Manfredonia

Silenzio delle istituzioni alle vostre domande? “Rispondere, ple@se!”


Di:

Rispondere, ple@se!

AVETE inviato lettere, esposti, denunce, poste certificate, domande protocollate ad Agenzie, Comuni, Province, Regioni, Forze dell’ordine? Ad enti quali Asl, Agenzia delle Entrate, INAIL, INPS?

Siete in attesa di una risposta da tempo? Sono passati anni e non avete ancora ricevuto notizie? Nasce, ora, la nuova rubrica di Stato Quotidiano “Rispondere, ple@se!”.

Raccontateci le vostre esperienze, i vostri disagi, le vostre perplessità utili a trovare una risoluzione.

Inviate una mail ad uno di questi indirizzi:
segreteria@statoquotidiano.it
raffaele.salvemini@live.it
directorstato@gmail.com

Il vostro racconto sarà pubblicato ed eventualmente integrato con approfondimenti in merito.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Silenzio delle istituzioni alle vostre domande? “Rispondere, ple@se!” ultima modifica: 2013-10-28T22:26:39+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • anto

    Ottima iniziativa


  • Meridiani

    Mi sembra una iniziativa fuori luogo visto l’obbligatorietà alla risposta previsto dalla Legge 241/90: le pubbliche amministrazioni determinano per ciascun tipo di procedimento il termine entro cui esso deve concludersi, con apposita disciplina, e laddove non abbiano provveduto in tal senso, il termine è di 90 giorni.(Legge 15/2005).


  • Redazione

    Innanzitutto non si parla solo di pubbliche amministrazioni, inoltre ci sono risposte alle quali negli anni non sempre è stata data una risposta; grazie per il suo intervento; Red.Stato


  • duri a morire

    Una missiva inviata in regione mai evasa senza risposta ,costretto a vari solleciti senza esito. Grazie direttore di questa scelta e una buona iniziativa.la 241/90 non viene quasi mai applicata, loro giocano sul ricorso al TAR se ai interesse che la tua pratica sia evasa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This