Cronaca

Negro (Udc): “Riequilibrare i poteri tra Presidente e Consiglio


Di:

Salvatore Negro, UdC (fonte image: iltaccod'italia.it)

Bari – “OCCORRE stabilire dei giusti contrappesi allo strapotere che hanno i Presidenti di Regione, i Presidenti Provincia e i Sindaci sul destino delle assemblee democraticamente elette. La realtà ci consegna un crescente numero dei sindaci che si dimettono e un Consiglio regionale “precario” per la decisione del presidente che legittimamente ambisce a ruoli nazionali e in tal modo condiziona il governo della Regione e l’attività dell’Assemblea consiliare a causa dell’incerta durata della consiliatura. Paradossalmente il sistema dell’elezione diretta non assicura più quella stabilità e governabilità per cui è nata”.

Lo ha detto il presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro, nel presentare oggi in conferenza stampa (unitamente ai colleghi di Ppdt, Mep, I Pugliesi, Psi, Idv) il disegno di legge di modifica di alcune norme dello Statuto della Regione Puglia con l’obiettivo di contenere i costi della politica e di superare di alcuni limiti registrati nei rapporti tra gli Organi della Regione. In particolare il disegno di legge annovera tra gli Organi della Regione anche il Vice Presidente (art. 1) che, come il Presidente della Giunta regionale, deve essere eletto direttamente ed a suffragio universale, ed ha funzioni vicarie in caso di dimissioni volontarie, rimozione, impedimento permanente o morte del Presidente al fine di determinare le condizioni istituzionali per la continuità della legislatura all’eventuale verificarsi di tali circostanze (art. 3).

“La modifica dello Statuto è un contributo che nasce dall’Udc ed è stato condiviso subito da altri Gruppi consiliari, dimostrando l’attualità dell’argomento – ha sottolineato il capogruppo Negro – L’auspicio è che si apra un dibattito nazionale sull’argomento perché molte sono le amministrazioni, soprattutto comunali, che cadono a distanza di poco tempo dall’elezione a causa del rapporto squilibrato oggi esistente tra i consigli e il sindaco o il presidente eletti direttamente dagli elettori. Un fatto grave che non assicura stabilità politica e finisce con il creare danni irreversibili alle comunità amministrate, facendo lievitare anche i costi della politica. Si pensi che solo per l’elezione del presidente e del Consiglio regionale della Puglia occorre una spesa di 21 milioni di euro che pesano sulle tasche dei contribuenti”.
“Al contrario – ha concluso Salvatore Negro – la proposta di elezione diretta del vicepresidente, assicura continuità in caso di dimissioni o impedimento qualsiasi del presidente riequilibrando in tal modo i poteri tra Capo del governo regionale, giunta e consiglio, e contribuendo anche al recupero di una dignità e di un’etica della politica che vuole il rispetto di quell’elettorato che scegliendo il presidente e i consiglieri regionali pretende l’attuazione del programma ad essi collegato”.


Redazione Stato

Negro (Udc): “Riequilibrare i poteri tra Presidente e Consiglio ultima modifica: 2011-10-28T19:52:03+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This