Cronaca
Un’altra occasione persa dal governo nella difesa dei piccoli comuni ormai a rischio spopolamento

Gatta “Ddl ‘Salva borghi’: un’elemosina”

Conclude il Sindaco Gatta: “Ritengo del tutto insufficienti le risorse assegnate: i piccoli comuni hanno bisogno di ben altro, per assicurare ai propri giovani un futuro”


Di:

Foggia. Il Sindaco di Candela Nicola Gatta commenta duramente il DDL “SALVA BORGHI “, il decreto sui comuni con meno di 5000 abitanti approvato nella serata di ieri dal Senato . “Con gravissimo ritardo il governo ha approvato un provvedimento in difesa delle piccole realtà ma assegnando risorse economiche irrisorie. Le solite briciole se paragonate a quanto è stato tolto in questi anni con il taglio dei trasferimenti statali. Cento milioni di euro in sette anni per oltre 5.585 comuni con quasi dieci milioni di abitati fanno circa 2.557 € all’anno per Comune. Né più né meno di un’elemosina. Mentre poi si stanziano in due anni 31 Miliardi di euro per salvare il sistema bancario.

Un’altra occasione persa dal governo nella difesa dei piccoli comuni ormai a rischio spopolamento. I sindaci fanno i salti mortali per far quadrare i conti senza incidere sui servizi alla popolazione e assicurando le necessarie manutenzioni a strade e scuole. E il governo taglia i trasferimenti”.

Continua Gatta: “La virtuosità del decreto è solo nei proclami, non nei fatti. Un provvedimento che non avrà efficacia alcuna e che non si tradurrà in benefici reali per i piccoli comuni e i loro abitanti. Viene da pensare che si tratti di uno specchietto per le allodole”.

Conclude il Sindaco Gatta: “Ritengo del tutto insufficienti le risorse assegnate: i piccoli comuni hanno bisogno di ben altro, per assicurare ai propri giovani un futuro”.

Gatta “Ddl ‘Salva borghi’: un’elemosina” ultima modifica: 2017-09-28T21:30:25+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This