Manfredonia
A cura di Claudio Castriotta

Io che ricordo Anna (di C.Castriotta)

Di:

Io che ricordo Anna, come un’aria nuova, con una luce pura.

Io che ricordo Anna, mai da sola, la sua musica dell’anima, mille parole dalle labbra. Anna, ora che la città è vuota, Anna in alta quota, Anna su un nuvola, Anna in mezzo a un’onda.

Io che ricordo Anna ad una scrivania, con il ritmo cadenzale di una poesia. Io che parlo di Anna, come mia sorella, come una sera che è calata in fretta, senza la luna, senza più avventura, come una barca a riva legata ad una corda. Io che canto Anna, con un atto di vita, Anna tra le dita, mi passa come un’ombra, Anna nella stanza, Anna già lontana.

Se mi chiedete di Anna , io vi dirò che è ancora vera.

(A cura di Claudio Castriotta, Manfredonia)



Vota questo articolo:
6

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati