FoggiaStato prima
Commercio di farmaci attraverso canali diversi dalle farmacie aperte al pubblico

Morte bodybuilder foggiano, 4 arresti

L’attività d’indagine ha preso impulso dalla denuncia sporta dal padre di Giovanni Racano, giovane bodybuilder foggiano


Di:

Foggia. Nell’ambito di un’attività coordinata dalla Procura di Foggia, personale della Guardia di Finanza e della Squadra Mobile del capoluogo dauno hanno eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di quattro persone.

L’attività d’indagine ha preso impulso dalla denuncia sporta dal padre di Giovanni Racano, giovane bodybuilder foggiano.

Come già pubblicato, Giovanni Racano è stato ricoverato, in gravissime condizioni di salute, agli O.O.R.R. di Foggia e, successivamente, trasferito presso l’ospedale S. Paolo di Bari, dove è deceduto il 17 aprile 2016.

Da qui, personale della Squadra Mobile e della Guardia di Finanza hanno intrapreso un’attività info-investigativa nei confronti del preparatore atletico di Racano e di altri soggetti che gravitano nel mondo dei bodybuilder. L’attività investigativa ha consentito l’emissione di quattro provvedimenti restrittivi.

I particolari dell’operazione verranno forniti in sede di conferenza stampa che si terrà questa mattina alle ore 10.30 presso gli Uffici della Procura della Repubblica di Foggia

focus
Morte Giovanni Racano, arresto titolare palestra maggio 2016

Redazione StatoQuotidiano.it

Morte bodybuilder foggiano, 4 arresti ultima modifica: 2017-09-28T09:29:11+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This