CapitanataCulturaManfredonia
Una donna cammina per le strade di un paese assolato. Osserva i monumenti, le case, il panorama..

‘Non sei mai stato qui’: vanno in scena i Monti Dauni

"Si tratta di un progetto innovativo per il territorio che può dare uno stimolo forte alla promozione di forme di turismo sostenibile"

Di:

Una donna cammina per le strade di un paese assolato. Osserva i monumenti, le case, il panorama. Non è mai stata lì. Il suo è un viaggio, interiore ed esteriore, alla ricerca di un “paesaggio dell’anima” in un percorso che si snoda tra i vicoli più caratteristici delle comunità dei Monti Dauni per promuoverne la conoscenza e la valorizzazione turistica.

Il viaggio è solo all’inizio: è infatti questa la prima tappa del nuovo progetto della società di produzione cinematografica AELITA S.r.l.s., con la collaborazione di Luisa Totaro e Valentina Sapone.

A Motta Montecorvino, tra i suggestivi vicoli del centro storico, è ambientato il primo programma, in uscita a breve.

“Si tratta di un progetto innovativo per il territorio che può dare uno stimolo forte alla promozione di forme di turismo sostenibile” – ha sottolineato, in un’intervista, l’autore e regista Vincenzo Totaro – “Si tratta, infatti, di aree dalle grandi potenzialità, legate al patrimonio storico ed etnografico, alla bellezza naturalistico-paesaggistica, all’offerta enogastronomica”. Il progetto può costituire un importante input per lo sviluppo turistico del comprensorio dei Monti Dauni, che potrebbe porsi come offerta concorrente a quella di altri comprensori italiani nei quali già da alcuni anni si sta puntando su un tipo di turismo legato al paesaggio, alla natura e al relax, con l’offerta di tour che si snodano tra piccoli centri rurali e montani, percorsi di trekking, ‘slow food’, ma anche servizi specifici per famiglie con bambini e anziani.

Il 2016 ha registrato dati da record per le presenze turistiche in Puglia: un’occasione, questa, per cavalcare l’onda, dando valore al patrimonio culturale e paesaggistico di questi centri e creando occupazione.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati