Cronaca

Furti e atti vandalici negli istituti “Poerio”, “Rosati” e “Masi”. La Provincia condanna


Di:

B.Consiglio (St)

Foggia – «L’ESCALATION di violenze che sta colpendo le scuole della Capitanata è uno sfregio al nostro territorio, una barbarie compiuta da bande di delinquenti contro i nostri figli e contro il futuro di questa terra». Così Billa Consiglio, vicepresidente della Provincia e assessore alle Politiche Educative, commenta l’ennesima sequela di atti vandalici e furti che hanno interessato gli istituti scolastici della provincia di Foggia. Questa volta ad essere prese di mira sono state le scuole del comune capoluogo, nello specifico gli istituti “Poerio”, “Rosati” e “Masi”.

Al “Masi” i malviventi hanno portato via – dopo aver divelto il dispositivo di priorità della porta antincendio – diversi computer ed un videoproiettore. All’istituto “Poerio”, invece, sono stati rubati i distributori di bevande. Mentre al “Rosati” il furto ha riguardato il bar ed è stato accompagnato dall’allagamento dei bagni e da atti vandalici che hanno interessato larga parte della scuola.
«Ancora una volta – afferma l’assessore Consiglio – siamo purtroppo costretti a registrare l’incedere di questa ignobile violenza, che provoca sdegno e indignazione. Per quanti sforzi la Provincia possa fare sul fronte della sicurezza degli istituti sembra infatti che vi sia quasi un disegno preciso teso a violentare con una perversa pervicacia i luoghi del sapere e della formazione delle giovani generazioni». «Per quanto di nostra competenza continueremo ad investire risorse ed impegno nell’aumento degli standard di sicurezza degli istituti – sottolinea il vicepresidente della Provincia – Lo abbiamo fatto con l’istituto alberghiero “Einaudi” e lo faremo anche con le scuole colpite da quest’ultimo “raid” vandalico».


Redazione Stato

Furti e atti vandalici negli istituti “Poerio”, “Rosati” e “Masi”. La Provincia condanna ultima modifica: 2011-10-28T19:42:12+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This