GarganoManfredonia
Sull'obbligo vaccinale previsto dalla legge 119 "non mi farò dividere la Puglia" in favorevoli e contrari

Emiliano, sosterremo cittadini ‘no vax’


Di:

La Regione Puglia è sempre stata favorevole all’obbligo vaccinale previsto dalla precedente legislazione che per un ventennio ha regolato senza particolari problemi la materia. La convinzione che l’estensione delle vaccinazioni obbligatorie da tre a dieci e il rafforzamento delle sanzioni in caso di inottemperanza sia l’unico mezzo per far risalire il numero dei bambini vaccinati in Italia è secondo noi un errore politico che non considera l’elevato tasso di sfiducia dei cittadini nei confronti della politica.

L’incontro con le famiglie e i loro legali è stata un’occasione importante per ristabilire questa fiducia reciproca. Abbiamo scoperto che nessuno è contrario ai vaccini e che le polemiche sorgono solo a causa della abnorme estensione dell’obbligo vaccinale. La nuova legge sta seminando panico, creando sospetti e reazioni negative. Persino una regione come la Puglia, tra le più virtuose d’Italia in materia di vaccinazioni, da quando il Governo ha deciso di intervenire con tanta decisione, sta registrando un calo della propensione a vaccinarsi.

Ciò che prima era normale e ben accetto dalle famiglie, oggi, a causa di una legge che sottopone i cittadini a sanzioni come la non iscrizione a scuola o multe in denaro, sta provocando l’effetto contrario. Un errore politico molto grave che purtroppo è stato commesso. Adesso stiamo cercando di dare assistenza alle famiglie nell’applicare questa legge, della quale a nostro avviso non si sentiva il bisogno, ma che comunque va applicata. E questo incontro tra regione e cittadini è finalizzato proprio a minimizzare i disagi”.

È il commento del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano all’incontro che si è tenuto questa mattina a Bari nell’assessorato alla Sanità con una delegazione di cittadini pugliesi contrari all’obbligo vaccinale L.119/17.

“Dobbiamo applicare la nuova legge – ha spiegato il direttore di dipartimento Giancarlo Ruscitti – e come Regione stiamo cercando di alleviare la problematicità di tutte le famiglie e bambini sottoposti all’obbligo vaccinale. Questo significa semplificazione, evitando un inutile circolo di carte tra amministrazioni. Come Regione non abbiamo nessun potere coercitivo ma un dovere di spiegazione al cittadino dei vantaggi della vaccinazione e dei pericoli sia in caso di vaccinazione sia in caso di non vaccinazione.
Fermo restando che i medici hanno tutto l’interesse a evitare che bambini potenzialmente a rischio vengano vaccinati contro il loro interesse”.

L’incontro odierno è stato trasmesso in diretta streaming sulla pagina facebook della Regione Puglia.

Emiliano, sosterremo cittadini ‘no vax’ ultima modifica: 2017-08-28T18:19:20+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Redazione

    EMILIANO, SOSTERREMO CITTADINI ‘NO VAX’

    CODACONS: PIENO SOSTEGNO A EMILIANO, GIUSTE SUE CRITICHE ALLA LEGGE. MA INTERVENGA DI FRONTE ALLA CORTE COSTTITUZIONALE PER DIMOSTRARE CONTRARIETÀ ALLA LEGGE LORENZIN

    Il Codacons esprime pieno sostegno a Michele Emiliano, il governatore
    della Regione Puglia che ha messo l’accento sui difetti e le mancanze
    della norma sull’obbligatorietà vaccinale, offrendo il sostegno
    della Regione ai ricorsi dei cittadini contro la legge.

    L’Associazione concorda anche sulla lettura critica degli effetti prodotti
    dall’intervento del governo: ovvero, siamo perfettamente d’accordo
    sul fatto che l’obbligo – e la parallela mancanza di iniziative
    condivise e concordate con la popolazione – “stia costruendo una
    opposizione alla volontà di vaccinarsi più forte di quella che
    esisteva in precedenza”.

    Proprio sulla base di questo sostegno, l’Associazione chiede però a Michele
    Emiliano di dimostrare con i fatti la contrarietà alla “legge
    Lorenzin” intervenendo nel giudizio davanti alla Corte
    Costituzionale: qui infatti è in discussione l’incostituzionalità
    (o meno) del provvedimento. Il ricorso dinnanzi alla Corte non mette
    in discussione l’importanza delle vaccinazioni, ma conferma le
    critiche del Codacons e di milioni di genitori a un decreto
    tecnicamente sbagliato, sotto tutti i punti di vista.

    “Bene le parole di Emiliano, ma ora ci aspettiamo i fatti”, dichiara il
    Presidente Carlo Rienzi. “Lo aspettiamo alla Corte Costituzionale
    per contrastare insieme una legge intempestiva, confusa e inutilmente
    coercitiva per gran parte delle vaccinazioni”, conclude.


  • Redazione

    *VACCINI, MANCA (DIT): SUBITO CONSIGLIO MONOTEMATICO ED EMILIANO CHIARISCA
    RUOLO AVVOCATURA*

    *Dichiarazione del vice presidente della Commissione Sanità e consigliere
    regionale di Direzione Italia, Luigi Manca*

    Istigazione a intraprendere azioni legali: se questo fosse un reato il
    presidente Emiliano lo avrebbe compiuto sostenendo che sarà la Regione a
    farsi carico dei ricorsi che i pugliesi vorranno presentare contro
    l’obbligatorietà dei vaccini votata dal Parlamento italiano e quindi legge
    dello Stato.

    Le dichiarazione improvvide di Emiliano sono talmente dannose, sia sotto il
    profilo della salute dei pugliesi sia sul piano economico, che non possono
    essere prese in solitudine incontrando questo o quel comitato: per questo
    motivo ho chiesto una seduta monotematica e urgente del Consiglio regionale
    perché sia la massima assise a esprimersi in merito. Mi chiedo cosa
    avranno, questa volta, da dire la maggioranza e il Pd, in modo particolare,
    proprio quel partito che avrebbe voluto presentare una proposta di legge
    regionale sulla obbligatorietà prima ancora del decreto Lorenzin? Che
    impegno di spesa viene assunto per far fronte ai ricorsi e quali avvocati
    saranno scelti e pagati, visto che ci sembra improbabile che l’Avvocatura
    regionale possa rappresentare in giudizio il privato cittadino? A meno che
    Emiliano non pensi che a costituirsi sia proprio la Regione e allora
    sarebbe davvero assurdo!

    Bari, 29 agosto 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi