corrente Manfredonia.

Quest’anno si è corso il rischio di cancellare completamente quella tradizione recuperata a seguito di forti proteste, con un Concerto Bandistico esterno in aggiunta a quello prestigioso di Manfredonia, e la istallazione della cassarmonica in Piazza del Popolo. Una forzatura la localizzazione che poteva essere evitata a beneficio della tradizionale collocazione in Piazza Duomo o se si voleva dare un segnale di novità, nel rinnovato Piazzale Diomede.

A cura di Michele Apollonio, Manfredonia – Agosto 2017



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Anno XVII ERA RICCAMPO

    Hanno distrutto la scogliera..anche con n il tacito assenso della stampa, poi hanno creato infami e nefaste paludi e piste ciclabili fantasma, poi hanno distrutto piazze storiche e dolo adesso lei si desta? E dal 2000 dov’era in vacanza alle Tenerife?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi